Puntiamo sull’ottimismo!

· 18 dicembre 2015

Nel corso della nostra vita, affrontiamo un’infinità di vicissitudini e circostanze negative che ci mettono alla prova, giorno dopo giorno.

Quando viene a mancare una persona che amiamo, quando perdiamo il lavoro, quando rompiamo con il nostro partner, stiamo male, ma è necessario imparare a vedere il lato positivo perché c’è sempre, c’è sempre qualcosa da imparare.

Che cos’è l’ottimismo?

L’ottimismo è la capacità di vedere il lato positivo delle cose. È una questione di carattere.

Ci sono persone che rimangono integre di fronte alle avversità e vanno avanti con la loro vita, hanno un atteggiamento positivo e vedono il lato buono in ogni situazione.

La parola “ottimismo” viene dal latino “optimum” che significa “la cosa migliore”.

 Non possiamo cambiare la situazione? Se non dipende da noi cambiare qualcosa che ci causa dolore, possiamo sempre scegliere l’atteggiamento con cui affrontare quella sofferenza.
Viktor Frankl
Opportunità

Si può imparare ad essere ottimisti?

Lo psicologo Martin Seligman, Direttore del Dipartimento di Psicologia dell’Università della Pennsylvania, è il fondatore della psicologia positiva e sostiene che “essere ottimisti implica fare uno sforzo per cercare soluzioni, vantaggi e possibilità in tutte le situazioni che ci riserva la vita”. 

Essere ottimisti richiede un grande sforzo e un’enorme forza di volontà e per questo è importante allenarsi.

Una persona può imparare ad essere ottimista, a vedere il lato bello delle cose. Per questo motivo, vi daremo una serie di semplici consigli:

Vogliatevi bene

Non valutatevi in modo negativo, amate i vostri difetti e le vostre qualità. Tutti siamo imperfetti, altrimenti non saremmo umani.

Vogliatevi bene tutti i giorni, mangiate sano, fate sport, mantenete attivo il vostro cervello con la lettura, con la scrittura, con lo studio.

Un buon livello di autostima è fondamentale per guardare la realtà da una prospettiva positiva.

Non cercate l’approvazione degli altri

A volte genera molta frustrazione il fatto che gli amici o i familiari non vi approvino per quello che siete o per le decisioni che avete preso, ma non potete permettere che questo vi paralizzi.

È importante andare avanti, fidarvi del vostro intuito quando dovete prendere una decisione che vi faccia stare bene con voi stessi.

Imparate a dire di no

Quante volte vi sorprendete a rispondere “sì”, quando invece vorreste dire di no?

Dire “no” è necessario e anche terapeutico a volte. Fissate dei limiti su ciò che non vi piace o che vi dà fastidio, nessuno lo farà al posto vostro.

Non dovete avere paura delle conseguenze di una risposta negativa, perché questo timore finirà col paralizzarvi e farvi dubitare di voi stessi.

Imparate dai vostri errori

Durante la vostra vita, commetterete un sacco di errori, ma avrete sempre la possibilità di imparare. È fondamentale trarre una lezione positiva da ogni fallimento.

A volte si vince e a volte si impara.
Robert Kiyosaky

Cercate di trovare il lato positivo in ogni momento negativo

Se il vostro partner vi ha lasciato, forse non era la persona giusta per voi, forse deve uscire dalla vostra vita affinché entri un’altra persona o affinché possiate trarre beneficio dalla solitudine.

Se avete perso il lavoro, magari ce n’è un altro migliore che vi aspetta o forse potete approfittare di questa pausa per approfondire la vostra formazione.

Siete voi a decidere in che modo vedere la vita.

Non basta pensare, dovete anche agire

Non basta pensare positivo, è davvero importante anche darvi da fare e costruire la vostra realtà da un punto di vista positivo e allegro.

Imparate a conoscere le vostre emozioni

È necessario capire perché vi sentite in colpa o tristi in determinate occasioni e identificare quell’emozione per comprenderla e controllarla.

Sguardo-profondo

I benefici dell’essere ottimisti

Godere di una salute migliore

Un ottimista si ammala con minor frequenza e si riprende più velocemente da una malattia, probabilmente perché il suo atteggiamento positivo permette al suo sistema immunitario di produrre gli ormoni necessari a combattere più in fretta gli agenti patogeni.

Diminuire i livelli di stress

Una persona ottimista manifesta meno stress di una pessimista. Un ottimista crede in se stesso, nelle sue qualità, nei suoi traguardi, conosce i suoi difetti, conosce se stesso, impara dai suoi errori ed è capace di vedere sempre il lato positivo.

Migliorare le relazioni

L’ottimista ha rapporti migliori con la sua famiglia, con il partner, con i colleghi di lavoro. Ha imparato a relazionarsi e a riconoscere in ogni persona l’aspetto positivo.

Il segreto, come ha detto Mark Stevenson, fondatore della L.O.P.O (The League of Pragmatic Optimists), è:

Non si tratta di dire “andrà tutto bene”, ma “può andare meglio”, e bisogna cercarlo.