7 esercizi per rilassarsi e dire addio all’ansia

· 24 febbraio 2017

In diverse occasioni vi abbiamo ribadito che l’ansia, in sé, non è sempre una brutta cosa. Di fatto, è una condizione adattiva perché ci consente di relazionarci con ciò che ci circonda con il giusto livello di attivazione.

Tuttavia, l’ansia intesa come eccesso di attivazione diventa malsana per noi, in quanto compromette la nostra vita quotidiana. Anche se pensate che questa non sia una cosa che vi riguardi, sappiate che potrebbe capitarvi in qualsiasi momento della vita.

Per questo motivo, è molto importante sviluppare risorse e strategie personali che consentano di controllare le emozioni ed i pensieri, infatti l’autogestione è un’abilità vitale che consente di evolvere nel modo più adeguato.

Dovete sapere che non tutte le tecniche di rilassamento hanno gli stessi effetti per tutti e che qualunque tecnica scegliate, dovete praticarla con costanza per fare progressi.
buddha-in-un-lago

Potrebbe venirvi in mente una domanda: anche io devo farlo pur non avendo problemi di ansia? Quand’è il momento di rilassarsi? In primo luogo, tutti possono trarre beneficio da questi esercizi. È necessario, inoltre, scegliere un momento della giornata in cui non verrete interrotti e se, ad esempio, scegliete la sera, fate attenzione a non addormentarvi. L’obiettivo è imparare la tecnica. Vediamo ora alcuni esercizi.

1. Imparare a respirare

Ovviamente tutti sappiamo respirare, per questo siamo vivi. Tuttavia, non lo facciamo nel modo corretto se il nostro intento è rilassarci. Ci sono molti modi di respirare, ma la respirazione che praticamente tutti mettiamo in pratica è una respirazione sociale e superficiale.

Il nostro ritmo abituale di respirazione è accelerato, orale e superficiale. Respiriamo con la bocca usando poco o per niente il diaframma perché contraiamo l’addome quando inspiriamo o perché solleviamo le spalle.

Di conseguenza, incorporiamo solo una piccola quantità di ossigeno, la quale dà come risultato una carenza di vitalità e una minore resistenza. Per questo motivo, la respirazione è il primo punto della lista, infatti una buona respirazione è la base del rilassamento.

La prima regola è che la respirazione naturale è sempre quella che si realizza attraverso il naso, in questo modo filtriamo l’aria che entra ed espelliamo le impurità bloccate all’interno dello stesso. Anche se ne esistono di vari tipi, la più indicata fisiologicamente è la respirazione completa. In rete si trovano moltissimi video su come imparare a respirare profondamente:

2.Rilassamento progressivo di Jacobson

Come direbbe il padre di questo tipo di rilassamento, “eliminare la tensione residua è la caratteristica essenziale di questo metodo”. Dato che la tensione mentale attiva i muscoli, per evitare un sovraccarico, bisogna capire quando i muscoli sono tesi e come fare per rilassarli.

A tale scopo, è essenziale conoscere i gruppi muscolari che possiamo rilassare. Anche se questa tecnica richiede un corretto allenamento per essere appresa, potete approfittare dei numerosi video presenti in rete per impararla. Eccone uno:

3. Metodo Silva o rilassamento con visualizzazione

Ci sono persone che trovano beneficio grazie a tecniche di rilassamento che invitano a visualizzare immagini rilassanti. Una di queste è il Metodo Silva, che prevede numerosi esercizi. Vi lasciamo il link di un video in merito perché possiate approfondire questa tecnica.

4. Training autogeno di Schultz

Questa tecnica di rilassamento si basa sulla suggestione, dunque induce sensazioni e pensieri gradevoli che ci permettono di rilassarci. Si basa sull’idea che tutti abbiamo la facoltà di modificare la nostra vita se cambiamo il nostro atteggiamento mentale. Ecco un video per provare questa tecnica:

5. Mindfulness

Quando parliamo di Mindfulness, intendiamo sia una tecnica di rilassamento sia uno stato di coscienza che genera uno stile di elaborazione che si traduce nella piena attenzione verso tutto ciò che ci circonda e i fatti che stanno accadendo attorno a noi.

Ecco un video per capire e provare questo metodo così da raggiungere il benessere emotivo. Esistono numerosi corsi su questa tecnica di rilassamento per sviluppare la piena attenzione.

6. Camminare o fare attività fisica

Camminare o fare una qualsiasi attività fisica aiuta a canalizzare l’attivazione del corpo. In altre parole, aiuta a ridurre le preoccupazioni della nostra mente, a conservare una parte della nostra anima per noi stessi, una cosa che spesso dimentichiamo e che senza dubbio è fonte di problemi a diversi livelli.

7. Ascoltare musica rilassante

Ascoltare musica è un altro meraviglioso modo per entrare in connessione con il nostro io più profondo. Conoscete il detto “la musica calma le bestie feroci”? La musica può davvero aiutare a rallentare il ritmo della nostra mente.

Se pensate di non avere abbastanza tempo per provare una tecnica di rilassamento tutti i giorni, allora è giunto il momento di trovarlo. Più fate esercizio, più progressi noterete. Ricordate, bastano 21 giorni per creare un’abitudine che migliorerà la vostra vita.