Condizionamento avversivo e appetitivo

29 Aprile 2019
L'uomo lotta da sempre nel tentativo di cercare di controllare sé e gli altri. In questo articolo vi diremo tutto sul controllo avversivo e appetitivo

I termini condizionamento avversivo e condizionamento appetitivo sono stati introdotti da esperti in terapie di terza generazione, talvolta note anche come “terapie contestuali”. Si tratta di concetti molto interessanti, perché direttamente correlati al comportamento umano.

Condizionamento avversivo e controllo appetitivo sono legati soprattutto alla sfera della motivazione. Alludono anche a come il potere viene esercitato, sia dallo Stato che in aree più particolari e intime.

Questi due modi di esercitare il controllo hanno effetti molto profondi sul nostro atteggiamento nei confronti della vita e sul nostro stato mentale. Sono sempre presenti e quindi filtrano la nostra condotta senza essere notati. Vediamo di cosa si tratta.

“È ironico che una delle poche cose su cui abbiamo il controllo sia il nostro atteggiamento, eppure la maggior parte di noi vive la propria vita comportandosi come se non avessimo affatto alcun controllo.”

-Jim Rohn-

Uomo inseguito dalla propria ombra

Cosa sono condizionamento avversivo e condizionamento appetitivo

Il condizionamento avversivo

All’interno del condizionamento avversivo sono inclusi tutti quei fattori che condizionano il nostro comportamento e ci inducono ad agire per evitare una certa risposta dall’ambiente o da altre persone. In questo modo, l’individuo si comporta in modo tale da poter evitare qualcosa che considera spiacevole o doloroso per lui.

Vediamo alcuni esempi di condizionamento avversivo:

  • Una persona corre disperatamente, perché pensa di essere inseguita da qualcuno che vuole ferirla. In questo caso il persecutore condiziona il comportamento del perseguitato, che fa di tutto per evitare la possibile aggressione.
  • Una ragazza scivola in piscina e beve dell’acqua. Dopo questo episodio, inizierà a prestare molta attenzione quando cammina, non correrà a bordo piscina e, anzi, non ha piacere di tornarvi. La sua avversione per l’acqua è condizionata da ciò che le è successo.
  • Uno studente non riesce a finire il suo lavoro perché ha perso tempo con gli amici. Dice al suo insegnante che era malato, mentendo per evitare le conseguenze della sua irresponsabilità.
  • Un adulto evita di parlare francamente con il suo capo. È stato educato in un ambiente molto restrittivo, in cui non poteva esprimersi liberamente. Dovendo interagire con una figura autoritaria, prova una certa sottomissione psicologica e questo sentimento di timore gli impedisce di parlare con sincerità.

La caratteristica comune di questi atteggiamenti è l’evitamento. In caso di condizionamento avversivo è tipico eludere, rimandare, mentire, sottomettersi, essere aggressivi, ecc. Questi comportamenti hanno un effetto solo a breve termine, poiché, alla fine, non eliminano né sopprimono la fonte della paura o dell’avversione.

Il condizionamento appetitivo

Il condizionamento appetitivo è una forma di condizionamento governato dalla volontà e dal desiderio. In altre parole, corrisponde a quei comportamenti che sono motivati ​​dal desiderio di ottenere qualcosa che è considerato positivo.

Vediamo alcuni esempi di condizionamento appetitivo:

  • Una persona corre perché sta seguendo un programma di allenamento e si è prefissata l’obiettivo di raggiungere una certa velocità o livello di resistenza. Superare se stesso funge da motivazione,
  • Un bambino si tuffa in piscina e si diverte, mentre gioca con l’acqua. Ogni volta che vede una piscina cerca di entrarci, perché per lui è sinonimo di gioco. Lo fa perché gli piace.
  • Lo studente non ha fatto il suo lavoro, ma confessa al suo insegnante il motivo e si scusa. L’insegnante lo rimprovera, ma aumenta la sua fiducia nel ragazzo. La qualità della relazione è più forte della paura della punizione.
  • Un dipendente parla al suo capo e ad altre figure autorevoli ogni volta che ha bisogno o vuole esprimere qualcosa che considera rilevanti per il lavoro. Lo fa francamente e con rispetto, ma senza paura.

Ciò che è comune in tutti questi atteggiamenti è il fattore “di desiderio”. La persona agisce in un certo modo, perché desidera farlo e lo considera positivo. Ha il controllo sulle sue azioni e in ognuna di esse riafferma e rafforza il proprio benessere.

Pesce salta da una palla all'altra

Condizionamento avversivo e appetitivo in ambito sociale

I concetti di condizionamento avversivo e appetitivo valgono anche per i grandi fatti sociali. Il potere dello Stato, ad esempio, disegna un intero gruppo di sanzioni per coloro che non sono conformi al quadro giuridico.

La maggior parte della popolazione agisce in relazione alle regole imposte dalla società e dello Stato, cercando di evitare punizioni o sanzioni. La società raramente premia le buone azioni, punendo invece quelle considerate cattive. In questo modo, il condizionamento avversivo e appetitivo raramente sono uniti nelle grandi realtà sociali. Il controllo basato sull’avversione è quello predominante.

Differenze tra controllo avversivo e controllo appetitivo

A livello “macro” e “micro”, il condizionamento avversivo funziona per generare paura, tristezza e sottomissione. Il condizionamento appetitivo, d’altro canto, darebbe vita a società e persone libere, felici e mosse da un innato coraggio.

Non si escludono a vicenda, anzi spesso appaiono combinati tra loro. E voi, quale di questi tipi di condizionamento prediligete e in quali ambiti li mettete in pratica?