Scelgo io chi voglio nella mia vita

Scelgo io chi voglio nella mia vita

Ti tengo con me perché sei rimasto anche quando io stessa non volevo stare con me. Mi hai accompagnato nei momenti più bui, quando mi voltavo le spalle da sola. Ti voglio nella mia vita perché mi rendi una persona migliore, perché non riesco a ridere o piangere con nessuno come faccio con te.

Di certo ti scelgo perché decido io chi voglio vicino, perché si sa che è una delle poche cose sui cui abbiamo libertà di scelta. E niente mi rende più felice di condividere la mia vita con persone che voglio avere accanto.

Coppia-in-altalena

Resto con chi vuole restare

Uno dei motivi per cui ti voglio nella mia vita è perché mi hai dimostrato di volerci essere. Forse questa è la cosa più importante: nessuno ci dà più gioia di chi vuole farlo onestamente. Nel momento in cui conosciamo nuove persone, non sappiamo quale posto occuperanno nella nostra vita, ma presto capiamo che ogni dettaglio è importante per decidere di restare o andarsene.

Per questo sono sicuro che con te non sto sbagliando: sei arrivato in silenzio, senza fare troppo rumore, e hai voluto conoscermi per dimostrarmi di voler restare con me. In cambio hai voluto solo che ci prendessimo cura a vicenda, che ci accompagnassimo nei momenti migliori e in quelli più brutti.

Lascio andare chi vuole andarsene

Così come scelgo di averti nella mia vita, mi riservo anche il diritto di decidere chi non deve rimanere, chi perdonare, se ce n’è bisogno, chi lasciare andare. Niente nella nostra vita è certo, tanto meno nei rapporti interpersonali: nessuno può assicurarci che la nostra famiglia biologica, ad esempio, sia la stessa che chiameremo “famiglia” un domani.

Quando ce ne rendiamo conto, capiamo che crescere è proprio questione di sopravvivere a questo. In fondo, le persone che ci amano sono davvero la nostra famiglia, quella che scegliamo o a cui permettiamo di esserlo. Le altre persone che incontriamo nella vita, che regalano solo relazioni tossiche che non ci fanno per niente bene, è meglio lasciarle andare perché non c’è miglior regalo di sapere di aver perso persone del genere.

Ho tanta voglia di chiederti di rimanere, ma non lo farò. Ci sono cose che vengono dal profondo delle persone, come rimanere, voler rimanere.
Anonimo
Coppia2

Sono felice con le persone che ho accanto

Il vantaggio di prendere decisioni è quello di eliminare tanti aspetti negativi che ci feriscono. Lo stesso vale per le persone: decidere con chi condividere la nostra vita ci consente di puntare sulla nostra felicità, di rimanere con chi ci rende più forti e più allegri.

  • È necessario scegliere sempre le persone che danno un abbraccio nei momenti belli e in quelli brutti, quelli che condividono le nostre vittorie e ci sostengono nelle sconfitte. Il vantaggio di avere accanto chi vogliamo è sapere che nessuno ottiene di più dalla relazione.
  • Io sono felice e per questo vi incoraggio ad esserlo, a scappare dalle persone che trasmettono vibrazioni negative, a circondarvi di amici che vi amino davvero e che amino la vita. Ricordate loro quanto sono importanti per voi e dimostrate che anche voi potete essere altrettanto importanti e necessari per loro.
  • Non lasciate passare tempo senza prendere la decisione di volervi bene e di lasciarvi voler bene: scegliete chi merita di starvi accanto e prendetevene sempre cura.
  • Non dimenticate mai che spesso è facile focalizzarsi su un errore e non ricordare, invece, tutte le cose buone che una persona ha fatto per noi. Abbiate il coraggio di perdonare se davvero volete che quella persona faccia parte della vostra vita e datele un’opportunità: decidete voi.
Smettete di perdere tempo con le persone sbagliate e che non vi permettono di essere felici. Se qualcuno vi vuole nella sua vita, vi farà spazio senza che dobbiate lottare per conquistarvelo. Non restate con una persona che vi ignora costantemente. Ricordate di valorizzare non chi vi accompagna nei momenti migliori, ma chi vi rimane accanto anche nei momenti peggiori.
Anonimo

Immagine per gentile concessione di Pascal Campion.

Di: Miriam Xillo