Essere come il bambù: forza e flessibilità

· 18 novembre 2018
Essere come il bambù implica lavorare sul proprio Io interiore, investire sulla resilienza e non aver paura di "piegarsi" di tanto in tanto: alla fine torneremo alla nostra posizione con maggiore forza.

Essere come il bambù vuol dire avvicinarci a una saggezza millenaria incisa sulla natura. Significa comprendere che la cura interiore richiede tempo e pazienza e che non importa quanto forte ci travolgano il vento o la tempesta, perché abbiamo imparato a essere flessibili e, soprattutto, resistenti.

In tutto il regno vegetale forse non esiste pianta più ricca di misticismo del bambù. Ve ne sono circa 1500 specie e alcune possono raggiungere i 40 metri di altezza. Esiste una varietà di bambù i cui fiori sbocciano una volta ogni 120 anni. Inoltre, sprigiona alti livelli di ossigeno nell’atmosfera e assorbe più anidride carbonica di molte altre piante.

La sua crescita, la sua resistenza e il suo potere benefico per il pianeta hanno fatto di questa pianta un punto di riferimento di grande ispirazione per molteplici pratiche filosofiche, spirituali e psicologiche. Si dice che il bambù contenga un codice segreto, una formula singolare che la natura gli ha regalato per farne una specie bella e resistente. Perché non imparare a essere come il bambù?

In Cina questa pianta fa parte dei cosiddetti quattro nobili, le specie più particolari e simboliche di questa cultura, ovvero il fiore di susino, l’orchidea, il bambù e il crisantemo. Ognuno rappresenta una stagione e il bambù racchiude in sé la forza, il vigore e la bellezza dell’estate.

Il bambù contiene nei suoi semi la forza del trionfo e del potere. Quando riesce a toccare il cielo, non importa se la disgrazia vi cade sopra e qualcuno lo taglia. Tornerà a crescere per accarezzare di nuovo la vetta.

Bambù con pietre nere

Essere come il bambù: la chiave della felicità

La natura è molto spesso la nostra migliore fonte d’ispirazione. Se gli egizi hanno fondato parte della loro cosmogonia sull’osservazione degli astri, dei loro movimenti, cambiamenti e misteri, forse è giunto il momento di fissare il nostro sguardo sulla natura per avvicinarci al senso autentico della felicità.

Essere come il bambù vuol dire imitarne le caratteristiche. Le stesse che possono aiutarci a sviluppare due dimensioni essenziali per sopportare con successo qualsiasi difficoltà: resistenza e flessibilità. Vediamo nel dettaglio tutte le virtù eccezionali di questa meravigliosa pianta.

Tempo e pazienza

Ammettiamolo: siamo una società allergica alla pazienza. Ci siamo abituati all’immediatezza, a quella notifica che ci avvisa di un messaggio o di una notizia che ha fatto il giro del mondo in meno di un minuto. Siamo anche persone che vanno dal medico per un raffreddore o una tosse, chiedendo un antibiotico. Vogliamo guarire presto, il prima possibile.

Vogliamo risolvere tutto in fretta, dimenticando a volte che il corpo ha bisogno di tempo per riprendersi, per recuperare l’energia e la vitalità in mezzo a ritmi così esigenti.

Essere come il bambù implica investire in pazienza. Significa ricordarci che questa pianta impiega circa 7 anni a germinare. In questo periodo di tempo lavora sul suo “Io interiore”. Getta le sue radici, assorbe i nutrienti e si prepara. Così, una volta emerse dal terreno verso l’esterno per vedere la luce, niente ferma la sua crescita, è inarrestabile e magnifica e a volte supera il metro in un giorno.

Immagine ritraente donne farfalla

Arrivare in alto, un diritto di tutti

Si dice spesso che siamo a segnare i nostri limiti. È chiaro che non sempre è possibile sorteggiare certe dimensioni o raggiungere determinati obiettivi. La nostra società ha delle barriere e dei filtri, vincoli che spesso limitano alcuni dei nostri sogni.

Essere come il bambù significa anche ricordarci che abbiamo il diritto di crescere. Possono esservi nemici intorno a noi, eventi che bloccano l’ascesa personale. Tuttavia, non dobbiamo perdere di vista l’immensità del cielo e il suo ventaglio di possibilità, oltre al nostro potenziale di continuare a crescere, giorno dopo giorno.

Sentiero fra piante di bambù

Flessibile e resistente di fronte a qualsiasi avversità

Il bambù può crescere in gruppo oppure da solo. Può nascere in diverse regioni del pianeta, raggiungere i 20 o 40 metri di altezza, creare boschi fittissimi oppure alzarsi come una colonna, con un tronco che si avvicina al metro di diametro. Qualsiasi sia la sua crescita o la sua disposizione, un aspetto non cambia mai: la sua resistenza e la sua flessibilità.

È una pianta che ha sopportato terremoti fortissimi. Non importa se ne tagliamo i germogli, perché si rigenererà, curerà e crescerà di nuovo con una forza superiore e inarrestabile.

Questi 7 anni di crescita sottoterra estendono le radici e le garantiscono fermezza. Rendono possibile il miracolo di questa pianta eccezionale.

Essere come il bambù significa avere un atteggiamento resiliente di fronte alla vita. Implica accettare che, talvolta, le avversità possono piegarci. Tuttavia, quando il nostro atteggiamento è forte, torneremo alla nostra posizione originaria con maggior brio e bellezza, oltre che con un’ammirevole forza d’animo.