La sindrome di Alice nel paese delle meraviglie

· 22 giugno 2016

La sindrome di Alice nel paese delle meraviglie consiste in un disturbo neurologico che di solito colpisce i bambini, in genere di notte. È caratterizzata da un insieme di sintomi tra i quali l’alterazione della percezione visiva e dell’immagine del proprio corpo, portando l’individuo a percepire in modo irreale le dimensioni di alcune parti del suo corpo e degli oggetti esterni, oltre alla perdita dell’orientamento e l’alterazione dei sensi.

Tale sindrome è in genere diagnosticata durante l’infanzia, periodo durante il quale il bambino può provare la sensazione di essere all’interno di un racconto, perso nei suoi sogni; nonostante le vittime di questo disturbo tendano di norma a perderne i sintomi durante l’adolescenza, in alcuni rari casi essi persistono per tutta la vita, in special modo nella fase precedente al sogno.

Le cause alla base di questa sindrome

La sindrome di Alice nel paese delle meraviglie può essere dovuta ad un’anormale quantità di elettricità nel corpo, la quale provoca un cambio nei flussi sanguigni del cervello, arrivando ad alterare i segnali visivi inviati da quest’organo agli occhi, dando così luogo ad allucinazioni, perdita dell’orientamento e alla percezione alterata dell’immagine di se stessi.

Fra le cause legate a questa sindrome troviamo anche l’epilessia del lobo temporale, condizione per cui si verificano convulsioni nei lobi temporali che possono generare reazioni euforiche, di intensa paura o paranoia.

La sindrome di Alice, inoltre, può essere scatenata da mal di testa, emicrania, tumori cerebrali o al virus di Epstein-Barr, che può portare al presentarsi dei sintomi già durante le fasi iniziali.

sindrome di Alice nel paese delle meraviglie oggetti enormi

Segnali e sintomi della sindrome di Alice nel paese delle meraviglie

  • Il principale sintomo della sindrome di Alice nel paese delle meraviglie consiste nella visione alterata dell’immagine del proprio corpo, a causa della quale chi è vittima del disturbo percepisce alcune parti del proprio corpo di dimensioni diverse dal normale; in particolare, le mani e la testa appariranno sproporzionate.
  • Un altro sintomo significativo è la percezione alterata della dimensione degli oggetti presenti nella stanza.
  • L’individuo perde inoltre la misura del tempo, infatti può arrivare a pensare in maniera estremamente lenta o molto veloce.
  • Alcuni individui possono provare forti allucinazioni, arrivando a vedere elementi che non esistono davvero intorno a loro o a percepire in modo erroneo alcune situazioni che li vedono coinvolti.
  • L’alterazione delle percezioni non è limitata alla vista, ma si estende alla percezione auditiva e tattile.   

Trattamento

Quando la causa della sindrome è l’emicrania, esiste un trattamento sicuro ed efficace, ma i casi cronici sembrano essere intrattabili e necessitano di molto tempo per guarire; i sintomi che si manifestano non sono compromettenti o pericolosi, e di norma svaniscono con il tempo. Il trattamento ideale è il riposo.

Immagine per gentile concessione di Brandon Christopher Warren