Arthur Schopenhauer: biografia e opere

Arthur Schopenhauer è la prova che il pessimismo non è necessariamente sinonimo di amarezza. Il suo pensiero era orientato a mettere in evidenza i grandi limiti umani, ma allo stesso tempo permetteva alla gioia di colorare la sua scrittura.
Arthur Schopenhauer: biografia e opere

Ultimo aggiornamento: 29 settembre, 2021

Arthur Schopenhauer fu uno dei filosofi più brillanti del XIX secolo. Abile nella riflessione e dotato di un senso dell’umorismo unico, divenne un pensatore universale ai margini dei circoli accademici.

Anche se molti lo considerano il più grande rappresentante del “pessimismo filosofico”, per altri è un pensatore realista e franco che ha rivelato gli angoli meno presentabili della realtà e dell’esistenza. Uno degli aspetti più sorprendenti è che Schopenhauer dichiarò apertamente che la vita non era degna di essere vissuta, ma lo fece con una grazia incomparabile.

Arthur Schopenhauer è visto come un erede della filosofia di Kant e Spinoza. Tuttavia, questo favoloso filosofo attinse anche dal pensiero orientale, tra cui il buddismo, il taoismo e il vedanta. Da tutte queste intuizioni originali e universali che sono ancora attuali.

Il medico vede l’uomo in tutta la sua debolezza, l’avvocato in tutta la sua cattiveria, il teologo in tutta la sua stupidità.

-Arthur Schopenhauer-

L’infanzia di Arthur Schopenhauer

Arthur Schopenhauer nacque a Danzica (Polonia) il 22 febbraio 1788. Suo padre, Heinrich Floris Schopenhauer, era un prospero mercante che introdusse suo figlio nel mondo degli affari. Sua madre, Johanna Henriette Trosenier, era una donna estroversa e socievole che divenne una scrittrice.

Era sua madre che organizzava le serate letterarie in casa Schopenhauer. Vi partecipò il meglio dell’intellighenzia dell’epoca, tra cui figure come Goethe.

Arthur seguiva questi incontri da vicino, ma la sua personalità arcigna e ritirata gli impediva di goderne. Per questo motivo, ebbe un rapporto molto travagliato con sua madre.

Quando Arthur aveva solo cinque anni, la famiglia si trasferì ad Amburgo. Lì iniziò la sua educazione privata, con l’intenzione di diventare il successore di suo padre negli affari, cosa che non accadde mai. Schopenhauer aveva una sorella di nove anni più giovane. Nemmeno con lei mantenne un rapporto stretto.

Un nuovo pensatore

Arthur fu costretto da suo padre a formarsi come uomo d’affari. Nel 1805, all’età di 17 anni, iniziò il suo apprendistato nel commercio. Nello stesso anno suo padre morì, apparentemente per suicidio.

La famiglia si trasferì a Weimar, ma il futuro filosofo rimase ad Amburgo. Nel 1809, decise di lasciare il mestiere e si iscrisse a medicina all’Università di Göttingen.

All’università Schopenhauer scoprì diversi filosofi e si appassionò alla lettura. Scoprì così la sua vera vocazione e nel 1811 si trasferì a Berlino, dove iniziò diversi corsi di filosofia.

Studiò anche un po’ di filologia, storia e scienze naturali. Finalmente ottenne un dottorato in filosofia all’Università di Jena nel 1813.

Tornò poi a casa di sua madre a Weimar, dove ebbe lunghe conversazioni con Goethe. Durante tutta la sua vita lo ammirò, così come Shakespeare, Omero e gli scrittori dell’età dell’oro spagnola, che tradusse in tedesco.

In seguito si trasferì a Dresda, dove scrisse la sua opera suprema Il mondo come volontà e rappresentazione, pubblicata nel 1819.

Uomo con ombrello in testa.

Un grande pensatore

Dalla pubblicazione della sua opera, è stato pienamente identificato un timbro unico nel pensiero di Schopenhauer. Il suo proverbiale pessimismo prese forma, basandosi su una premessa: viviamo nel peggiore dei mondi possibili.

Cominciò a essere visto come un pensatore scettico che denunciava l’irrazionalità umana in un’epoca in cui prevaleva il mito della ragione.

Tuttavia, il pensiero di Schopenhauer non divenne cinico, ma al contrario sostenne una nuova etica di compassione verso “tutto ciò che ha vita”.

Definisce l’arte come l’ultimo balsamo per i dolori e la futilità dell’esistenza. Più tardi, divenne famoso in tutto il mondo per i suoi aforismi lapidari, in cui dimostra che il pessimismo e la gioia non si escludono a vicenda.

Inizialmente, il suo lavoro non fu ben accolto, tanto che dovette essere distrutto per mancanza di acquirenti. Nel corso degli anni, divenne uno dei pensatori più noti.

Richard Wagner gli inviò una copia autografata della sua opera L’anello del Nibelungo per esprimere la sua ammirazione.

Schopenhauer era davvero il pensatore della contraddizione: sosteneva il vegetarismo, ma mangiava carne. Parlava ai suoi cani in diverse lingue e li trattava come esseri umani.

Si ammalò di colera e si trasferì a Francoforte, dove visse per più di due decenni. Morì nel settembre 1860, difendendo una delle sue massime: Il segreto per essere infelici sta nell’avere il tempo sufficiente per domandarsi se si è felici.



  • Von Gwinner, W. (2020). Arthur Schopenhauer: Presentado desde el trato personal (Vol. 46). Hermida Editores.