Antidepressivi e alcol: come interagiscono?

La combinazione di antidepressivi e alcool produce effetti importanti sul nostro organismo. Scopriamo come interagiscono queste due sostanze.
Antidepressivi e alcol: come interagiscono?

Ultimo aggiornamento: 14 giugno, 2020

Spesso ci chiediamo quali sono gli effetti del consumo di alcol quando si segue una terapia farmacologia. Quando si mischiano antidepressivi e alcol, dobbiamo tenere in considerazione che sono entrambe sostanze psicoattive, che possono provocare gravi effetti sul nostro organismo.

Purtroppo, antidepressivi e alcol sono due sostanze che interagiscono con troppa frequenza nella nostra società: non è raro infatti incontrare persone con un disturbo depressivo e che bevono alcolici o, al contrario, alcolisti che soffrono di depressione.

È importante conoscere gli effetti e la conseguenze di questo mix. Vediamoli insieme in quest’articolo.

Cos’è l’alcol e come agisce?

Quando parliamo di alcol, ci riferiamo all’alcol etilico o etanolo. L’alcol è una sostanza psicoattiva che si trova nelle bevande alcoliche come il vino, la birra, i liquori o i superalcolici.

Una volta entrato nel nostro organismo, l’alcol agisce deprimendo il sistema nervoso centrale. In particolare, inibisce i recettori GABA A (recettore ionotropo), uno dei due recettori per il neurotrasmettitore GABA (acido γ-amminobutirrico).

Donna che soffre di alcolismo

Alcuni effetti dell’elevato consumo di alcol sono i seguenti:

  • Disinibizione combinata con euforia.
  • Sonnolenza.
  • Capogiri.
  • Diminuzione dei riflessi.
  • Rallentamento dei movimenti.

L’alcol agisce sugli stessi recettori di molti farmaci psicotropici, per questo motivo a volte i loro effetti possono assomigliarsi. Un principio attivo che agisce in modo simile al consumo di alcol è costituito dalle benzodiazepine.

Antidepressivi e alcol

In generale, il consumo di alcol è controindicato in combinazione con qualsiasi trattamento farmacologico; e a maggior ragione nel caso degli antidepressivi.

Como abbiamo visto, alcuni antidepressivi agiscono usando lo stesso sentiero – meccanismo – che percorre l’alcol. Questo significa che la combinazione di antidepressivi e alcol potenzia gli effetti delle singole sostanze.

La conseguenza più preoccupante del consumo contemporaneo di queste due sostanze è una profonda depressione del sistema nervoso centrale. Questo implica un aumento dei sintomi depressivi e, allo stesso tempo, della disinibizione e dei comportamenti violenti e incontrollabili. Contemporaneamente, vengono ampliati gli effetti sedanti come:

  • Diminuzione dello stato vigile.
  • Aumento della sonnolenza.
  • Diminuzione della coordinazione e del controllo dei movimenti.
  • Rallentamento e diminuzione delle abilità motorie.
  • Diminuzione della prontezza dei riflessi.
  • Riduzione della capacità di memoria.

D’altra parte, si produce anche un aumento degli effetti psicotropici per la capacità di alcuni farmaci antidepressivi, come gli I-MAO (inibitori delle monoamino ossidasi) di inibire la metabolizzazione dell’alcol da parte del fegato. In questo modo, inibiscono le reazioni di ossidazione metabolica di sostanze come alcol o altri farmaci e, di conseguenza, potenziano i loro effetti sul sistema nervoso centrale.

Un’altra conseguenza importante del mix di antidepressivi e alcol è l’aumento dei loro effetti collaterali. Un esempio, fra i vari, è l’alterazione del sonno.

Uomo che prende antidepressivi e alcol

Antidepressivi per il trattamento dell’alcolismo

L’alcolismo è una patologia complessa nella quale influiscono vari fattori. Come già detto, è strettamente relazionata alla depressione. Anzi, alcuni sintomi dell’alcolismo vengono trattati con psicofarmaci come gli ansiolitici e gli antidepressivi.

Attualmente, si sta studiando la possibilità e l’efficacia di usare antidepressivi nella fase di abbandono del fumo. Alcuni esempi di farmaci che si usano in questi casi sono il trazodone, la venlafaxina e la fluoxetina.

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (ISRS) si sono dimostrati efficaci per ridurre i sintomi della sindrome da astinenza dell’alcol, e nella riduzione del craving.

D’altra parte, gli antidepressivi sono utili anche quando, durante il trattamento dell’alcolismo, compaiono episodi depressivi gravi. Anzi, esistono molti casi di pazienti con depressione e dipendenza da alcol concomitanti. Il trattamento di questi pazienti è una difficile sfida della psichiatria.

In conclusione, la combinazione di antidepressivi e alcol ha effetti importanti sul nostro organismo. Dobbiamo conoscerne le conseguenze per evitare le complicazioni che possono derivare dal consumo di queste sostanze.

Durante un trattamento farmacologico, è fondamentale seguire le indicazioni dello specialista e consultarlo per qualsiasi dubbio che possa sorgere.

Potrebbe interessarti ...
Neurobiologia dell’alcolismo
La Mente è MeravigliosaRead it in La Mente è Meravigliosa
Neurobiologia dell’alcolismo

Cosa succede nel nostro cervello dopo l'assunzione di alcol, soprattutto quando c'è un problema di dipendenza? Ce lo spiega la neurobiologia dell'alcolismo.



  • Romero, C., & González, J. B. (2005). Antidepresivos: revisión. Farmacia profesional19(10), 76-80.
  • Bolet Astoviza, Miriam, & Socarrás Suárez, María Matilde. (2003). El alcoholismo, consecuencias y prevención. Revista Cubana de Investigaciones Biomédicas22(1).
  • Marusić, Srdan, Thaller, Vlatko, & Javornik, Nenad. (2004). Psicofarmacoterapia en el tratamiento de los trastornos relacionados con el alcohol. The European journal of psychiatry (edición en español)18(4), 249-258.