Charles Manson e il culto alla malvagità

· 12 aprile 2018

È un enigma e una sfida di grande portata per il mondo della psicologia. Comprendere il motivo del culto e il fascino oscuro attorno alla figura di Charles Manson è una delle grandi sfide che la scienza del comportamento e della personalità cerca di decifrare da sempre. Dopo la sua morte, colui che era il leader fanatico de “La Famiglia” vede la sua quota di seguaci incrementata ancora una volta.

Come dicevamo, è qualcosa di sconcertante. Tuttavia, il dubbio non è nuovo e sin da quando ebbe inizio il processo mediatico negli anni ’70, psicologi, psichiatri e giornalisti che seguirono il caso percepirono che Manson era capace di orchestrare una sorta di fascino psicologico; grazie a esso riusciva a far sì che i suoi pupilli uccidessero per lui e a radunare tutto un gruppo di seguaci.