La sirenetta di colore: conoscete la tradizione?

Il 24 maggio la Disney farà uscire il nuovo film su "La Sirenetta". Il fatto che la sua protagonista sia di colore ha suscitato numerose critiche. Tuttavia, nella tradizione non sempre questa figura ha avuto capelli rossi e pelle bianca. Leggete per saperne di più!
La sirenetta di colore: conoscete la tradizione?
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio, 2023

Se ci sono delle creature mitologiche che ci hanno sempre affascinato per il loro folklore, il loro mistero e la loro iconografia sono le sirene. La Disney lo sa bene e se nel 1990 ci ha regalato il film d’animazione “La sirenetta”, tra qualche mese scopriremo una bellissima sirena in carne e ossa con protagonista Halle Bailey, attrice di colore. Ora, va detto che, quando il trailer di questa produzione è stato pubblicato, ha ricevuto milioni di “non mi piace”.

Come se non bastasse, è stata avviata una campagna su diversi social network con hashtag come #NotMyMermaid e #MakeMermaidsWhiteAgain. Critiche e attacchi sono giustificati dall’idea che la sirenetta originale abbia i capelli rossi e la pelle bianca. La protagonista scelta, invece, è vista come una vera e propria offesa, un attacco alle favole.

Non tutti sanno che la storia originale che Hans Christian Andersen pubblicò nel 1837 non è poi così simile a quel film d’animazione che molti usano erroneamente come canone. Il suo finale, ad esempio, è un’epitome di tragedia e cuori infranti. Allo stesso modo, nella mitologia delle sirene, quelle con la pelle scura sono state una costante nel corso della nostra storia.

Lungi dal vedere questo film come un altro esempio di inclusione forzata, può essere un piccolo omaggio a una realtà culturale tanto velata quanto interessante.

“Devo essere una sirena. Non ho paura degli abissi e ho molta paura della vita in superficie.”

-Anaïs Nin-

dipinto per ricordare l'occultamento delle sirene nere
“A Race with Mermaids and Tritons”, di Collier Twentyman, è un altro esempio di quelle opere che hanno rafforzato un’ideologia etnica molto specifica sulle sirene.

La sirenetta di colore, una realtà nel folklore di tutto il mondo

Il nostro immaginario collettivo quasi automaticamente crea sirene con pelle di porcellana e capelli rosso fuoco. Il fatto che sia così non deriva esclusivamente dal classico film Disney. L’arte, fin dal XIX secolo, ha avuto una particolare predilezione per la mitologia delle sirene.

In epoca vittoriana, artisti come Herbert James o Lord Frederic Leighton ci hanno regalato splendide opere su questo tema. In quelle tele queste figure rappresentavano una sottile e perfetta combinazione tra la femminilità, il mitologico e il minaccioso.

Non dimentichiamo che le loro canzoni avevano lo scopo di portare alla morte i marinai. Ora, sono stati i preraffaelliti, come John William Waterhouse, a lasciare nel nostro inconscio l’impronta di quelle sirene rivestite di capelli rossi.

Al mondo dell’arte non interessava tuffarsi nel folklore dei popoli per dare visibilità alle sirene nere. Nonostante fossero lì, a battere nella cultura e nella storia di interi continenti.

Dopotutto, ogni luogo dove c’è acqua darà forma al mito di una bellissima donna con la coda di pesce. La sua specie sarà tanto diversa quanto lo sono i popoli del nostro variegato mondo.

Le storie delle sirene nere sono sempre esistite e sono state trasmesse oralmente e attraverso numerosi libri.

Sirenetta di colore, uno spirito dell’acqua

Da qualche mese, e a seguito delle polemiche sorte con il nuovo film Disney e con la scelta della sua protagonista, vengono regolarmente pubbicati articoli di critica. Ora, in tutta quella miriade di critiche e rimpianti, spicca la voce di chi fornisce informazioni interessanti sull’argomento. Anche della necessità di dare visibilità alle sirene nere.

Studiosi di educazione letteraria e socioculturale come la dottoressa Desiree Cueto e la dottoressa Dorea Kleker dell’Università dell’Arizona hanno contribuito con le loro voci allo spazio Worlds of Words. Qui non solo ci hanno fornito un’ampia bibliografia su queste figure mitologiche. Hanno anche tirato fuori da quegli spazi opachi dell’oblio una realtà culturale piena di potere e storie interessanti.

Ecco le prime sirene di colore della tradizione dal mondo:

  • Yemoja è uno spirito dell’acqua del popolo della Nigeria ed è raffigurato come una sirena vivificante. Vive nel fiume Ogun Odò ed è venerato in ruscelli, pozzi e sorgenti.
  • Mami Wata è una divinità la cui mitologia proviene dall’Africa occidentale. Sono spiriti dell’acqua sia maschili che femminili, capaci di portare fortuna e calamità. Spesso, quello che fanno è catturare le persone che vogliono portarle nelle profondità dei loro regni. Successivamente vengono riportati nel mondo esterno e, quando lo fanno, le loro vite saranno segnate dalla felicità e dalla ricchezza. In altri casi, la fatalità li accompagnerà.

Le sirene dei Caraibi, un passato traumatico

Anche la drammatica traversata transatlantica vissuta da così tante persone quando furono portate dal continente africano in America lascia la sua traccia mitologica nella figura delle sirene nere. Un libro molto illustrativo ed emozionante su questo argomento è senza dubbio The Deep di Rivers Solomon (2019).

Questo romanzo ci porta la storia/mito di quante donne africane incinte saltarono (o furono gettate) da quelle navi di schiavi in mare. I bambini sono passati dal liquido amniotico materno al mondo oceanico per diventare sirene e tritoni. Una nuova società acquatica con un passato traumatico. L’immagine non potrebbe essere più simbolica.

D’altra parte, ad Haiti è molto comune parlare di una signora molto particolare: la Sirene. È lo spirito del mare, un’entità tanto ammirata quanto temuta. Si dice che nelle notti di luna piena porti in profondità i bambini che nuotano e stia con lei.

Si dice anche che componga la sua musica, che sia una bellissima mulatta con gli occhi verdi e che, quando lo desidera, possa attraversare il nostro mondo con le sue due gambe, abbandonando la sua coda di pesce.

Abbiamo sempre avuto sirene nere nella nostra storia come umanità. Risalgono alla mitologia africana e continuarono nelle zone dei Caraibi durante la schiavitù.

immagine di sirene nere
La prima del prossimo adattamento della Disney al cinema è accompagnata da numerose critiche per la scelta della sua attrice.

Oltre le favole…

Se c’è una cosa che sappiamo delle fiabe, è che sono cambiate nel corso dei secoli. Quasi nulla rimane dei messaggi moralistici che Charles Perrault o Hans Christian Andersen ci hanno lasciato nelle storie dei loro figli. Più tardi, con l’avvento della Disney, le storie originali furono imbrattate di infiniti strati di idealismo e romanticismo.

Se potessimo disinfettare le attuali storie per bambini, scopriremmo lezioni di vita reale. La Sirenetta di Andersen è una metafora del sacrificio e della sofferenza femminile. La giovane creatura marina ama e salva due volte un principe che non la ama e spesso la tratta come un semplice animale. La strega del mare si taglia la lingua e in cambio offre le sue due gambe, ma camminare su quelle membra è incredibilmente doloroso.

Se ci addentriamo nella tradizione della figura della sirenetta di colore, ci immergiamo anche in territori poco adatti alla mente infantile. Schiavitù, sottomissione e la figura delle donne che a volte usano la propria sessualità per punire delineano realtà che, per il momento, il cinema non ha portato sul grande schermo. Farlo, forse, darebbe troppo fastidio a chi resta legato a innocui racconti di sirene preraffaellite.

Potrebbe interessarti ...
“Inside Out”, come gestire le emozioni
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
“Inside Out”, come gestire le emozioni

Inside Out spiega come le emozioni che si trovano nel cervello di una ragazza, che si è appena trasferita dalla città, funzionano e reagiscono



  • Mama Zogbé (2007) Mami Wata: Africa’s Ancient God. Healers Society
  • Monique Roffey (2022) The Mermaid of the Black Conch de Monique Roffey. Penguin Random House
  • Virginia Hamilton & Leo & Diane Dillon (1995) Mary Belle and the Mermaid from Her Stories: African American Folktales, Fairy Tales, and True Tales. Blue Sky Press
  • Zetta Elliot (2017) Mother of the Sea de Zetta. CreateSpace Independent Publishing Platform

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.