Isolamento e social network: come influisce sugli adolescenti?

Avete un figlio adolescente che è sempre al cellulare ed esce a malapena dalla sua stanza? Sebbene sia vero che a questa età cercano di avere il proprio spazio e la propria privacy, ci sono comportamenti che possono finire per influire sulla loro salute mentale. Dobbiamo conoscere i rischi.
Isolamento e social network: come influisce sugli adolescenti?
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2022

Qual è la cosa più importante per un adolescente? Se facessimo questa domanda ai nostri ragazzi, molto probabilmente risponderebbero “gli amici”. Basta dare uno sguardo a quella fase della nostra vita per ricordare  nitidamente la rilevanza del contatto sociale quotidiano e costruire quelle prime alleanze come le amicizie e anche i primi amori. Oggi però parleremo di isolamento e social network, un paradosso.

Tuttavia, se gli adolescenti di oggi riflettessero sul loro comportamento, scoprirebbero che, per molti di loro, la cosa più importante è avere una connessione Internet e un telefono cellulare. Sebbene gli esperti raccomandino che l’età più appropriata per avere un dispositivo sia 15 anni, la verità è che, secondo l’Istituto Nazionale di Statistica, il 66% dei ragazzi tra i dieci e i quindici anni possiede già un telefono.

Ed è qui che arriva l’ironia più grande di tutte. Ragazzi e ragazze usano i loro dispositivi per scopi sociali, per uscire nel mondo e rimanere in contatto con i loro coetanei. Tuttavia, la tecnologia sta causando un isolamento sempre più pronunciato negli adolescenti. Si relazionano meno con il loro ambiente e, soprattutto, con la propria famiglia.

Cosa sta succedendo? Quali conseguenze possono derivare da queste circostanze?

Il cervello, e soprattutto quello degli adolescenti, non è preparato all’isolamento. Se, inoltre, buona parte delle loro interazioni provengono dall’universo virtuale della tecnologia, è probabile che aumenteranno i problemi di salute mentale.

Adolescente preoccupato che guarda i social media.
L’uso del cellulare separa i giovani dalle pratiche sociali nel mondo reale, e fanno sì che preferiscano l’universo privato e isolato del virtuale e del digitale.

La mia stanza e la connessione Internet, i miei rifugi

Quando un bambino raggiunge la preadolescenza, è normale che rivendichi i propri spazi. Poter disporre di rifugi esclusivi in cui la privacy fa parte del proprio sviluppo psicosociale.

Questo è qualcosa che spesso può far scattare un campanello d’allarme per i genitori, ma è anche una dinamica a cui si abituano quando quel ragazzo o ragazza raggiunge l’adolescenza.

In questo desiderio di privacy, fanno delle loro stanze i loro esclusivi santuari; quelli che nessuno può attraversare. Il problema è che, spesso, costruiscono una casa parallela e isolata in quel territorio all’interno della casa famiglia stessa. A volte si ostinano persino a mangiare lì ea passare sempre meno tempo in compagnia dei genitori e dei fratelli.

Negli ultimi decenni, con l’avvento delle tecnologie (ricordiamoci che non sono più così “nuove”), questa realtà si è un po’ complicata. Il bisogno di isolamento e le reti sociali nascondono nei più giovani un legame diretto e quotidiano. Piattaforme come Youtube, Twitch e TikTok sono finestre per l’intrattenimento, la scoperta e la connessione sociale.

Perché uscire se hanno tutto ciò di cui hanno bisogno davanti a uno schermo?

Nonostante il fatto che gli adolescenti interagiscano con altre persone sui loro social network e applicazioni, provano un maggiore senso di solitudine. Tuttavia, questo non sempre li spinge a lasciare le loro stanze e cercare altre forme di svago.

Isolamento e social network: quali effetti hanno sulla salute mentale degli adolescenti?

Gli esseri umani sono creature sociali e se c’è qualcosa che motiva e rende felice un adolescente è uscire con i propri amici. Tuttavia, una parte dei nostri ragazzi e ragazze trascorre più tempo nelle proprie stanze, incollati a uno schermo.

Quella dimensione parallela è quella che consuma tutto il loro tempo, quella che li priva anche dell’opportunità di avere una connessione più stretta con il mondo.

Molti genitori vedono con preoccupazione il legame tra isolamento e social media. Per questo motivo, è comune che propongano alternative, come praticare uno sport, invitare amici o organizzare un’attività per il tempo libero. Ma non sempre funziona. Perché TikTok dirotta la tua attenzione e crea dipendenza, perché c’è sempre qualcuno da seguire su Twitch o YouTube.

Un cervello svantaggiato

Il cervello nell’adolescenza attraversa un periodo chiave del suo sviluppo. La sua architettura neurale continua a formarsi e ci sono molte aree che non  completeranno il loro sviluppo fino a dopo 20 anni. Ogni esperienza, interazione, abitudine e pratica scolpisce il cervello dell’adolescente, nel bene e nel male.

La ricerca della Emory University, Atlanta, evidenzia qualcosa di interessante. L’adolescenza, come spiegato in questo lavoro, è un periodo critico in cui l’esperienza sociale ottimizza la capacità di raggiungere obiettivi in età adulta. Se tra i 12 ei 18 anni questi giovani optano per l’isolamento, il loro cervello subirà alcune alterazioni.

Questa mancanza di stimolazione e connessione sociale influisce sul processo decisionale, sulla capacità di ottenere risultati e anche sulla salute mentale. Spesso, il semplice fatto di essere senza amici o con relazioni sociali fragili influisce già sullo sviluppo psicosociale.

Isolamento, social network e infelicità

TikTok li intrattiene, li fa ridere, cimentarsi in sfide, entrare in contatto con gli amici, scambiarsi rinforzi sociali. Hanno WhatsApp per parlare a qualsiasi ora del giorno e della notte, oltre a innumerevoli piattaforme per essere informati di tutto ciò che vogliono. Tuttavia, il mondo dei social media e della tecnologia non sempre li rende più felici.

Molti scoprono la vita e cominciano a forgiare la propria identità nella solitudine delle loro stanze e davanti a uno schermo. Ci saranno adolescenti che ne sono arricchiti, che lo trovano positivo. Invece, altri svilupperanno un problema di salute mentale. Così, uno studio della Johns Hopkins School of Medicine evidenzia come l’uso dei social network sia legato a un aumento della depressione e dei comportamenti suicidari.

Queste applicazioni rafforzano tutto, dal confronto sociale alla creazione di un’immagine distorta di se stessi. L’ansia e lo scoraggiamento aumentano e si costruisce una bassa autostima che orbita intorno a tutto e rafforza il rifiuto della propria immagine di sé. Maggiore è la dipendenza da questo tipo di scenari digitali, maggiore è il bisogno di isolamento. Pertanto, più lo scoraggiamento si intensifica.

Pensiamo che non sia comprensibile chiedere a un adolescente di non passare tanto tempo davanti al computer o al cellulare, quando i genitori fanno esattamente la stessa cosa.

App che puntano alla dipendenza

C’è un fatto indiscutibile. Piattaforme come Instagram o TikTok sono progettate per creare dipendenza. Se negli ultimi tempi si sta dando più valore ai video che ai semplici post con messaggi, è per l’attrazione che genera questo strumento nel cervello.

Se a questo aggiungiamo gli algoritmi perfettamente programmati per offrirci i contenuti che ci piacciono, è molto facile che passino ore senza che ce ne accorgiamo.

Gli adolescenti hanno maggiori difficoltà a mantenere l’autocontrollo e questo spiega gli evidenti problemi nello smettere di usare il cellulare. L’isolamento è spesso rafforzato dal potere d’azione di questi programmi.

Volto di una ragazza adolescente con isolamento e social network
La sana connessione sociale degli adolescenti con il loro ambiente è la chiave del loro sviluppo psicologico.

Come affrontare le tendenze all’isolamento causate dai social network?

Sappiamo che isolamento e social network hanno un rapporto diretto e che questo colpisce soprattutto gli adolescenti. Cosa possiamo fare al riguardo? Queste sarebbero alcune chiavi su cui riflettere.

  • È necessario educare i nostri figli fin dalla più tenera età all’uso sano della tecnologia.
  • Evitiamo di offrire loro un cellulare prima dei 15 anni, età consigliata dagli esperti.
  • Non è consigliabile che i bambini abbiano il proprio computer in camera. È meglio installarlo in uno spazio comune dove gli adulti possano supervisionarne l’uso.
  • L’uso di Internet deve avere orari programmati. Al di là di tali orari (e soprattutto di notte) si consiglia di accantonarne l’uso.

Inoltre..

  • Da adulti, dobbiamo monitorare che tipo di uso fanno gli adolescenti dei loro social network.
  • I genitori dovrebbero essere i migliori modelli di ruolo per i loro figli. Diamo l’esempio.
  • Facciamo in modo che gli adolescenti svolgano attività che promuovano la loro connessione sociale con l’esterno e oltre le loro stanze. Lo sport, imparare la musica o ballare è un modo per connetterli con il mondo e con una passione.

In conclusione

Uno dei più grandi conti in sospeso che abbiamo con i nostri adolescenti è quello di offrire loro meccanismi per un uso più sano dei social network. Purtroppo, questo non sarà sempre possibile, dal momento che gli sviluppatori di tali strumenti hanno come obiettivo fare in modo che, come utenti, anche noi trascorriamo più tempo possibile sulle loro piattaforme.

Potrebbe interessarti ...
Apparenza sui social network e realtà
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Apparenza sui social network e realtà

L'apparenza sui social network è diventata una vera ossessione, tanto da poter persino parlare di uno stile di vita. Scopritene di più.



  • Almeida ILL, Rego JF, Teixeira ACG, Moreira MR. Social isolation and its impact on child and adolescent development: a systematic review. Rev Paul Pediatr. 2021 Oct 4;40:e2020385. doi: 10.1590/1984-0462/2022/40/2020385. PMID: 34614137; PMCID: PMC8543788.
  • Hinton EA, Li DC, Allen AG, Gourley SL. Social Isolation in Adolescence Disrupts Cortical Development and Goal-Dependent Decision-Making in Adulthood, Despite Social Reintegration. eNeuro. 2019 Sep 23;6(5):ENEURO.0318-19.2019. doi: 10.1523/ENEURO.0318-19.2019. PMID: 31527057; PMCID: PMC6757188.
  • Su C, Zhou H, Gong L, Teng B, Geng F, Hu Y. Viewing personalized video clips recommended by TikTok activates default mode network and ventral tegmental area. Neuroimage. 2021;237:118136. doi:10.1016/j.neuroimage.2021.118136
  • Wilmer HH, Chein JM. Mobile technology habits: patterns of association among device usage, intertemporal preference, impulse control, and reward sensitivity. Psychon Bull Rev. 2016;23(5):1607-1614. doi:10.3758/s13423-016-1011-z.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.