Legami sociali deboli: come ci influenzano?

Si dice che i rapporti siano sempre più superficiali. Come abituarsi a tutto questo? Come accettare il fatto che chi oggi è uno dei nostri migliori amici domani si alzerà e non vorrà più essere amico nostro?
Legami sociali deboli: come ci influenzano?
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 04 gennaio, 2023

“Attenzione – dovrebbero dirci – l’amore, come le amicizie, è sempre più fragile e può rompersi da un momento all’altro”. Nessuno ignora che, come ha sottolineato il sociologo polacco Zygmunt Bauman, le nostre relazioni sono ora più libere, più indipendenti, ma anche che i legami sociali sono debili, più superficiali. Tanto che è comune sostituire alcuni legami con altri, ogni tanto.

Potreste, ad esempio, passare la vita alla ricerca di un partner su app di appuntamenti senza impegnarvi fermamente con uno di loro. È quasi lo stesso con le amicizie. Non mancano, inoltre, quelle app che ci permettono di contattare persone che hanno interessi simili per costruire un’amicizia che ha sicuramente una data di scadenza.

Forse stiamo creando una società sempre più liquida in cui i legami con gli altri scivolano via, si perdono nella fogna del disinteresse con il passare dei giorni. Dove ci porta questo però? L’essere umano ha un cervello sociale che ha bisogno di costruire legami solidi e significativi per sentirsi al sicuro.

È questo il modo di vivere che ci soddisfa di più? O è forse parte della causa della nostra infelicità?

Le relazioni superficiali finiscono per essere stressanti perché non coprono i nostri bisogni fondamentali di legame.

Ragazzo triste che appoggia la testa al muro che soffre di legami sociali deboli
Gli adolescenti sono quelli che soffrono maggiormente il peso di non avere solide relazioni sociali.

Il costo di legami sociali deboli

I legami sociali deboli fanno sicuramente parte del nostro malessere quotidiano. Avere amici con i quali il rapporto non dura è come non averne nessuno. Andare ad accumulare un fallimento affettivo dopo l’altro per coppie che non durano neanche noi, è come non avere un partner. Anche avere app che ci permettono di vedere un numero infinito di persone come vetrina per scegliere chi sarà la nostra prossima relazione non sembra aiutarci molto.

È evidente che siamo immersi in un’epoca in cui i legami sociali sono sempre più superficiali. E lo sono perché ora abbiamo più opportunità di saltare da un amico all’altro, da un amore scaduto a un altro che ci regala più emozioni e una dose di dopamina. Questo presente dominato dal digitale ha cambiato il nostro modo di relazionarci, ma non sempre questo funziona a nostro vantaggio.

Abbiamo una generazione Z, tra i 18 ei 24 anni, che mostra sempre più sentimenti di solitudine e problemi mentali. Sono quei ragazzi e ragazze che sono cresciuti in case dove la tecnologia è diventata il loro modo di scoprire il mondo, divertirsi e relazionarsi. Tuttavia, l’insoddisfazione nei loro legami sociali sembra essere una costante.

L’individuo moderno è guidato dalla gratificazione e dal rinforzo. Non appena una relazione non gli darà più abbastanza dopamina, salterà su un altro legame sociale, perché, secondo lui, ci sarà sempre qualcuno migliore.

L’individualismo e il primo “io”

Nessuno può negare che uno dei bisogni fondamentali dell’essere umano è senza dubbio quello di salvaguardare la propria libertà. Essere in grado di decidere ciò che si desidera e ciò di cui si ha bisogno in ogni momento è la chiave del benessere. Ti senti realizzato quando agisci in armonia con i tuoi valori e desideri.

Tuttavia, assistiamo a comportamenti sempre più individualisti orientati a soddisfare esclusivamente i propri interessi. Il prima “io e poi io” è una dinamica che prende piede nel nostro substrato sociale e persino nella nostra cultura. C’è anche un individualismo feroce e immaturo che sta dietro a fenomeni come il ghosting.

Il mercato delle emozioni: se non mi dai nulla, ti lascio

I legami sociali deboli sono più frequenti perché c’è chi non è interessato ad avere amici o partner, quello che cerca sono emozioni da consumare. Questo si traduce nell’avviare amicizie o relazioni per il mero piacere della novità, per quell’effervescente sferzata di sensazioni che ci danno all’inizio. Complicità, divertimento, piacere, divertimento

Nel momento in cui le emozioni perdono la loro intensità e il nuovo diventa routine, lasciano quei legami per cercare figure che “continuino a riempirli”.

La cultura della banalità e delle apparenze

È possibile che oggi sia segnato da questi legami sociali deboli. Tuttavia, ciò non significa che coloro che sono nati nell’era delle nuove tecnologie lo accettino e si sentano felici con questo tipo di collegamento che scade rapidamente. Piuttosto il contrario. Perché se c’è qualcosa di cui un adolescente ha bisogno, ad esempio, è stringere amicizie solide.

Tuttavia, uno studio dell’Università del Portogallo indica come la mancanza di amici influisca sulla salute mentale dei giovani. Si sentono meno soddisfatti della vita e questo ha un evidente costo per il loro sviluppo psicosociale.

Tutto questo è spesso diretta conseguenza di quella cultura della banalità che spesso viene venduta sui social. In un universo in cui le apparenze sono tutto, si perdono le essenze e la capacità di impegnarsi, di rispettare i propri legami sociali.

La maggior parte delle persone desidera una relazione stabile e forti amicizie; tuttavia, non sono in grado di prendersi cura di quei collegamenti perché danno maggiore priorità alle proprie esigenze.

Una società incoerente: voglio l’amore, ma non so come prendermene cura

Sappiamo tutti cosa voglia dire avere legami sociali deboli. Sono relazioni in cui la comunicazione fallisce, in cui non c’è interesse reale e si percepisce costantemente la crosta delle falsità. Qualcosa del genere fa male e, oltretutto, stanca. Ma perché ci sono così tanti tipi di persone che sembrano così vuote dentro?

C’è un fatto che dobbiamo considerare. C’è chi non sa costruire relazioni solide perché manca di competenze o perché mostra qualche problema psicologico. L’ansia, la mancanza di autostima, il peso di un trauma o l’essere cresciuti in famiglie disfunzionali a volte ci rendono incompetenti nei rapporti sociali.

Ciò che vedremo in questi uomini e donne è un’incongruenza quasi costante. Bramano l’amore e gli amici, ma non hanno le capacità per prendersi cura di ciò che presumibilmente vogliono. Sono così concentrati sui loro bisogni e desideri che non possono nutrire emotivamente gli altri.

Amici abbracciati che si lasciano alle spalle legami sociali deboli
Ogni relazione richiede impegno, fiducia e rispetto. Sono pilastri a cui tutte le parti devono contribuire.

Legami sociali deboli: l’amicizia e l’amore si costruiscono

Molte sono le ragioni di questo fenomeno sempre più diffuso, definito dalla fragilità dei legami. La tecnologia, una mentalità che privilegia l’individualismo e persino il peso dei nostri problemi psicologici ci trascinano verso una percezione. Quello che siamo sempre più soli pur avendo più opportunità di entrare in contatto con gli altri.

Quella tremenda ironia è una delle nostre più grandi sfide. Perché al di là di quanto si possa credere, i legami sociali sono gli ormeggi quotidiani che sostengono il nostro benessere psicologico. L’amicizia, come l’amore, non si “consuma”, si costruisce attraverso l’impegno, la fiducia, il rispetto e la cura quotidiana.

Promuoviamo questi pilastri, offriamoli e prima o poi troveremo quelle persone che valgono davvero. Non importa che siano pochi, perché il benessere non sta nella quantità, ma nella qualità emotiva e umana.

Potrebbe interessarti ...
L’amore liquido o la fragilità dei legami
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
L’amore liquido o la fragilità dei legami

L'amore liquido ci parla di una realtà molto comune nelle attuali relazioni personali e che ha a che fare con la fragilità dei legami.



  • Field, Julaine & Crothers, Laura & Kolbert, Jered. (2006). Fragile Friendships: Exploring the Use and Effects of Indirect Aggression among Adolescent Girls. Journal of School Counseling.
  • Steger MF, Kashdan TB. Depression and Everyday Social Activity, Belonging, and Well-Being. J Couns Psychol. 2009 Apr;56(2):289-300. doi: 10.1037/a0015416. PMID: 20428460; PMCID: PMC2860146.
  • Tomé, Gina & Matos, Margarida & Camacho, Inês & Simões, Celeste & Diniz, José. (2013). The lack of friends amongst adolescents and well being. International Journal of Sciences;. 43-51.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.