Aumentare il controllo mentale: semplici strategie

La mindfulness è una valida tecnica per ottenere il controllo della mente. Grazie alla piena consapevolezza, miglioriamo la qualità dei nostri pensieri concentrandoci sul momento presente. Non si tratta, tuttavia, dell'unica strategia utile.
Aumentare il controllo mentale: semplici strategie
Gema Sánchez Cuevas

Scritto e verificato da la psicologa Gema Sánchez Cuevas.

Ultimo aggiornamento: 28 gennaio, 2022

Il controllo mentale, o autocontrollo, non richiede magia, bensì psicologia. Si tratta di quella preziosa capacità che tutti dovremmo allenare. Aumentare il controllo mentale ci consente di gestire il nostro mondo interiore in modo intelligente, costruttivo e utile.

Spesso nutriamo una vera ossessione del controllo, anche verso noi stessi. Tuttavia, è un obiettivo impossibile da raggiungere nella sua interezza (il che non significa che non abbiamo margini di miglioramento).

Il controllo mentale può aiutare anche ridurre l’impatto dello stress. Lungi dall’intenderla come una capacità quasi soprannaturale, dobbiamo considerarla come l’abilità di mediare equilibrio e benessere.

Dopotutto, controllare i pensieri permette di migliorare l’umore, la concentrazione e persino la produttività. Vediamo come riuscirci.

Chi vince gli altri è potente, chi vince sé stesso è forte.

-Laozi-

Strategie per aumentare il controllo mentale

1. La conoscenza di sé aumenta il controllo mentale

Lo studio svolto presso l’UCL Institute for Cognitive Neuroscience, University College London, rivela dati interessanti.

Il nostro universo mentale è molto simile a quello di un computer. Creiamo connessioni, i pensieri viaggiano attraverso impulsi elettrici e, a sua volta, abbiamo un cervello altamente specializzato. Tuttavia, qualcosa ci differenzia nettamente dalle macchine: le emozioni e la coscienza.

  • La conoscenza di sé ci permette di entrare in sintonia con la nostra persona, i nostri desideri, le nostre speranze e necessita.
  • Un buon numero di persone non saprebbe identificare le proprie motivazioni più profonde o esporre quelle realtà interiori che stimolano, mantengono o interrompono i propri comportamenti/abitudini.

Una strategia chiave per aumentare il controllo mentale (e dunque il benessere) è approfondire noi stessi. Sapere chi siamo, cosa ci identifica e cosa ci aspettiamo ci permette di trovare la motivazione per prendere il controllo della nostra vita.

Donna che tiene il cervello.

2. Disattivare il pilota automatico

Camminare in modalità “pilota automatico ” significa vivere senza prestare troppa attenzione a nulla, in una dimensione lontana dalla realtà.

Si passa da un pensiero all’altro e da un comportamento all’altro, senza avere la minima idea del perché si ha la sensazione di essere trascinati, ma non sappiamo esattamente dove.

Sarebbe impossibile essere consapevoli di tutto e sempre: dovremmo praticamente rinunciare al nostro benessere mentale, crolleremmo. È invece possibile soffermarci, fermarci lungo il cammino per vedere dove siamo e se stiamo andando sulla strada che davvero vogliamo percorrere.

Queste pause si traducono in una maggiore consapevolezza e, a loro volta, in un maggiore controllo mentale.

3. Rallentare, apprezzare il presente, riprendere il controllo

Imparare a disattivare l’impulso di un’emozione non è affatto facile. Soprattutto se siamo cresciuti in un ambiente che non dava grande importanza al controllo degli impulsi.

Forse il nostro stile di vita attuale è governato dalla fretta, dalla domanda, dall’ansia e dal “deve essere tutto pronto per domani”.

Donna con gli occhi chiusi che mantiene il controllo mentale.

Imparare a essere più presenti, a rallentare e a gestire le emozioni è un grande passo avanti. La mindfulness è un’ottima tecnica per allenare la concentrazione mentale ad apprezzare il qui e ora e per aumentare il controllo mentale.

Lo studio condotto presso il Massachusetts General Hospital dalla dottoressa Elizabeth A. Hoge mostra che questa disciplina è molto utile al fine di ridurre l’impatto dell’ansia e mediare il benessere psicologico.

4. Masticare e digerire la frustrazione

Chi non ha provato la frustrazione (la sensazione che la realtà non soddisfi le nostre aspettative, che si manifesta quando nonostante tutti i nostri sforzi non otteniamo il risultato sperato)? Un amore che non c’era, una vocazione che non vedeva la luce, soldi che non bastano mai, etc.

Le ragioni possono essere molteplici. Siamo tutti immersi in una realtà che ci costringe a rinunciare costantemente. È normale. Il punto è che alcuni lo accettano e altri no.

Non è facile imparare ad accettare, masticare e digerire la frustrazione. Se non lo facciamo, tuttavia, la rabbia può facilmente impadronirsi dei nostri cuori, delle nostre menti e delle nostre vite. È anche facile per noi diventare burberi. Non ne vale la pena. Impariamo quindi a gestire questi disturbi per migliorare la nostra salute emotiva.

5. Uscire dalla comfort zone per aumentare il controllo mentale

Uscire dalla comfort zone offre immensi benefici. Tra i più importanti, aiuta a essere più flessibili e adattabili. Questo, a sua volta, stimola lo sviluppo dell’intelligenza, sia logica sia emotiva.

Così finalmente, quasi senza rendercene conto, come se fosse un effetto secondario del nostro atteggiamento, diventiamo più tolleranti e padroni delle nostre stesse emozioni.

Piedi di una persona tra le piume.

Non siamo macchine e nemmeno dobbiamo “funzionare” correttamente tutto il tempo. Il controllo mentale deve sempre essere inteso come relativo, specialmente quando ci mette molta pressione.

6. Rafforzare l’intelligenza emotiva

In termini generali, l’intelligenza emotiva si riferisce alla capacità di riconoscere le proprie emozioni e quelle degli altri; distinguere i diversi stati emotivi e nominarli in modo appropriato; oltre a regolare le emozioni per adattarsi al contesto o raggiungere obiettivi.

Oltre alla conoscenza di sé, l’intelligenza emotiva comprende anche lo sviluppo dell’empatia e delle abilità sociali nelle quali ognuno svolge un ruolo importante nel raggiungimento del controllo mentale.

7. Stabilire obiettivi realistici per aumentare il controllo mentale

Stabilire obiettivi a breve e medio termine può aiutarci a rafforzare il controllo mentale, poiché ci aiuta a rimanere concentrati sull’obiettivo e favorisce la salute mentale.

A questo punto è opportuno sottolineare che tali obiettivi devono essere chiari, realistici e motivanti. Altrimenti, saremo più inclini alla frustrazione.

Conclusioni

Il controllo delle nostre emozioni aumenta quando l’ansia diminuisce. Ciò è possibile grazie ad alcune strategie che ci consentono di esprimere l’energia che accompagna le emozioni nel modo più favorevole ai nostri interessi e a quelli di chi ci sta intorno.

Vi invitiamo dunque ad applicare su base quotidiana questi strumenti psicologici volti a migliorare la qualità e il controllo dei vostri pensieri. Ne varrà la pena.

Potrebbe interessarti ...
Autocontrollo emotivo per gestire l’ansia
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Autocontrollo emotivo per gestire l’ansia

In un mondo fatto di ansia e sentimenti a volte sconcertanti, è fondamentale reagire mettendo a punto l'autocontrollo emotivo.



  • Monsell, S. (1996). Control of mental processes. In V. Bruce (Ed.), Unsolved mysteries of the mind: Tutorial essays in cognition (pp. 93–148). Hove, UK: Erlbaum.
  • Coltheart M (2006) What has functional neuroimaging told us about the mind (so far)? Cortex;42:323–331

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.