Manoressia: disturbo alimentare degli uomini

La manoressia può essere intesa come un disturbo alimentare simile all'anoressia, ma sofferto soprattutto dagli uomini.
Manoressia: disturbo alimentare degli uomini

Ultimo aggiornamento: 17 novembre, 2021

L’anoressia è un disturbo alimentare che colpisce soprattutto le giovani donne, sebbene possa interessare anche negli uomini e in diverse fasce di età. Manoressia è un neologismo usato per parlare dell’anoressia sofferta dagli uomini o dell’espressione maschile della stessa.

La manoressia è considerata un disturbo alimentare non specificato e il suo nome è in gran parte dovuto al fatto che gli stereotipi di genere ci hanno portato a credere che l’anoressia sia una malattia esclusiva delle donne.

Alcuni specialisti ritengono che non sia necessario creare nuovi nomi per differenziare le caratteristiche di un disturbo in base al genere. Tuttavia, manoressia è un termine diventato popolare negli ultimi anni e che ci permette di comprendere le peculiarità dell’anoressia maschile.

In questo articolo impareremo le cause e le possibili origini dei casi di manoressia, le sue caratteristiche più rilevanti e l’importanza del suo approccio terapeutico.

Quali sono le cause della manoressia?

Le pressioni sociali per un fisico che si adatti agli standard egemonici della bellezza è una causa ricorrente di manoressia. La pubblicità, i media e soprattutto i social network hanno generato una serie di modelli che minano l’autostima dei più giovani.

Questi modelli influenzano spesso il  modo in cui ci vediamo, nonché il nostro stile di vita. L’esposizione costante a questi modelli di bellezza standardizzati può renderci vulnerabili ai disturbi alimentari.

Nel caso particolare della manoressia, alla base possono esservi modelli di mascolinità dominante che tendono a enfatizzare tratti come la forza fisica, l’agilità e la competitività.

L’uomo affetto da manoressia non vuole essere estremamente magro, bensì avere una figura snella e atletica attraverso la combinazione ossessiva di restrizioni dietetiche ed esercizio fisico eccessivo.

Infine, alcuni fattori che possono essere associati alla comparsa della manoressia sono l’esposizione a un evento traumatico, insuccesso scolastico o episodi di bullismo legati all’aspetto fisico. Oltre a ciò, la disattenzione dei genitori all’alimentazione, ma non solo, dei figli può aggravare la situazione.

Caratteristiche della manoressia

Tendono a soffrire di manoressia gli uomini giovani che hanno paura di ingrassare. Con questa idea in mente, si allenano continuamente e seguono diete restrittive. Tra le caratteristiche della manoressia possiamo riscontrare quelle che seguono.

Restrizioni alimentari

Si tende a perdere progressivamente appetito e si seguono diete molto restrittive. Oltre a questo, a volte si consumano lassativi e diversi integratori per dimagrire.

Attività fisica eccessiva

Forse la caratteristica più comune è l’eccessivo esercizio fisico, sia in termini di ore che di fatica. Soprattutto si tende a dare la priorità agli esercizi cardiovascolari per bruciare il grasso corporeo.

Distorsione dell’immagine corporea

Un altro segno caratteristico di questo disturbo alimentare è la percezione distorta dell’immagine corporea. In altre parole, l’uomo con manoressia può vedersi allo specchio con una taglia più grande di quella reale.

Stanchezza cronica e disagio fisico generale

La manoressia di solito porta con sé disagio fisico come stanchezza permanente, disturbi gastrointestinali, sensazione di freddo, caduta di capelli e problemi ai denti.

Conseguenze psicosociali

Infine, i disturbi alimentari influiscono negativamente sull’autostima e possono causare depressione e ansia. Oltre a ciò, possono sorgere sensazione di scarso valore personale e disturbi emotivi che portano all’isolamento sociale e al deterioramento delle relazioni familiari e sociali.

Giovane depresso.

L’importanza di chiedere aiuto

È importante notare che in molti casi gli uomini con disturbi alimentari non cercano spesso aiuto. Questo perché si è spesso convinti che si tratti di patologie che colpiscono solo le donne. Il primo passo sarà riconoscere di avere un problema e che può essere risolto con l’aiuto professionale appropriato.

Il trattamento della manoressia dovrebbe essere di tipo interdisciplinare. Da un lato, la terapia psicologica aiuterà a risalire all’origine dei pensieri alla base del disturbo, ad esempio che la magrezza è sinonimo di bellezza o che la bellezza garantirà il successo sociale.

Oltre a ciò, sarà fondamentale l’intervento di un nutrizionista, il quale si occuperà di pianificare una dieta sana e, naturalmente, un follow-up medico per valutare lo stato di salute generale e i progressi.

Allo stesso modo, il supporto familiare è essenziale per instillare migliori abitudini alimentari, rafforzare l’immagine di sé e superare progressivamente questo disturbo.

Conclusioni sulla manoressia

Tutti noi dovremmo riflettere sul modo in cui rafforziamo quotidianamente l’associazione tra magrezza e bellezza.

Possiamo iniziare generando modi diversi di percepire i nostri corpi, smettendo di fare commenti inutili sui corpi di altre persone ed essere più gentili con l’immagine che riceviamo dallo specchio.

Potrebbe interessarti ...
Anoressia e bulimia: il prezzo dell’intransigenza emotiva
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Anoressia e bulimia: il prezzo dell’intransigenza emotiva

I disturbi dell’alimentazione, come l’anoressia e la bulimia, rappresentano una sfida per la nostra società. Ne parliamo a seguire.



  • Toro-Alfonso, J., & Nieves Lugo, K., & Borrero Bracero, N. (2010). Cuerpo y Masculinidad: Los Desórdenes Alimentarios en Hombres. Revista Interamericana de Psicología/Interamerican Journal of Psychology, 44(2),225-234.[fecha de Consulta 5 de Noviembre de 2021]. ISSN: 0034-9690. Disponible en:   https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=28420641003
  • Vandereycken, W. (2011) Media Hype, Diagnostic Fad or Genuine Disorder? Professionals’ Opinions About Night Eating Syndrome, Orthorexia, Muscle Dysmorphia, and Emetophobia, Eating Disorders, 19:2, 145-155, DOI: 10.1080/10640266.2011.551634