Atteggiamenti da evitare sul lavoro

29 maggio, 2020
Scoprite quali sono i quattro atteggiamenti che dovremmo evitare nell'ambiente di lavoro, sia per trovarlo che per mantenerlo.
 

Nonostante l’importanza e la profonda influenza su molti di noi, non tutti sono consapevoli degli atteggiamenti da evitare sul lavoro. Questi possono essere racchiusi nell’acronimo SAPO, sconosciuto ai più. Gli atteggiamenti che si celano dietro quest’acronimo sono dannosi in particolare per la ricerca e per il mantenimento di un lavoro.

Tuttavia, vi consigliamo di evitarli anche nella vostra vita quotidiana: non si tratta di una buona compagnia in nessun ambito della vita. Per capirlo meglio, proveremo a specificarne il significato e le conseguenze.

Gli atteggiamenti evitare sul lavoro: SAPO

L’acronimo SAPO comprende i quattro atteggiamenti che possono distruggere completamente il nostro ambiente di lavoro. Ci riferiamo a:

  • Superbia.
  • Arroganza.
  • Prepotenza.
  • Ostinazione.
Ragazzo adirata sul lavoro

S. Superbia

Il vocabolario Treccani definisce la superbia nel seguente modo: “Esagerata stima di sé e dei propri meriti (reali o presunti), che si manifesta esteriormente con un atteggiamento altezzoso e sprezzante e con un ostentato senso di superiorità nei confronti degli altri”.

La superiorità non è certo un atteggiamento che genera simpatia. Le persone che pensano di essere superiori suscitano spesso un grande rifiuto negli altri.

 

D’altra parte, anche se è un atteggiamento che si cerca di dissimulare, la persona superba finisce facilmente per soccombere al proprio ego e rivelare la sua falsa umiltà. Un comportamento che suscita un rifiuto ancora più forte.

A. Arroganza

Se cercassimo la definizione di arroganza sul dizionario Treccani, ci rimanderebbe al termine arrogante. Tale termine include il seguente significato: “Presuntuoso, superbo”.

Nel linguaggio colloquiale, è spesso usato come sinonimo di orgoglioso. Nel comportamento, forse la posizione che spicca maggiormente è il disinteresse sistematico per gli argomenti e le opinioni altrui. Presenta, forse, un carico inferiore di orgoglio rispetto alla superbia.

P: Prepotenza tra gli atteggiamenti da evitare sul lavoro

Molto simile agli atteggiamenti già visti, potremmo interpretare l’arroganza come una manifestazione della prepotenza o una sua conseguenza.

Qualcuno pensa di essere migliore e più saggio degli altri (prepotente) ed è per questo che non presta attenzione a ciò che gli altri hanno da dire (arrogante).

O: Ostinazione

Se infine cerchiamo questa parola sul vocabolario Treccani, troveremo la seguente definizione: Intesa sia come irrigidimento caparbio in un’idea, un proposito, un comportamento, sia come perseveranza e fermezza in ciò che è bene”.

Nell’accezione che ci interessa, parleremmo di persone che hanno difficoltà a cambiare visione oppure opinione.

Lo stesso accade quando ci riferiamo a questo termine nel campo lavorativo per indicare quelle persone che considerano valide solo le loro opinioni e idee. Si lavora sempre meglio se si ascoltano le opinioni e le idee altrui.

 
Riunione di lavoro tra colelghi

Competenze contro la SAPO

Apprezziamo tutti un buon ambiente di lavoro. Per ottenerlo, è possibile gestire poche abilità che, a differenza degli atteggiamenti descritti, possono aiutarci ad avere successo nel nostro lavoro:

  • Capacità risolutiva: saper reagire ai problemi che possono sorgere sul posto di lavoro è una marcia in più non solo per l’azienda, ma anche per se stessi.
  • Creatività e iniziativa: ci sono momenti in cui abbiamo paura di condividere le idee che ci vengono in mente. Tuttavia, è un aspetto molto apprezzato da molte aziende.
  • Lavoro di squadra: è senza dubbio una delle caratteristiche più apprezzate in qualsiasi azienda, e anche in molti colloqui di lavoro. Saper lavorare con altre persone e fare squadra per svolgere il lavoro è molto positivo per qualsiasi impresa.
  • Tolleranza alle critiche: le critiche di solito non vengono prese bene. Non è piacevole arrivare al lavoro e che qualcuno dall’esterno metta in discussione il proprio lavoro. Tuttavia, in molte occasioni questi messaggi contengono informazioni che potremmo usare a nostro favore.
  • Adattabilità: talvolta possiamo apportare delle modifiche per cambiare le condizioni e adattarle alle nostre preferenze. Tuttavia, altre non saremo in grado di realizzare questo cambiamento nell’ambiente, pertanto saremo costretti a modificare i nostri desideri. In breve, ad adattarci.
 
  • Pianificazione: pianificare, e farlo bene, è una delle abilità che può ridurre lo stress quotidiano. Stabilire un buon ordine di priorità e trasferirlo alle nostre decisioni in momenti specifici, compilare l’ordine del giorno e seguirlo, ci consente di risparmiare molte risorse.

Ecco quindi, in sintesi, gli atteggiamenti da evitare sul lavoro e le caratteristiche che possono renderci molto resistenti alla loro influenza. Ora è nelle nostre mani applicarli.