L’età giusta per non avere paura e fare ciò che si vuole

10 novembre 2015 in Emozioni 1053 Condivisi

Vuoi sapere quanti anni ho?

Ho l’età in cui le cose si guardano con più calma, ma con l’interesse di continuare a crescere.

Ho l’età in cui i sogni si cominciano a sfiorare con le dita e le illusioni si trasformano in speranze.

Ho l’età in cui l’amore, a volte, è una folle scintilla, ansiosa di consumarsi tra le fiamme di una passione. Altre volte, è un’oasi di pace, come un pomeriggio sulla spiaggia.

Vuoi sapere quanti anni ho? Non ho bisogno di dire un numero preciso. Le mie speranze realizzate e le lacrime che ho versato lungo il cammino valgono molto di più di questo.

Che importanza ha che ne compia 20, 40 o 60?

Ciò che importa è l’età che mi sento addosso.

Ho l’età giusta per vivere liberamente e senza paure.

Per percorrere il sentiero senza timori, poiché porto con me l’esperienza acquisita e la forza dei miei desideri.

Che importanza ha quanti anni io abbia? A nessuno interessa!

Ho l’età giusta per non avere paura e per fare ciò che mi sento di fare.

(José Saramango)

Come siamo cambiati, non è vero? Sembra ieri che avevamo 10 anni in meno o addirittura che eravamo bambini. Il tempo passa senza che ce ne rendiamo conto.

Tuttavia, siamo perfettamente consapevoli che non abbiamo smesso di godere del tempo che abbiamo a disposizione e che stiamo accumulando insegnamenti grazie ai quali non abbiamo più paura di cadere nell’abisso.

A volte, però, è complicato comprenderlo e veniamo invasi dall’insicurezza. Ciononostante, il passare del tempo ci dà la temperanza di sapere che il meglio che possiamo offrirci è dentro di noi.

età giusta 2

Accumulare gioventù è un’arte

Non è il tempo a farci capire che le paure vanno affrontate: sono i danni, le esperienze che accumuliamo, a far girare il nostro mondo.

È proprio questo il valore che dobbiamo dare al passare degli anni. Siamo già abbastanza grandi da riaffermare la nostra identità e saperci posizionare, anche se a volte ci scontriamo con coloro che non sanno cosa significhi.

L’età ci offre la possibilità di imparare dalle battaglie perse e dai sentimenti, in modo da abbracciare il calendario e l’orologio.

età giusta 3

Il tempo vissuto si merita un sospiro

“Godere del passato è vivere due volte”

Godere dei ricordi rasserena lo stato d’animo, poiché innalza la nostra autostima e rafforza le nostre relazioni. Diciamo che, con il passare del tempo, i nostri desideri diventano una fonte di equilibrio e benessere psichico che ci alimenta.

Anche se, a volte, ne soffriamo, rammentare e sentire intensamente i ricordi è un modo per mantenerci emotivamente sani. I sospiri nostalgici creano un ponte tra presente e passato, il quale ci aiuta a sentire la continuità del nostro io e a capire quali sono le qualità che condividiamo con la persona che siamo stati.

In altre parole, attraverso la memoria, alimentiamo la sensazione che lo ieri e l’oggi si fondano in un’unione perfetta tra esperienza e tempo, la quale dà come risultato la caratteristica fiducia in se stessi.

La gestione di questo settimo senso ci permette di comprendere che il nostro unico compito è diventare maestri della nostra vita.

Il nostro sguardo saggio, a quel punto, saprà trattare con affetto e comprensione le generazioni presenti e future. Ciò significa realizzare il proposito responsabile di essere se stessi senza far del male agli altri.

Il nostro cuore ha l’età delle cose che ama, per questo è indispensabile continuare a crescere.

Guarda anche