Anuptofobia: la paura irrazionale di essere single

Cos'è l'anuptofobia? Quali sono le sue cause e fattori scatenanti? Come può influenzare la nostra vita? In questo articolo ve lo diciamo!
Anuptofobia: la paura irrazionale di essere single

Scritto da Elena Sanz

Ultimo aggiornamento: 23 novembre, 2022

La vita di coppia può essere meravigliosa, arricchente e soddisfacente. A tutti noi piace essere amati, avere un compagno di vita e un supporto emotivo. Tuttavia, sappiamo anche che non tutti sono adatti a questo progetto e che, a volte, la solitudine è l’opzione migliore. Per chi soffre di anuptofobia, questa non è una possibilità ed è che essere single diventa una catastrofe da cui fuggire a tutti i costi.

Queste persone possono fare di tutto per non sentirsi abbandonate o perché la loro relazione non finisca. E se sono single in un dato momento, tendono a stringere legami con chiunque mostri anche il minimo accenno di disponibilità.

Suona familiare? La verità è che, senza esserne consapevoli, molte persone si ritrovano immerse in queste dinamiche motivate dalla paura, pertanto, oggi vogliamo approfondire la questione.

Cos’è l’anuptofobia?

L’anuptofobia è l’etichetta data alla paura irrazionale di essere senza un partner o di restare single. È l’intensa paura della solitudine e di non essere romanticamente legati a un altro essere umano. È considerata una fobia perché la paura è sproporzionata ed estremamente limitante.

In altre parole, non è un semplice desiderio di essere in una relazione o una preferenza per quello stato in un certo momento della vita. No, per una persona con anuptofobia essere single è sinonimo di fallimento, vuoto e infelicità.

Questa concezione porta le persone a impegnarsi in una serie di azioni appariscenti e malsane:

  • Mantengono relazioni dannose e insoddisfacenti per evitare la solitudine. Possono sopportare abusi, ripetute infedeltà e vivere con persone che non le soddisfano affatto. Fanno di tutto per mantenere una relazione.
  • Essere in una relazione è per loro un’ossessione o un obbligo. Pertanto, le loro attività romantiche sono praticamente senza standard. Possono decidere di accoppiarsi solo per attrattiva fisica o semplicemente perché l’altra persona accetta di essere in loro compagnia. Non stabiliscono criteri né cercano la necessaria affinità o compatibilità.

Altri tratti dell’anuptofobia:

  • In chiunque incontrino vedono un’opportunità per trovare un partner e uscire da quel drammatico stato di solitudine. Pertanto, tendono a voler legare troppo intensamente e rapidamente e vogliono ufficializzare anche senza sapere se quella relazione sarà praticabile. Poco dopo aver incontrato qualcuno, dicono già di sentirsi innamorati.
  • Possono creare relazioni costantemente e avere un partner diverso ogni mese. L’obiettivo è semplicemente quello di avere una relazione fine a se stessa, per poter sfuggire a quell’etichetta di “single”.
uomo che pensa
La bassa autostima può essere una delle cause della paura di essere single.

Perché si verifica l’anuptofobia?

Ci sono varie cause e fattori che possono spiegare perché si verifica l’anuptofobia. Qui vi mostriamo i più importanti:

1. Pressione dei pari

L’anuptofobia è molto più comune negli uomini e nelle donne di età superiore ai 30 anni. E non possiamo ignorare il fatto che esiste una forte pressione sociale per formalizzare una relazione, sposarsi e mettere su famiglia a una certa età. Quegli standard che ci vengono instillati praticamente fin dall’infanzia possono diventare un tormento e un peso per alcune persone.

Se tutti nell’ambiente spingono verso la ricerca di un partner, etichettando l’essere single come uno stato di mancanza o fallimento, ed etichettando negativamente chi non ha una relazione, è normale che molte persone si sentano sopraffatte.

Questo succede perché si accetta l’idea che una vita piena e corretta sia possibile solo all’interno di un legame romantico. Gli altri tipi di amore che possono essere sperimentati sono disdegnati e non sono contemplate altre opzioni vitali oltre all’essere in una relazione.

2. Bassa autostima e anuptofobia

Questo è un fattore cruciale, poiché una persona con una bassa autostima avrà bisogno di conferme esterne per sentirsi importante e adeguata.

Dunque, stando in coppia, si ottengono riconoscimenti, affetti e valori che la persona da sola non sente di avere. E, essendo single, tutti questi elementi si perdono, la persona si sente nuovamente insoddisfatta e si apre un grande vuoto difficile da gestire.

3. Dipendenza emotiva

Una persona con anuptofobia soffre, in una certa misura, di dipendenza emotiva. Vale a dire che subordina il proprio benessere ai legami affettivi che può stabilire con un altro. Questa dipendenza di solito ha origine in un’infanzia in cui la persona non ha ricevuto amore incondizionato e, quindi, si è abituata a desiderare quell’affetto e a temere profondamente di perderlo.

È anche comune che si verifichi in persone che sono state iperprotette durante la loro crescita e hanno imparato ad avere bisogno degli altri per vivere. Hanno sviluppato l’idea che non possono badare a se stessi e, in età adulta, la solitudine si profila come una sfida travolgente.

4. Scarse abilità sociali

Infine, l’anuptofobia può essere aggravata se la persona ha un deficit nelle abilità sociali o un’elevata sensibilità al rifiuto. Avere una cerchia sociale eccessivamente ristretta o chiusa, presentare estrema timidezza o difficoltà di relazione può portare a temere di essere soli in misura maggiore.

donna preoccupata
La dipendenza emotiva è solitamente presente nell’anuptofobia.

Trattamento dell’anuptofobia

Come in qualsiasi altra condizione, nell’anuptofobia si procede per gradi. Tuttavia, c’è chi può provare il vero terrore, non solo sotto forma di pensieri e preoccupazioni, ma anche soffrendo di sintomi fisiologici. L’idea di essere single può causare battito cardiaco accelerato, sudorazione e mancanza di respiro, tra gli altri segni.

Inoltre, la vita di una persona con anuptofobia è fortemente influenzata e limitata, rimanendo in relazioni malsane o sentendo il grande bisogno di legare a tutti i costi. Pertanto, se vi riconoscete in quanto sopra, è importante che cerchiate un supporto psicologico per lavorare su quella paura irrazionale e le sue cause e riconquistare la vostra libertà.

Potrebbe interessarti ...
Essere single è la mia realtà, nel bene e nel male
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Essere single è la mia realtà, nel bene e nel male

Sono sempre di più le persone che scelgono di rimanere single. Per altre persone, tuttavia, questa non è una decisione, ma un semplice dato di fatt...



  • Ammara, S., & Jameel, R. (2022). Rejection Sensitivity and Anuptaphobia in Unmarried Women: The Moderating Role of Social Support. Journal of Professional & Applied Psychology3(2), 195-207.
  • Watson, J., & Nesdale, D. (2012). Rejection sensitivity, social withdrawal, and loneliness in young adults. Journal of Applied Social Psychology42(8), 1984-2005.