Dinorfine: neurotrasmettitori oppioidi endogeni

Nel 1979 Goldstein e i suoi colleghi descrissero le proprietà oppioidi di un tridecapeptide naturale. Per indicare la sua straordinaria potenza lo battezzarono "dinorfina". Il prefisso dyn- viene dal greco dynamis (potere) e la desinenza -fine indica la sua natura oppioide. Qual è il suo ruolo?
Dinorfine: neurotrasmettitori oppioidi endogeni

Ultimo aggiornamento: 11 aprile, 2021

Sono ormai quaranta anni che si riconosce alle dinorfine un ruolo crescente nell"attività del cervello. Appartenenti alla famiglia dei peptidi oppioidi, sono sostanze in grado di legarsi ai recettori kappa.

Sono localizzati in aree del cervello ben note: l"ippocampo, l"amigdala, l"ipotalamo, lo striato e il midollo spinale. Pertanto le loro funzioni sono legate all"apprendimento, alla memoria, al controllo emotivo, alla risposta allo stress e al dolore.

Sono stati necessari numerosi esperimenti per comprendere il ruolo fisiologico delle dinorfine. Attualmente sappiamo che i meccanismi fisiopatologici che possono coinvolgere le dinorfine includono: epilessia, dipendenza, depressione e schizofrenia.

Nel 1979 Goldstein e i suoi colleghi descrissero le proprietà oppioidi di un tridecapeptide naturale. Per indicare la sua straordinaria potenza lo battezzarono “dinorfina". (Il prefisso dyn- viene dal greco dynamis (potere) e la desinenza -fine indica la sua natura oppioide).

Effetti delle dinorfine sul cervello.

Le dinorfine e l"epilessia

Negli anni "80 e "90 furono condotti diversi studi in merito agli effetti delle dinorfine su diverse forme di epilessia. Considerato il modo in cui si distribuivano, si pensava che agissero sulle crisi parziali complesse originate nel sistema limbico o più precisamente nell"ippocampo.

Da allora, la stimolazione dei recettori k-oppioidi è stata accettata come meccanismo anticonvulsivante. Tuttavia, le proprietà anticonvulsivanti della dinorfina endogena sono state attestate solo attraverso esperimenti sui topi.

Dipendenze e dinorfine

Il sistema dinorfine e recettori k-oppioidi gioca un ruolo cruciale nei meccanismi di ricompensa e dipendenza. Le difficoltà nella regolazione di questo sistema sono legate ad un consumo ripetuto di droghe e coinvolgono il sistema di ricompensa mesolimbico.

Il percorso dopaminergico dall"area tegmentale ventrale al nucleo accumbens è considerato il sito principale in cui agiscono le dinorfine nel contesto della dipendenza.

Le dinorfine e il controllo emotivo

Quello che sappiamo sulla relazione tra dinorfine e controllo emotivo è abbastanza, ma altrettanto quello che resta da scoprire. Questo perché testare le emozioni degli animali non è così semplice come sottoporli a EEG.

Ansia

Possiamo vedere manifestazioni di ansia in molti esseri viventi. In un contesto naturale, l"ansia prepara l"individuo ad affrontare una potenziale minaccia. Pertanto, la frequenza cardiaca, la temperatura corporea e i livelli di corticosterone sierico aumentano.

I disturbi d"ansia sono spesso associati ad altri problemi di salute mentale, come depressione, dipendenza o schizofrenia. Il comportamento ansioso coinvolge vari sistemi di neurotrasmettitori.

Insieme ai classici trasmettitori serotonina e noradrenalina, altri  neuropeptidi sono considerati modificatori del comportamento correlato all"ansia. Tra questi troviamo le dinorfine.

Sebbene il loro ruolo non sia ancora del tutto chiaro, le dinorfine sono associate all"ansia. Per avere un"idea chiara di come siano correlate, sarà necessario effettuare ulteriori ricerche e analizzarne le funzioni nei diversi nuclei cerebrali.

Dinorfina e stress

Le dinorfine hanno anche un ruolo nell"insorgenza dello stress. Ciò è dovuto al loro stretto legame con l"ormone di rilascio della corticotropina (CRH).

Le dinorfine occupano un ruolo nella insorgenza dello stress.

La dinorfina e i disturbi psicotici

Le dinorfine e la depressione

Si tende a vedere la depressione come una malattia correlata a un errato adattamento allo stress cronico. Sebbene nel trattamento di questo disturbo siano possibili vari approcci, praticamente tutti puntano al sistema serotoninergico e / o noradrenergico.

È stato dimostrato che le dinorfine e i recettori k-oppioidi influenzano, in pratica, tutti i circuiti che sono considerati chiave nella depressione.

Dinorfine e schizofrenia

Esistono prove sempre più consistenti del possibile coinvolgimento delle dinorfine e dei recettori k oppioidi nella schizofrenia. Tuttavia servono ulteriori ricerche per definire in che modo siano collegati.

Resta ancora molto da scoprire, ma il coinvolgimento delle dinorfine in numerosi disturbi mentali è ormai accertato. Sebbene il loro ruolo in alcuni casi sia ancora opaco, sappiamo che la loro attivazione insieme ai recettori k oppioidi, è un fattore di cui è bene tenere conto.

Potrebbe interessarti ...
Il consumo di oppiacei e i loro effetti sul cervello
La Mente è MeravigliosaRead it in La Mente è Meravigliosa
Il consumo di oppiacei e i loro effetti sul cervello

Il consumo di oppiacei, negli Stati Uniti, costituisce una vera e propria crisi sanitaria che sta mettendo a dura prova il Paese e le sue istituzioni.



  • Schwarzer, C. (2009). 30 years of dynorphins—new insights on their functions in neuropsychiatric diseases. Pharmacology & therapeutics, 123(3), 353-370.
  • Houser, C. R., Miyashiro, J. E., Swartz, B. E., Walsh, G. O., Rich, J. R., & Delgado-Escueta, A. V. (1990). Altered patterns of dynorphin immunoreactivity suggest mossy fiber reorganization in human hippocampal epilepsy. Journal of Neuroscience, 10(1), 267-282.
  • Shippenberg, T. S., Zapata, A., & Chefer, V. I. (2007). Dynorphin and the pathophysiology of drug addiction. Pharmacology & therapeutics, 116(2), 306-321.