Migliorare la comunicazione con il partner

Desiderate migliorare la comunicazione con il partner? Nelle righe che seguono troverete alcuni consigli per rafforzare questo importante aspetto della relazione.
Migliorare la comunicazione con il partner

Ultimo aggiornamento: 01 maggio, 2022

La comunicazione è uno degli aspetti più importanti della coppia e indica i livelli di soddisfazione riguardo alla relazione. Impegnarsi a migliorare la comunicazione con il partner è garanzia di un rapporto soddisfacente, mentre una cattiva comunicazione decreterà il fallimento non troppo lontano della coppia.

Il contenuto della comunicazione è importante alla pari del modo in cui viene trasmesso e il contesto in cui viene trasmesso. Non è lo stesso dire uno “sciocco” con la faccia arrabbiata e gridando invece che con uno sguardo seducente e in un sussurro. D’altra parte, non è lo stesso dire “Sei un disastro!” piuttosto che “Tesoro, di nuovo, stai più attento”.

È importante tenere conto di alcuni aspetti fondamentali quando si comunica con il partner. Prende in considerazioni certi dettagli aiuta a migliorare la comunicazione.

Aspetti per migliorare la comunicazione con il partner

1. Non essere presuntuosi

Abbiamo la cattiva abitudine di essere convinti di ciò che la persona con cui stiamo interagendo pensa e prova. È davvero così? Anche dopo tanti anni insieme è impossibile leggere la mente del partner.

L’ideale, invece, è chiedere se si è inteso bene quando si hanno dubbi o il messaggio che è arrivato risulta strano. Dare per scontato causa spesso incomprensioni dagli effetti collaterali.

2. Migliorare la comunicazione con il partner: non interpretare

Coppia che litiga.

Le interpretazioni sono soggettive e si colorano del significato che diamo esse, poiché si basano su convinzioni ed emozioni personali.

Quando il partner ci parla, dobbiamo assicurarci di aver compreso il suo punto di vista invece di aggiungere la nostra personale versione al suo messaggio. Ancora una volta l’opzione migliore in questi casi è chiedere per evitare equivoci.

3. Non ascoltare

È comune parlare senza ascoltare, pur pensando di farlo. Allo stesso modo, tendiamo a pensare a quello che diremo mentre l’altra persona parla.

Questa abitudine non ci consente di cogliere il messaggio che dovrebbe arrivarci, inoltre quando l’altra persona se ne accorge non si sentirà compresa e penserà di aver perso solo tempo. L’ascolto attivo è un’utile risorsa per migliorare la comunicazione con il partner.

4. Non parlare del passato

Quanto successo in passato non deve invadere il momento presente. Ricordare gli errori passati del partner non farà che inasprire la discussione.

Bisogna distinguere tra la causa del litigio presente e problemi in sospeso che possono essere affrontati in un altro momento.

Coppia che litiga sul passato.

5. Fare una pausa per migliorare la comunicazione con il partner

Se siamo arrabbiato o stressati, fermiamoci. Interroghiamoci sulle prove in nostro possesso che dimostrano che ciò che pensiamo sia vero. Un umore irascibile ostacolerà la comunicazione.

Meglio fare una pausa, rilassarsi e iniziare a parlare quando si è più calmi. In questo modo si evitano incomprensioni e conflitti che potrebbero nuocere alla relazione.

A volte quando litighiamo o parliamo con qualcuno, perdiamo il messaggio che volevamo trasmettere. Fornire dettagli è utile, ma meglio evitare tanti giri di parole che fanno perdere il filo del discorso.

Si consiglia di essere chiari, lineari quando si comunica con il partner per non perdersi in divagazioni assurde o poco attinenti con l’argomento principale.

7. Migliorare la comunicazione con il partner con l’empatia

Essere empatici significa mettersi nei panni dell’altro, tenerne conto e comprenderlo. In una relazione è un aspetto fondamentale perché ci permette di prendere in considerazione bisogni e punti di vista del partner, oltre ai nostri, su qualsiasi argomento.

Donna con empatia per migliorare la comunicazione con il partner.

8. Non prenderla sul personale

Cosa succede se il partner ci dice qualcosa che non ci piace o esprime il suo pensiero ma questo è in disaccordo con il nostro? Prendere sul personale le parole del partner non è la cosa migliore da fare.

Così come non dovrà fare l’altra persona quando esprimiamo un giudizio negativo in merito a una data condotta o modo di fare; l’oggetto della conversazione non è la persona, ma il comportamento o aspetto specifico che infastidisce.

9. Sapere quando e dove comunicare

Non tutti i luoghi o i momenti sono ideali per parlare di determinati argomenti. Per migliorare la comunicazione con il partner, è importante analizzare quello che si vuole dire e quando sarà il momento migliore per farlo.

10. Avere buone intenzioni per comunicare con il partner

L’ultimo ingrediente e probabilmente il più importante: le intenzioni. Quando parliamo con il partner, facciamolo con l’intenzione di costruire, con il desiderio che quando avremo finito di parlare ci sentiremo entrambi rincuorati.

È inutile ferire, non si ottiene nulla. Dimentichiamo il risentimento e le cattive intenzioni, se siamo arrabbiati prendiamo una pausa e rimandiamo il confronto per un’altra volta. Non offuschiamo le buone intenzioni con risentimenti, orgoglio o irragionevolezza; diffondiamo invece benessere, crescita e serenità.

Potrebbe interessarti ...
Ambivalenza affettiva: amore e odio coesistono
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Ambivalenza affettiva: amore e odio coesistono

L'ambivalenza affettiva è uno tipo di emozione complessa che dà luogo a contraddizione e tensioni, come quando amiamo e al tempo stesso odiamo qual...



  • Carroll S, Hill E, Yorgason J, et al. Couple Communication as a Mediator Between Work–Family Conflict and Marital Satisfaction. Contemp Fam Ther [Internet]. 2013 [consultado 27 mayo 2022]; 35, 530–545. Disponible en: https://doi.org/10.1007/s10591-013-9237-7
  • Flores M. Comunicación y conflicto: ¿Qué tanto impactan en la satisfacción marital?. Acta de investigación psicol  [Internet]. 2011 [consultado 27 mayo 2022]; 1(2): 216-232. Disponible en: http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S2007-48322011000200003&lng=es.
  • Hardee, J. T. (2003). An overview of empathy. The Permanente Journal7(4), 51.
  • Schneiderman, N., Ironson, G., & Siegel, S. D. (2005). Stress and health: psychological, behavioral, and biological determinants. Annual review of clinical psychology1, 607.