Chi ha bisogno di una macchina del tempo?

· 19 dicembre 2014

Diverso tempo fa un amico mi diceva che sarebbe incredibilmente felice se avesse la possibilità di viaggiare nel tempo, per l’esattezza nel passato. Mi sorprese la serietà con cui cercava di convincermi dei tremendi benefici che deriverebbero dal poter tornare indietro con una macchina del tempo.

Cambiare le cose fatte male, prendere decisioni diverse, non pronunciare alcune parole, reagire in modo diverso, comportarsi in maniera differente. Cambiare, in definitiva, qualcosa di cui al momento attuale non si è soddisfatti. Lungi dal mettere in discussione la moralità del suo desiderio, cercai di esporgli il mio punto di vista senza smettere di pensare, nel frattempo, quanto sarebbe bello poter viaggiare in una DeLorean il cui combustibile principale sia la spazzatura. Per prima cosa, gli chiesi quale valore avrebbe una qualsiasi decisione presa se in pochi secondi, in funzione del risultato ottenuto, si potesse tornare indietro e resettare tutto.

Difendo con energia il valore delle decisioni, perché permettono di passare da un punto all’altro e sarebbe un vero peccato rompere questa catena che si definisce man mano. Un percorso che si sceglie e che si percorre nel bene e nel male. In secondo luogo, ritengo che sia assurdo pentirsi, per il semplice fatto che è ingiusto andare contro qualcosa che nell’istante in cui è stato prodotto sembrava corretto, attraeva, piaceva o convinceva. Vi siete sbagliati? Si, ma perché pentirsi? Ci sono grandi momenti nella vita di una persona ricordati come grandi fallimenti, ma non bisogna rinnegarli perché nel momento in cui sono stati fatti sembravano la decisione corretta.

La decisione è sempre la nostra. Una macchina del tempo ci farebbe perdere il potere ed il diritto di scelta. Per ultimo, vi invito a pensare sulla realtà in cui ci troviamo. Non abbiamo una macchina del tempo e non ne abbiamo bisogno. Volete cambiare qualcosa? Forza, iniziate! Da un anno fate un lavoro che non vi piace e vorreste tornare indietro per non accettarlo? Potete farlo adesso, no un anno fa. Vi sarebbe piaciuto dire a quella persona speciale quanto sia meravigliosa? Ma cosa state aspettando? Non tornerà un’opportunità già persa, ma se non agite continuate a perderne delle nuove!

Vi piacerebbe non aver gridato contro il vostro migliore amico perché è stato il motivo per cui non vi sentite più? Prendete il telefono, mettetevi le scarpe, salite su un autobus e risolvetelo adesso. Lamentarsi senza agire è una perdita di tempo. Reagite! Siete in tempo! Non aspettate che una macchina sia in grado di risolvere quello che potete risolvere voi adesso.