Più single che mai: per quale motivo?

23 aprile 2018 in Emozioni 251 Condivisi
Uomo più single che mai

Non abbiamo ancora a disposizione cifre esatte, ma alcuni studi possono esserci utili per abbozzare un quadro della nuova realtà: ci sono più single che mai, almeno nelle società occidentali. Secondo le proiezioni, basandosi su indagini indipendenti, 1 adulto oltre i 50 anni su 4 non si è mai sposato. E in alcuni luoghi le cifre sono anche più radicali. Ad esempio a New York un adulto su due vive solo.

Come mai? Non è facile dirlo. Il fenomeno è così nuovo che non ci sono ancora conclusioni che possano essere date per definitive. Al contrario, sono in vaglio diverse ipotesi che potrebbero spiegare questo fatto e anche molte testimonianze quotidiane di persone che parlano di unioni permanenti o di un matrimonio come di qualcosa di indesiderabile. Come un peso che non vogliono portare.

Allo stesso tempo nel mondo cresce il disagio emotivo e sentimentale. Come crescono i casi di depressione e disturbi di ogni genere. Per gli approcci non biologici, ovvero quelli che non danno la responsabilità di tutto ai geni, ciò che accade nel mondo è strettamente associato a legami affettivi deboli o disfunzionali. Forse il fatto che ci siano sempre più single è un altro pezzo di questa stessa logica.

Donna single seduta in un bosco

I single e i solitari

Ci sono molti single che vivono bene e felici. Sono casi in cui non avere un partner non implica la solitudine o dove la solitudine non implica isolamento. Di solito si tratta di persone che hanno scelto consapevolmente di non vivere in coppia. Spesso hanno altri interessi che gli riempiono la vita.

La decisione di rimanere single è quasi sempre motivata dal desiderio di focalizzare tutte le energie su uno o più progetti, ad esempio in ambito lavorativo. Svolgono attività lavorative che amano e non vogliono affrontare il dilemma di dedicare meno tempo al loro lavoro per rispondere con coerenza alle aspettative di una famiglia. Nonostante ciò, di solito hanno un partner e una buona rete di amici e familiari.

I solitari, al contrario, non sanno di preciso perché non hanno un partner stabile con cui vivere. Una risposta frequente è che non hanno trovato la persona giusta. Tuttavia, non si sentono a proprio agio nemmeno a vivere da soli. Conducono spesso vite monotone ed è comune che in loro predominino sentimenti di apatia o tristezza.

Esiste anche un altro tipo di solitari, ovvero quelle persone che passano da una relazione all’altra, senza restare a lungo con nessuno. Vivono il “qui e ora”, in una sorta di eterna adolescenza in cui il futuro non esiste.

Più single che mai: motivi

I sociologi presentano diverse ipotesi per spiegare questa massiccia presenza di single. Alcuni puntano il dito contro un ambiente che promuove l’egocentrismo, in un modo che non registra precedenti. L’individuo è diventato il centro di tutto. La preoccupazione principale di molte persone è il loro stesso Io. In questo schema non c’è posto per nessun altro. Non gli interessa, dunque, essere attenti ai sentimenti e ai bisogni di un’altra persona.

Coppia con acqua ai lati

È stata proposta l’idea che stia avvenendo il cosiddetto “paradosso della scelta”. Consiste in quanto segue. Prima il numero potenziale di persone che era possibile conoscere era limitato. Internet ha reso possibile che questo potenziale di legami sia virtualmente infinito. Allo stesso modo, anche il numero potenziale di partner è infinito. Accade, quindi, che l’eccessivo numero di opzioni paralizzi nella capacità di decidere.

Quando una persona decide finalmente su qualcosa, ha sempre la sensazione di perdere qualcos’altro. E ha questa sensazione perché avrà sempre altre opzioni con cui confrontare la sua “acquisizione”. C’è una tendenza nell’essere umano a desiderare ciò che non ha, invece di apprezzare ciò che ha.

La solitudine e la coppia

Sembra che al momento molte persone abbiano dimenticato che la coppia è una costruzione. Non si sta con qualcuno solo per uscire insieme o avere rapporti sessuali. La conversazione, gli accordi, i conflitti e le esperienze rendono una coppia tale.

Avere un partner, dunque, esige uno sforzo. E anche tolleranza, generosità, pazienza e, naturalmente, sacrifici. È esattamente quello che alcuni single non vogliono: lottare o accogliere nel loro mondo emotivo altri bisogni che non sono loro.

Uomo single che guarda dalla finestra

La solitudine non scelta non è mai una buona opzione. Alcuni studi ne dimostrano persino gli effetti collaterali fisici. In questi casi bisognerebbe pensare se è vero che non abbiamo trovato la persona giusta o se non ci siamo adattati. Vale la pena di porsi questa domanda.

Guarda anche