Alice Herz-Sommer: biografia di un’artista

14 Ottobre 2019
La vita di Alice Herz-Sommer ci mostra due grandi verità. La prima: se qualcuno ha un'infanzia relativamente felice, difficilmente sarà abbattuto dalla vita. La seconda: indipendentemente dalle difficoltà, quello che conta è l'atteggiamento con cui si affrontano le situazioni.

Oggi vi parleremo della vita di Alice Herz-Sommer, una sopravvissuta, una donna che ha sfidato la morte ed è riuscita a vivere fino all’età di 110 anni.

Perché diciamo che è una sopravvissuta? Fu condannata a morte quando era molto giovane: era ebrea e fu mandata in un campo di concentramento. Per questo motivo, era destinata a essere una vittima. Tuttavia, contro ogni previsione, le fu affibbiato il soprannome di “donna più ottimista del mondo”.

In una delle molte interviste che ha rilasciato, Alice Herz-Sommer ha dichiarato di avere una sorella gemella con cui ha condiviso l’aspetto, i genitori e i geni, ma non l’atteggiamento verso la vita, che era radicalmente opposto. Alice ha ripetuto più volte di essere nata ottimista e di essere sempre riuscita a vedere il lato positivo in ogni circostanza, anche nelle peggiori condizioni.

“Non ho mai parlato del passato perché non volevo che mio figlio crescesse con l’odio, perché l’odio porta più odio. E ci sono riuscita.”

-Alice Herz-Sommer-

Questa donna fu molto ammirata per la vitalità che ha conservato fino agli ultimi anni della sua vita. Nonostante l’età avanzata, ha continuato a suonare il pianoforte, la sua grande passione, ogni giorno. Inoltre, era quasi centenaria quando si iscrisse all’università per anziani. Il suo entusiasmo verso la conoscenza non cessò mai. Scopriamo insieme quali sono i segreti di questa longevità e di questo ottimismo con cui ha sempre affrontato la vita.

Entrata binari in un campo di concentramento

Alice Herz-Sommer e l’infanzia felice

Le persone che presentano alti livelli resilienza hanno quasi sempre avuto un’infanzia felice. Alice Herz-Sommer nacque a Praga il 26 Novembre del 1903. Proveniva da una famiglia di musicisti ebrei in cui l’arte e la cultura occupavano un posto fondamentale.

Gli artisti e gli intellettuali più famosi dell’epoca frequentarono la sua casa. Per esempio, Franz Kafka era uno degli ospiti abituali. Una piccola curiosità al riguardo: la sorella di Alice sposò il migliore amico dello scrittore. Inoltre, la casa fu frequentata da Gustav Mahler, Rainer Maria Rilke, Stefan Zweig e Thomas Mann. Anche Sigmund Freud era un ospite frequente della famiglia.

Alice sviluppò un profondo amore per la musica sin da piccola. Dall’età di otto anni si dedicò con amore e disciplina allo studio del pianoforte e da adolescente dava già concerti in tutta Praga.

L’invasione nazista

Nel 1931, Alice conobbe il musicista Leopold Sommer. Lo sposò e divenne il grande amore della sua vita. Nel 1937 nacque il loro unico figlio, Raphael. Ma la felicità non durò per molto e nel 1939 la Cecoslovacchia fu occupata dai nazisti. La maggior parte degli ebrei fu costretta a vivere nel ghetto. Alice e la sua famiglia godevano di rispetto in città e, forse per questo motivo, fu loro concesso di continuare a vivere nel loro appartamento.

Tuttavia, la vita cominciò a diventare difficile. Gli stessi cechi, con l’avanzare della guerra, iniziarono a discriminare gli ebrei. Nel 1942 arrivarono le lettere di espulsione per la madre di Alice e i genitori di Leopoldo. Fu un momento profondamente drammatico.

La stessa Alice dovette portare la madre settantaduenne nel centro di espulsione. Lì, la salutò e la vide allontanarsi sapendo che stava andando verso la morte. Quel senso di impotenza fu per lei il momento più straziante della sua vita. Anche dopo diversi decenni, Alice Herz-Sommer continuò a ricordare la madre con nostalgia, malinconia e tristezza, specialmente quando ascoltava la musica di Mahler.

Primo piano di Alice Herz Sommer

Alice Herz-Sommer: una sopravvissuta

Nel 1943, arrivò un nuovo ordine di espulsione che finì per separare definitivamente il nucleo familiare. Questa volta era destinato ad Alice, a suo marito e al figlio. Tutti e tre furono portati nel campo di concentramento di Theresienstadt (considerato un “campo per artisti”). In teoria, lì i prigionieri avrebbero ricevuto un trattamento migliore, ma la realtà fu ben diversa.

Nel campo di concentramento Alice dovette esibirsi per i nazisti che, al ritmo della musica suonata da questa meravigliosa pianista, mangiavano e pianificavano i loro stermini. Ma Alice suonò anche per gli internati. Riferì che in totale effettuò 150 esibizioni e che in numerose occasioni la musica aiutava le anime tormentate dei prigionieri.

Suo marito venne trasferito nel campo di concentramento di Auschwitz e al momento dell’addio le disse: “Non fare nulla volontariamente!”. Alcuni giorni dopo, i nazisti cercarono delle “volontarie” che desideravano andare a trovare i propri mariti. Alice ricordò le parole di Leopold e si rifiutò. In questo modo, riuscì a salvarsi. Era solita dire che la cosa più difficile era stata aver visto suo figlio patire la fame. Ma per non farlo soffrire troppo rideva sempre.

Alice Herz-Sommer e suo figlio furono tra i pochi sopravvissuti di quel campo di concentramento. Terminata la guerra, si trasferirono in Israele. Alice decise di non vivere nel passato e crebbe suo figlio lontano dall’odio. Raphael divenne un famoso violoncellista e Alice morì all’età di 110 anni a Londra.

Indubbiamente la sua vita è esemplare. Grazie a lei, possiamo vedere fino a che punto l’essere umano è in grado di sopportare la sofferenza e in che modo il nostro atteggiamento nei confronti della vita può determinare il nostro futuro.

  • Stoessinger, C. (2012). El mundo de Alice: lecciones de vida de una superviviente del holocausto. Grupo Planeta (GBS).