Curarsi dentro per guarire fuori

10 agosto 2016 in Emozioni 39 Condivisi

Quante volte vi siete sentiti male senza un apparente motivo? Le tensioni che accumuliamo dentro di noi si riflettono all’esterno. Studi recenti hanno dimostrato che la tensione psicologica può trasformarsi in malattie corporee. Per guarire fuori, bisogna innanzitutto controllare ciò che abbiamo dentro, i nostri conflitti interiori.

La tensione emotiva danneggia inesorabilmente il corpo e lo fa in modo graduale, manifestandosi attraverso la depressione, l’ansia o lo stress. La scorretta canalizzazione dei conflitti interiori può scatenare un’ampia gamma di malattie, come il diabete mellito, il lupus e la leucemia.

Per aiutare chi non vuole essere aiutato, dobbiamo rispettare il suo percorso.
Condividere

Quando le emozioni ci fanno ammalare

In molte occasioni, ci capita di pensare una cosa e di dirne un’altra, di sentire una cosa e di farne un’altra, non siamo coerenti con noi stessi per paura del rifiuto, dell’abbandono, delle critiche, di perdere prestigio e, infine, del giudizio degli altri. Ma tutto questa attenzione per le opinioni altrui ci fa dimenticare della nostra stessa opinione e questo porta ad un’infinità di conflitti interpersonali.

Ragazza-che-dorme-tra-gli-alberi

Le emozioni che non esprimiamo colpiscono negativamente la nostra salute e si esprimono attraverso il dolore e le malattie. Il nostro corpo ci invia segnali per richiamare l’attenzione sull’esistenza di qualcosa che va cambiato, siano essi pensieri negativi o credenze distorte ormai radicate che limitano la nostra vita. Le distorsioni occupano un posto predominante dato che derivano dalle tensioni emotive.

Queste percezioni e pensieri distorti che abbiamo di noi stessi, del mondo e del futuro ci portano a sviluppare stati d’animo disfunzionali come: fobie, depressione, ansia, problemi di autostima e disturbi ossessivi. Le distorsioni cognitive sono errori di pensiero che l’essere umano utilizza costantemente per interpretare la realtà in modo irreale.

Queste percezioni sono causate da alterazione nel processo di elaborazione delle informazioni ed altri processi emotivi più che relazionali. Possono basarsi su credenze irreali solide, ma le distorsioni non sono credenze, bensì abitudini di pensiero determinate dalle emozioni negative.

Gustav-Klimt

Controllo emotivo interiore per guarire fuori

Le emozioni influenzano il pensiero e il comportamento, per questo tenerle sotto controllo è di vitale importanza. Qualsiasi fatto, per quanto semplice sia, risveglia emozioni molto diverse. Dipende dal sistema limbico, che ci fa considerare le emozioni come parte di noi e del nostro modo di reagire di fronte al mondo.

La tecnica più semplice per controllare le emozioni è imparare ad evitare ciò che genera emozioni negative, persone o situazioni. Anche se bisogna fare attenzione ad evitare le situazioni in questione, perché questo atteggiamento potrebbe rafforzare lo stile di evitamento e diventare poco efficace nella risoluzione di problemi. Tuttavia, quando si tratta di tenere sotto controllo le emozioni negative è necessario.

Un’altra tecnica naturale e utile per controllare le emozioni prima, durante e dopo la gestione di situazioni emotivamente intense è la meditazione e il rilassamento. Quando ci rilassiamo, raggiungiamo uno stato di calma che ci permette di guardare la situazione in maniera più nitida.

Ragazza-che-medita-sulla-spiaggia

Le tecniche più conosciute per quanto riguarda il controllo delle emozioni sono le tecniche cognitive. Per cambiare le emozioni, bisogna cambiare i pensieri, perché pensieri ed emozioni vanno di pari passo e se si cambia il pensiero, si possono regolare sia le emozioni sia le azioni. Tecniche cognitive come il dialogo, la scoperta guidata o il cambiamento di prospettiva ci aiuteranno a curarci dentro per guarire fuori.

Guarda anche