Perché non riesco ad avere un orgasmo?

· 16 giugno 2017

Nella cultura popolare è risaputo che le donne facciano fatica a raggiungere l’orgasmo. Di fatto, si dice che per molte donne sia normale fingere di arrivare all’estasi durante un rapporto sessuale. Ma c’è del vero in tutto questo? Succede a tutte le donne e ogni volta che hanno un rapporto sessuale?

Il fatto è che è piuttosto lunga la lista di miti sulle donne ed il loro appagamento in ambito sessuale. In realtà, il fatto di appartenere al genere femminile non comporta una maggiore difficoltà nel raggiungere l’orgasmo. Come succede anche agli uomini, anche le donne possono avere dei problemi in questa fase di risposta sessuale. Continuate a leggere per saperne di più!

Scrivere è come fare l’amore. Non ti preoccupare dell’orgasmo, preoccupati del processo.

Isabel Allende

Com’è l’orgasmo nella donna?

Per cominciare, cerchiamo di capire che cos’è l’orgasmo. È la fase della risposta sessuale umana dopo il desiderio e l’eccitazione. Una volta raggiunto l’orgasmo, è la volta della risoluzione e dell’appagamento sessuale. Quali sono le caratteristiche dell’orgasmo? È la sensazione e lo stato di piacere che si raggiungono durante un rapporto sessuale. Da un punto di vista fisico, l’orgasmo comporta una serie di contrazioni nella zona dei genitali maschili e femminili.

Vediamo, ora, quali miti esistono sul fenomeno dell’orgasmo. In primo luogo, si pensa che sia normale e abituale avere orgasmi durante il coito. Niente di più lontano dalla realtà. I rapporti con penetrazione non sono una condizione necessaria per arrivare a questa sensazione di piacere. Soprattutto per le donne. Di fatto, la maggior parte di loro raggiunge l’orgasmo attraverso la stimolazione clitoridea.

L’erotismo è una delle basi della conoscenza di sé, tanto indispensabile quanto la poesia.

Anaïs Nin

Concretamente, questo tipo di stimolazione avviene in maniera diretta o indiretta anche se si raggiunge l’orgasmo vaginale. L’orgasmo clitorideo è  peggiore di quello vaginale? Assolutamente no. Che lo si raggiunga nell’uno o nell’altro modo, non ha senso dire che uno sia migliore dell’altro. L’orgasmo, inoltre, può essere esplosivo e puntuale oppure diffuso e prolungato. Sono due orgasmi diversi, non si può dire che uno sia più appagante dell’altro o viceversa.

Che problemi ha una donna a raggiungere l’orgasmo?

Il problema in questa fase della risposta sessuale umana è l’orgasmo inibito. In cosa consiste? Si tratta di una difficoltà persistente o di incapacità nel raggiungere l’orgasmo dopo un’adeguata stimolazione e una fase di eccitazione normale. Se ci sono il desiderio e la giusta stimolazione, perché non si riesce a provare questo piacere così intenso?

L’aspetto psicologico gioca un ruolo fondamentale in questo senso. In primo luogo, un autocontrollo eccessivo compromette significativamente la persona in quest’ambito. Il segreto nei rapporti sessuali è lasciarsi andare. Se manca questo, il bisogno di controllo può rivelarsi controproducente se l’obiettivo è l’orgasmo.

Un autocontrollo legato anche alle preoccupazioni, soprattutto durante i primi rapporti. “Cosa penserà di me se faccio questo? Vorrà provare quest’altra cosa? Lo sto facendo male oppure sono troppo spinto/a?”. Questo genere di domande, invece di rilassare la mente, non fanno altro che aprire le porte all’ansia. Per questo è positivo parlare di sesso e farlo in maniera aperta e con sincerità, al di fuori dell’intimità sessuale o come un’intimità sessuale diversa.

Anche l’autostima ha un ruolo importante. Se aumentiamo la nostra autostima, mostrandoci sicuri di noi e soddisfatti del nostro corpo, sarà meno difficile raggiungere quella sensazione di piacere tanto desiderata. Di fatto, un deficit di autostima non solo causa difficoltà nei rapporti sessuali, ma provoca anche un grande malessere emotivo, dunque è importante lavorarci su.

Infine, c’è un’ultima difficoltà da tenere in considerazione: l’atteggiamento negativo nei confronti del sesso. Se i rapporti sessuali vengono visti come qualcosa di sporco o immorale, sarà molto complicato, per non dire impossibile, raggiungere il piacere e l’eccitazione necessaria per l’orgasmo. Un raggio di speranza in quest’ambito è che al giorno d’oggi la concezione che si ha dei rapporti sessuali sta cambiando e sono visti più come un elemento naturale e inerente alla condizione umana che come una forma di peccato o di sortilegio diabolico che, dopo il piacere, condanna all’inferno.

Il sesso fa parte della natura e io seguo la natura.

Marilyn Monroe

La realtà è che l’ambito sessuale è molto importante nella nostra vita, così come lo sono le relazioni sociali o la realizzazione personale o lavorativa. Avere una vita sessuale poco o per nulla soddisfacente genera grande malessere, pertanto è importante lavorare su queste difficoltà per sentirsi meglio con se stessi. Non bisogna avere paura di rivolgersi ad uno psicologo se necessario!

Immagini per gentile concessione di Toa Heftiba e Seth Doyle