Autoconsapevolezza emotiva: in cosa consiste?

Chi gode di buona autoconsapevolezza emotiva sa connettersi con se stesso per scoprire cosa accade dentro di sé. Questa competenza propria dell'intelligenza emotiva è fondamentale per il benessere psicologico.
Autoconsapevolezza emotiva: in cosa consiste?

Ultimo aggiornamento: 07 settembre, 2021

L’autoconsapevolezza emotiva è la capacità di connettersi con se stessi e di comprendere i propri stati emotivi. Facile da definire, ma in realtà un compito molto complicato da mettere in pratica, a cui non dedichiamo molto tempo, perché non lo consideriamo importante. O ancora peggio, talvolta lo facciamo in modo errato.

Invece di analizzare l’emozione che proviamo, è più catartico nasconderla. Un esempio è mettersi a mangiare per alleviare l’ansia o il disagio o giocare ai videogiochi per non pensare a cosa ci fa male, a cosa ci preoccupa.

In questo modo non facciamo che allontanarci gradualmente dal nostro universo emotivo. Troppo spesso le persone preferiscono trascurare le proprie emozioni pur di non affrontare ciò che vogliono dirci.

Pertanto, è importante considerare un piccolo dettaglio. Un’alta consapevolezza di sé è un indicatore del benessere psicologico. Significa capire cosa accade dentro di sé ed è una straordinaria competenza dell’intelligenza emotiva.

Allo stesso modo, chi si addentra in questa dimensione è capace anche di comprendere le emozioni degli altri.

L’autoconsapevolezza emotiva richiede un lavoro costante. È una scelta consapevole che porta alla luce ciò che è nascosto dentro di te.

Psicologia transpersonale e riflessione.


A cosa serve l’autoconsapevolezza emotiva?

Ciò che sentiamo influisce sul nostro modo di pensare e ci induce a comportarci in un determinato modo. Avendo chiara questa semplice regola, possiamo dedurre cosa significa non connettere, comprendere o dominare ogni emozione che ci controlla in ogni circostanza.

Senza autoconsapevolezza emotiva, spesso agiamo per mero impulso, che ci porta a sua volta ad assumere dei comportamenti chiaramente disadattivi.

Nel campo delle scienze sociali, l’autoconsapevolezza è una variabile psicologica di grande importanza per la salute mentale e per le nostre prestazioni quotidiane. Ricerche come quelle svolte dalle Università della California del Sud e di Amburgo in Germania, sostengono che l’autoconsapevolezza è la capacità di riconoscere la propria esistenza.

Senza di essa non potremmo riflettere su noi stessi, sulle nostre decisioni, sulle relazioni e sul modo in cui comprendiamo il mondo. Per questo è decisivo anche che questa dimensione integri l’aspetto emozionale.

Come sottolinea Daniel Goleman, sembra che quest’area sia la meno visibile all’interno della teoria dell’intelligenza emotiva, tuttavia è decisiva. Cerchiamo di capire perché.

La necessità di smettere di funzionare in modalità “pilota automatico”

L’autoconsapevolezza emotiva è decisiva per avere un maggiore controllo di se stessi, su ciò che pensiamo, decidiamo e facciamo. Nel caso in cui non si eserciti un adeguato controllo su quest’area, si agirà in modalità “pilota automatico”.

In altre parole, ci lasceremo trasportare dagli eventi quotidiani senza sapere come agire di fronte ad essi. Ci limiteremo anche a essere schiavi delle nostre emozioni, della frustrazione, della rabbia o della tristezza, senza sapere come regolarle.

Autoconsapevolezza emotiva: dominare le emozioni per ottenere quello che si desidera

Senza l’autoconsapevolezza emotiva ci lasciamo trasportare dallo stress, dall’ansia, dall’angoscia, dalla preoccupazione costante. Quando la mente vaga in modo irregolare e rimane ancorata a quegli stati emotivi, è difficile ottenere qualcosa.

Senza autocontrollo emotivo, non c’è autocontrollo comportamentale, siamo privi di motivazione e non riusciamo a dirigere il nostro orientamento verso il successo.

Nel momento in cui entriamo in contatto con ciò che accade dentro di noi, ci prendiamo cura di noi stessi in modo adeguato per regolare ciò che sentiamo.

Quindi, la persona che ha una buona padronanza della sua autoconsapevolezza emotiva può guidare le proprie emozioni e pensieri verso gli obiettivi che si prefigge.

Autoconsapevolezza emotiva interna ed esterna per relazionarsi meglio e aumentare l’autostima

Una ricerca condotta presso l’Università IE di Madrid ha deciso di valutare i benefici dello sviluppo di competenze basate sull’autoconsapevolezza emotiva negli studenti. I risultati hanno mostrato che in questo modo è possibile concentrarsi sul raggiungimento degli obiettivi, come abbiamo già sottolineato.

Questa dimensione favorisce una migliore comprensione dei propri stati emotivi interiori, che ci aiuta a migliorare le relazioni con gli altri. L’autoconsapevolezza esterna è quella che ci permette di connetterci con le realtà degli altri e agire in armonia.

Allo stesso modo, siamo riusciti a lavorare in modo creativo e produttivo, sia individualmente che in gruppo, sentendoci orgogliosi di noi stessi e aumentando l’autostima (Silvia e O’Brien, 2004).

L’autoconsapevolezza emotiva è uno dei 5 pilastri dell’intelligenza emotiva, insieme all’autoregolazione, all’empatia e alle abilità sociali.

Come migliorare questa competenza?

L’autoconsapevolezza emotiva non si ottiene facendo yoga o  meditazione. Abbiamo bisogno di approcci più forti con cui impegnarci quotidianamente.

È un esercizio di dialogo costante con noi stessi, che ci spinge a monitorarci, a conoscerci e a controllarci. Le seguenti strategie possono essere utili:

  • Connettersi con ogni emozione provata, dandole spazio, riconoscendola e chiedendosi perché è lì.
  • Diventare consapevoli del modo in cui le emozioni influenzano la nostra vita, le nostre reazioni e decisioni. Immaginiamo che sia un buon momento per fare un cambiamento, per tenere sotto controllo e trasformare quegli stati emotivi in ​​modo che ci favoriscano nella nostra vita quotidiana.
  • Chiarire quali sono i nostri valori, obiettivi e significati. Siamo in armonia con essi? Stiamo agendo secondo determinati principi o vale la pena impegnarsi per migliorare qualche aspetto?
  • Imparare a connettersi con le realtà emotive degli altri per agire in sintonia, con rispetto, con assertività.

Conclusioni

È tempo di sviluppare al massimo questa competenza psicologica. Essere emotivamente consapevoli migliora il nostro benessere sociale e mentale e ci rende più competenti, facendoci sentire realizzati.

Potrebbe interessarti ...
Esprimere le emozioni negative con intelligenza è sinonimo di salute
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Esprimere le emozioni negative con intelligenza è sinonimo di salute

Esprimere le emozioni negative non vuol dire perdere la ragione. Arrabbiarsi e rispondere a chi ci vuole sottomessi è una reazione sana e necessari...



  • Brockner, J., Hjelle, L., &Plant, R. W. (1985). Self-focused attention, self-esteem, and the experience of state
    depression. Journal of Personality, 53, 425-434.
  • Carver, C. S. (1975). Physical aggression as a function of objective self-awareness and attitudes toward
    punishment. Journal of Experimental Social Psychology, 11, 510-519.
  • Duval, T. S., &Silvia, P. J. (2001). Self-awareness and causal attribution. Boston: Kluwer Academic.
  • Mousa, Rayah & Al-Bajali, Rayah Mousa. (2019). The impact of Emotional Self Awareness (ESA) and Personal Growth Initiative (PGI) on Goal Attainment in Final Year Bachelor Students. 10.13140/RG.2.2.22832.92161.
  • Silvia, Paul. (2002). Self-awareness and Emotional Intensity. Cognition & Emotion – COGNITION EMOTION. 16. 195-216. 10.1080/02699930143000310.
  • Sutton A. (2016). Measuring the Effects of Self-Awareness: Construction of the Self-Awareness Outcomes Questionnaire. Europe’s journal of psychology12(4), 645–658. https://doi.org/10.5964/ejop.v12i4.1178