Se nella vostra mente regna il caos, iniziate a disegnare

· 10 novembre 2016

Forse proprio ora state attraversando una di quelle fasi in cui intorno a voi regna il caos. La vostra vita, le vostre relazioni interpersonali, il vostro lavoro… Sembra che niente vada bene, e non riuscite a capire perché. È una situazione molto comune, che diventa complicata perché molte volte non riusciamo a definirla né limitarla. Sapete che disegnare potrebbe mettere un po’ di ordine in questo disastro?

Alcune persone scelgono la scrittura per plasmare i loro sentimenti e liberare le loro emozioni. Dicono che in questo modo si sfogano e si sentono molto meglio. Altre decidono di parlare con i loro cari. È così che trovano un sostegno incondizionato e un piccolo aiuto che li orienta in mezzo a tanta confusione.

“Il disegno è la sincerità travestita da giravolta.”

-Claude Serre-

Ma oggi non vi vogliamo parlare né  della scrittura né delle altre strategie che vi possono aiutare a eliminare la frustrazione e organizzare quell’uragano che vi ha travolto. Oggi ci concentreremo sul disegno, un’attività che potrebbe essere la nostra alleata nei momenti più bui.

autoritratto

Disegnare vi permette di scoprirvi

Nelle circostanze più avverse, uno dei nostri principali problemi è l’incapacità di affrontare le situazioni nel modo giusto. Così, non solo non siamo in grado di risolverle in tempo, ma molte volte le peggioriamo.

Per questo motivo è così importante fermarci e scoprire di nuovo chi siamo. Perché, anche se pensiamo di sapere tutto su noi stessi, non è così. Ci sono ancora molte situazioni nuove da vivere. Molte esperienze che non avete ancora vissuto e di fronte alle quali non sapete come reagireste.

Disegnare vi permetterà di scoprire tutto ciò che non sapete su di voi, oltre a esprimere quello che sentite e mettere un po’ di ordine in quel paesaggio che adesso vi sembra solo intricato e caotico. Il caos, come tutto, ha i giorni contati.

“L’arte ha il singolare pregio di mettere a nudo la parte attiva e l’efficacia di ciò che accade negli esseri umani.”

-Emilia Pérez La Rotta-

Può darsi che stiate pensando che non siete dei grandi disegnatori e che, quindi, questa tecnica non va bene per voi. Ma è solo una scusa, perché non importa se vi vengono fuori solo alcune righe o disegni che secondo voi non hanno senso. Non si tratta di disegnare bene, ma di liberare la mente e di plasmare su un foglio ciò che proviamo.

Quando vi mettete di fronte ad un foglio bianco e prendete in mano una matita o una penna per lasciare su di esso tutto ciò che vi frustra, non pensate al risultato, non pensate a niente. Semplicemente, lasciatevi trasportare e permettete che la vostra mano scorra senza pressioni né direzioni. Il risultato vi sorprenderà.

pastelli

Disegnare a fini terapeutici

Tutto quello che vi abbiamo detto fin’ora vi avrà fatto capire che disegnare può avere grandi benefici terapeutici e può aiutarvi a curare ciò che avete dentro di voi, a essere un po’ più felici e, naturalmente, a conoscervi meglio.

Ma se siete dei principianti e volete davvero sfruttare il disegno al massimo, è necessario che mettiate in pratica diverse tecniche a seconda del problema che state affrontando. In questo modo, riuscirete a ottenere risultati diversi a seconda della situazione.

  • Disegnare linee e poi cerchi: questa tecnica è ottima se ciò che accade intorno a voi vi fa arrabbiare. Dovete liberare quest’aggressività attraverso delle linee che mostrino la rigidità e la durezza del vostro stato, per poi concludere con dei cerchi delicati e rilassanti.
  • Disegnare figure: se siete preoccupati, un modo per liberarvi da tutti questi pensieri che non vi fanno chiudere occhio è disegnare figure geometriche, come cerchi o triangoli. Potete anche disegnare persone, animali o paesaggi, dipende da come vi sentite rispetto alle vostre preoccupazioni.
  • Disegnare mandala: i mandala si utilizzano in religioni come l’induismo o il buddismo con il fine di raggiungere la pace interiore. È un’ottima tecnica se volete capire meglio voi stessi, comprendere il caos che vi circonda o superare una delusione.
  • Disegnare strade: ci sono momenti in cui la disperazione s’impossessa di noi, e non troviamo una via d’uscita ai nostri problemi. In questi casi, disegnare strade può essere una delle nostre migliori opzioni. Tra una strada e l’altra, vi renderete conto che forse potete aprire più porte di quelle che credevate.
donna-disegna

  • Disegnare arcobaleni, fiori e paesaggi verdi: il verde è il colore della speranza e i colori ci riempiono di allegria. Disegnare ciò vi aiuterà a superare un periodo di tristezza o persino di depressione. Il buio si combatte con la luce, quindi date più colore ai vostri disegni.
  • Disegnate spirali: a volte il problema non è che non troviamo una via d’uscita, ma che pensiamo di poter solo andare avanti o indietro. Disegnate spirali vi permetterà di aumentare la consapevolezza del fatto che esistono anche confini sottili, destra, sinistra, salite, discese… Non deve sempre essere tutto dritto. È un buon modo di sbloccarsi e iniziare ad avanzare.

“Le persone devono parlare di meno e disegnare di più. Personalmente, mi piacerebbe rinunciare alla parola completamente e, come fa la natura organica, comunicare tutto ciò che voglio dire in modo visivo.”

-Johann Wolfgang von Goethe-

Queste sono solo alcune delle idee che potete mettere in pratica se vi sentite angosciati, tristi, bloccati o arrabbiati. Ma potete anche ideare il vostro metodo, a seconda di ciò che funziona meglio per voi e vi offre più benefici. Forse vi accorgerete che disegnare alcuni punti vi è più facile oppure che vi piace realizzare copie di quadri.

L’unica cosa importante è che, mentre disegnate, non pensiate. Non alimentate le preoccupazioni o i problemi. Semplicemente, lasciatevi trasportare fino ad arrivare alla liberazione che desideravate, che elimina il caos che regna intorno a voi.