Mastodon: perché optare per quel social, se Twitter crolla?

Twitter, fino ad oggi, non è ancora caduto. Tuttavia, molti lo vedono come quel giocattolo nelle mani di Elon Musk che può rompersi in qualsiasi momento. Per questo c'è chi pensa di migrare su Mastodon come alternativa: cosa ha questo social per suscitare così tanto interesse?
Mastodon: perché optare per quel social, se Twitter crolla?

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 25 novembre, 2022

L’umanità sta attraversando tempi incerti e un po’ strani, nessuno può negarlo. Come disse il pittore post-impressionista francese Paul Cezanne, “viviamo in un arcobaleno di caos”. E questo rende il momento presente una realtà molto propizia per l’analisi del comportamento della nostra società da qualsiasi punto di vista: economico, psicologico, sociale, filosofico, ecc.

I social network sono il barometro con cui misurare molti degli sconvolgimenti, degli intrighi e dei cambiamenti che si verificano oggi. In questo modo, se qualche mese fa il magnate Elon Musk ha assunto il controllo di Twitter, annunciando di lì a poco il licenziamento di metà del personale dell’azienda, qualche giorno fa ci siamo svegliati con una nuova notizia. Un’altra, ancora più inquietante.

Una buona parte dei dipendenti della sede aziendale di Twitter a San Francisco si è dimessa. Dopo l’ultimatum presentato da Musk che li esortava ad aumentare la produttività e lavorare più ore, quasi un terzo della forza lavoro ha lasciato il posto. Questa mancanza di ingegneri mette a rischio la stabilità della piattaforma e diverse voci hanno annunciato che questa potrebbe essere la fine di questo social network.

Da parte sua, lo stesso magnate e uomo d’affari afferma di non essere “preoccupato” e insiste sul fatto che gli utenti registrati di Twitter stanno crescendo più che mai. Tuttavia, da alcuni giorni c’è un’altra applicazione che è diventata di moda ed è una tendenza. Stiamo parlando di Mastodon, la possibile alternativa alla rete blue bird.

Se Twitter dovesse scomparire, perderemmo un’eredità molto grande della nostra storia digitale.

Mastodont un nuovo social.
Mastodon si definisce la rete “aperta, libera e frutto di collaborazione”.

Cos’è Mastodon?

Dallo scorso 27 ottobre, quando Twitter è diventato (per molti) il giocattolo rotto di Elon Musk, più di un milione di persone si sono unite a Mastodon. E il numero di utenti continua ad aumentare di giorno in giorno. Su Twitter, infatti, è sempre più frequente vedere utenti e personaggi pubblici che già annunciano il proprio nome utente su questo social network per attirare i propri follower su quell’altro canale.

La verità è che avevamo molte altre piattaforme alla nostra portata, da Telegram a Reddit, passando per Tumblr, Discord o CounterSocial. Ma cosa ha in particolare Mastodon per essere l’alternativa preferita a Twitter? Innanzitutto, c’è un elemento motivazionale che sembra ripetersi: la maggior parte delle persone è alla ricerca di una piattaforma di microblogging meno tossica.

Ad esempio, l’Università di Tubinga ha condotto alcuni mesi fa uno studio analizzando il fastidio che i social network generano nelle nostre vite.

Da un lato, sono il nostro ambiente migliore per imparare e rimanere informati. ne abbiamo bisogno. Dall’altro, però, ci stressano, ci sfiniscono, sono spesso un terreno fertile dominato da troll, fake news e situazioni di cyberbullismo. Perché non sognare un’alternativa più sana?

Su Mastodon, i contenuti tossici, offensivi o correlati ai nazisti sono proibiti.

Mastodon, la piattaforma creata per ripristinare la fiducia nelle reti

Eugen Rochko è il giovane sviluppatore di Mastodon. Questa rete è nata nel 2016 nel tentativo di creare una piattaforma che non dipendesse da una singola società. Come ha spiegato lui stesso alla rivista “Time”, Mastodon fugge da quel controllo top-down che vale per Twitter.

Questa app si descrive come una “rete aperta, gratuita e federata che funziona in modo simile alla posta elettronica”. Ora, ma cosa c’è davvero dietro quella definizione? Bene, questo è forse il punto più interessante di Mastodon:

  • Fa parte dell’universo digitale federato, ovvero è un insieme di piattaforme o social network liberi, che possono comunicare tra loro utilizzando diversi protocolli.
  • È decentrato. Vale a dire che cerca di creare una rete più democratica rispetto alle reti più conosciute che sono, senza dubbio, più corporative. L’amministrazione dei legami o della community è autonoma e si svolge collettivamente.

Inoltre, Mastodon..

  • Non fa uso deliberato dei dati dei suoi utenti per vendere loro della pubblicità.
  • Il processo di registrazione è complesso e ciò è dovuto ad un aspetto molto specifico. L’utente deve scegliere a quale “comunità” vuole partecipare. Possiamo sceglierla in base agli interessi e alle lingue.
  • Ci sono centinaia di server su Mastodon, chiamati istanze. Ognuno di loro ha regole e regolamenti diversi su chi può iscriversi e quali contenuti sono consentiti. Se in qualsiasi momento non ci piacciono le dinamiche che vediamo, possiamo passare a un altro server/istanza.
  • I contenuti aggressivi e legati ai nazisti sono vietati.
  • Proprio come su Twitter, ci sono hashtag, risposte, segnalibri e retweet. Tuttavia, i tweet si chiamano toots, consentono fino a 500 caratteri e i messaggi che riceviamo saranno adattati ai nostri interessi.

Mastodon è un social network composto da diverse reti. Tuttavia, la registrazione non è facile. L’economista Paul Krugman ha spiegato su Twitter di averci provato, ma dopo 3 ore ha rinunciato.

Quali sono i punti negativi di questo social network?

Il principale punto negativo di Mastodon è la complessità al momento della registrazione. Non è facile decidere a quale server vogliamo unirci. A volte, per entrare in uno in particolare, c’è una lista d’attesa.

Allo stesso modo, questo social network non ha l’intero team di ingegneri di Twitter, gli account non sono verificati e, per il momento, non è altro che una piattaforma alle prime armi che deve maturare e migliorare.

Uomo e donna che guardano cellulare e mastodonte
A volte i social network frammentano la coesione sociale e anche la nostra salute psicologica, ma non sappiamo vivere senza di loro.

Il nostro bisogno comunicativo ci spinge a cercare alternative

C’è un fenomeno interessante nel bel mezzo dell’attuale crisi su Twitter. Se molte persone si iscrivono a Mastodon, è per la necessità di avere alternative con cui continuare a connettersi con altre persone. Non concepiamo più un mondo senza questo universo digitale con cui tenerci informati.

Vogliamo avere un mezzo con cui esprimerci, che sia di 140 o 280 caratteri. Il cervello si è abituato a sapere cosa sta succedendo nel mondo e quali opinioni sono di tendenza. Desideriamo interagire, condividere, dare like e essere offerti a noi e, per questo, si cercano mezzi e canali con cui perpetuare queste pratiche. I tempi cambiano, senza dubbio, ma le esigenze sono le stesse.

Potrebbe interessarti ...
I social network e il sé disintegrato
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
I social network e il sé disintegrato

Esiste una relazione tra il concetto di sé ed i social network? In questo articolo indagherermo sugli effetti diretti nella nostra vita.



  •  Bonnington, Christina (22 de noviembre de 2016). «Mastodon is an open source, decentralized version of Twitter»
  • Morse, Jack. «In the rapidly expanding Mastodon fediverse, there’s an instance for everyone» Mashable
  • Wolfers LN, Utz S. Social media use, stress, and coping. Curr Opin Psychol. 2022 Jun;45:101305. doi: 10.1016/j.copsyc.2022.101305. Epub 2022 Jan 31. PMID: 35184027.