L’affetto positivo: cos’è e quali benefici ci dà?

· 24 dicembre 2016

L’affetto positivo, protagonista di questo articolo, non è altro che uno stato d’animo generale composto da un insieme di emozioni positive. Queste emozioni riusciranno a garantirci molteplici benefici. È stato infatti dimostrato che si prendono cura della nostra salute, migliorano la percezione che abbiamo del nostro corpo e contribuiscono a rendere le nostre relazioni più forti e gradevoli.

Dopo questa premessa, passiamo alla domanda che avrete tutti in testa: come possiamo aumentare l’affetto positivo nella nostra vita? Si può fare attraverso lo sviluppo dei nostri punti di forza personali, della resilienza e dell’umore. Rafforzando questi aspetti, infatti, potremo godere in maggior misura della nostra emotività e sfruttare le sue conseguenze positive nelle nostre relazioni.

Volete capire come funziona? Scopritelo in modo più approfondito in questo articolo!

“Quando vi alzate ogni mattina, pensate al prezioso privilegio che è essere vivi, respirare, pensare, gioire, amare.”

-Marco Aurelio-

sorriso

Cos’è l’affetto positivo?

L’affetto è uno stato emotivo che possiamo provare in un preciso momento. Si tratta di una sensazione che può essere positiva oppure negativa. In generale, parliamo di affetto negativo quando è composto da emozioni dal valore negativo; si tratta di affetto positivo, invece, quando predominano le emozioni dal valore positivo.

L’affetto negativo ha sempre suscitato una curiosità maggiore negli studi psicologici, visto che sono proprio le emozioni negative ad avere una relazione maggiore con la terapia psicologica. Questa terapia, infatti, tratta soprattutto le persone che hanno problemi, ma non si concentra a sufficienza su quelle che non ne riportano.

Al contrario, il cosiddetto affetto positivo ha suscitato l’interesse degli studiosi da un periodo di tempo relativamente corto, in particolare nell’ambito della psicologia positiva*. I componenti principali dell’affetto positivo sono l’allegria, il buon umore, l’ottimismo, l’entusiasmo e l’amore.

*La psicologia positiva è una corrente che vuole sottolineare l’importanza dell’affetto positivo nei processi psicologici.

fiore-tra-le-mani

Quali benefici ci dà l’affetto positivo?

Com’è facile immaginare, presentare un insieme di emozioni positive ha un influenza molto benefica sulle persone. Prima di tutto, favorisce benessere psicologico. Inoltre, quest’ottima salute mentale, come saprete bene, influisce positivamente anche sul nostro stato di salute fisica.

Oltre a ripercuotersi sulla nostra salute, l’affetto positivo migliorerà la qualità delle nostre relazioni sociali. Queste ultime ci daranno più soddisfazione, perché metteremo in atto dei facilitatori sociali della comunicazione, come la capacità di iniziare una conversazione o di sostenere lo sguardo.

Miglioreremo anche la nostra fiducia negli altri e la capacità di collaborare, oltre alla generosità (sia con gli altri sia verso noi stessi). Questo ci garantirà una comunicazione più efficace, visto che saremo in grado di generare e di provare più empatia. In questo modo, creeremo legami e relazioni più profonde e stabili.

“L’ottimismo è la fiducia che porta all’obiettivo; senza speranza, non possiamo realizzare nulla.”

-Helen Keller-

amiche

Come possiamo aumentare l’affetto positivo?

Essere pieni di affetto positivo e, quindi, più felici, vi sembrerà meraviglioso. Anche senza considerare i molteplici benefici che comporta, chi non vorrebbe essere più contento? Dobbiamo essere consapevoli che esisteranno sempre situazioni che ci faranno soffrire, il che è normale. Tuttavia, non è normale sprofondare in quel dolore e sotterrare completamente l’affetto positivo.

Per riuscire a non cadere in questo tranello, dobbiamo rendere queste emozioni positive più presenti nella nostra vita. Ma come? Attraverso lo sviluppo dei nostri punti di forza positivi, della resilienza e dell’umore.

  • I punti di forza positivi sono quelle capacità che già esistono nel nostro modo di comportarci, pensare o sentire in un modo determinato. Stimolano il soggetto e permettono il suo funzionamento, sviluppo e resa nel migliore dei modi. Essere consapevoli di quali sono i nostri punti di forza positivi, oltre a cercare di svilupparne altri che consideriamo importanti, aumenterà il nostro affetto positivo.
  • Un altro modo di ottenere questo risultato è attraverso la resilienza. Essa consiste nella capacità di affrontare i problemi in modo positivo, per poi poter andare avanti con la nostra vita. Implica riuscire a superare le difficoltà della vita, in modo da uscire rafforzati da qualsiasi situazione complicata. In sintesi, favorisce il nostro sviluppo personale di fronte alle esperienze negative.
  • Infine, possiamo stimolare l’affetto positivo attraverso l’umore. Grazie alle risate, produrremo una quantità maggiore degli ormoni che ci aiutano a tenere sotto controllo lo stress, come l’adrenalina o il cortisolo. Il nostro pensiero diventerà più flessibile, in questo modo miglioreremo anche la nostra capacità di regolazione emotiva.

Uno stato d’animo positivo ci aiuterà anche ad interpretare in modo più lucido le situazioni che affrontiamo. Influirà sulla nostra capacità di stabilire e ottenere supporto sociale. Infine, ci darà una mano quando dovremo sopportare una situazione dolorosa e stimolerà il nostro sistema immunitario.

Come abbiamo visto, l’affetto positivo ha un ruolo molto importante nel nostro sviluppo personale e nella nostra salute generale, oltre che nella qualità delle nostre relazioni interpersonali. Inoltre, ha un grande vantaggio: si può aumentare! Quindi… Che cosa state aspettando?