Disturbo evitante di personalità: l’isolamento sociale come rifugio

· 25 novembre 2017

Il disturbo evitante di personalità interessa un 3% della popolazione. Si tratta di persone sensibili e caute che vivono all’interno del loro guscio solitario per paura di essere ferite, giudicate o rifiutate. Il loro bisogno di fuggire e la loro incapacità di gestire le proprie paure e il malessere di vivere hanno un peso talmente grande che finiscono per costruire i muri della propria fortezza dove vanno a rifugiarsi.

Questo disturbo, definito agli inizi del XX secolo dagli psichiatri e dagli eugenisti Bleuler e Kretshmer, non è molto conosciuto. Non tanto come lo possono essere, per esempio, il disturbo ossessivo compulsivo o il disturbo dipendente di personalità. Gli storici e gli esperti di questa condizione psichiatrica dicono che Emily Dickinson è l’esempio più evidente del disturbo evitante di personalità.