Autostima e depressione: come sono correlate?

· 6 dicembre 2018
Autostima e depressione sono senz'altro interconnesse e diversi studi scientifici ci spiegano come.

Autostima e depressione sono inevitabilmente connesse l’una all’altra. Anche se alla base di una forma di depressione possono esserci molteplici fattori, studi clinici rivelano che una bassa autostima, nel tempo, ci rende molto vulnerabili a questa condizione.

Non accettare noi stessi e non nutrire sentimenti positivi verso noi stessi, ovvero provare mancanza di autostima e depressione, ci lascia senza risorse psicologiche e privi di energie.

Quando parliamo di autostima, ci riferiamo a quell’insieme di sentimenti che proviamo nei confronti di noi stessi. Di conseguenza, mentre la percezione del sé coinvolge questo insieme di idee e credenze che definiscono l’immagine mentale di ciò che siamo, l’autostima definisce prima di tutto una componente emotiva alla base del benessere umano.

Una bassa autostima ci fa stare male con noi stessi, provocando alienazione, abbattimento e una forte vulnerabilità quando si tratta di sviluppare diversi disturbi psicologici.

Sapendo ciò, non può sorprenderci che psicologi e psichiatri facciano particolare attenzione a questa dimensione psicologica quando si interfacciano con i disturbi dello specchio depressivo. 

Ciononostante, nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, la bassa autostima non è annoverata tra i criteri diagnostici della depressione, bensì dimensioni come “il sentimento di inutilità”.

I ricercatori nel campo della psicologia della personalità, da parte loro, hanno sempre dimostrato un forte interesse per il rapporto tra autostima e depressione. In questi casi, la domanda da porsi dovrebbe essere la seguente: “l’autostima è un fattore scatenante della depressione? O è piuttosto la depressione a minare l’autostima?”. Scopriamolo insieme.

Donna che svanisce

Autostima e depressione: due modelli per spiegarne la correlazione

Molte volte ci alziamo dal letto, facciamo una doccia, facciamo colazione e usciamo senza renderci conto di essere nudi. Non ha importanza che cappotto indossiamo, la marca dei nostri jeans o della maglietta, se ogni giorno affrontiamo il mondo con una bassa autostima. Perché dalla fragile armatura e dalle fessure sottili, entrano abuso, paura, insicurezza, negatività…

Tuttavia, è chiaro che la depressione presenta diverse sfaccettature, senza dimenticare i fattori endogeni che non sempre possiamo controllare. Tuttavia, nessuno può obiettare che una mente sopraffatta dalla bassa autostima dia come risultato una bassa efficacia quando si tratta di affrontare o gestire i problemi più semplici. La persona con bassa autostima, infatti, è solita osservare il mondo con occhiali dalle lenti molto scure.

Per dimostrare il legame tra autostima e depressione, dobbiamo avvalerci di studi scientifici e, in particolare, della ricerca longitudinale. In questo modo, e solo di recente, l’Università di Basilea ha pubblicato uno studio molto esemplificativo sull’argomento, che può darci alcune risposte. Vediamo quali.

Sagoma con nuvola di pioggia

Il modello della vulnerabilità

Secondo il modello della vulnerabilità, ci sono persone con un profilo e una personalità caratterizzati da bassa autostima. Il soggetto in questione elaborerà gli eventi guardandoli attraverso un filtro negativo. Questo schema presuppone anche la manca di resilienza.

Le persone che rispondono a tale profilo sono esse stesse promotrici di una realtà dalla quale difendersi, dalla quale diffidare e verso cui porsi sempre in veste di vittima o di attore secondario invece di percepirsi come protagoniste indiscusse delle propria storie di vita, meritevoli di opportunità e sostenitori di cambiamenti positivi con cui superare gli eventi negativi.

Gli autori di questo studio hanno potuto notare che in molti casi le persone con scarsa autostima cercano di non contrastare, bensì di verificare il concetto negativo di sé, prestando maggiore attenzione e dando ascolto ai commenti negativi su di sé.

Autostima e depressione sono correlate nel modello della vulnerabilità, utile a delineare un profilo privo di resilienza e dalla scarsa solvenza emotiva.

Il modello della cicatrice

Adesso analizzeremo la visione opposta. Secondo lo studio poc’anzi citato, è stato individuato anche che la depressione è l’elemento che spesso dà origine alla bassa autostima. Questo susseguirsi di sentimenti disperati, negativi e stressati che tormentano la mente depressa sono direttamente responsabili del calo di autostima. 

Uomo senza autostima e con depressione

Conclusioni

Tiriamo le somme. Meglio il modello della vulnerabilità o quello della cicatrice che attribuisce alla depressione la causa della bassa autostima? La American Psycological Association (APA) ha le idee chiare: una autostima bassa è un fattore di rischio in più quando si tratta di sviluppare diversi disturbi psicologici, tra cui la depressione.

In una delle sua pubblicazioni questa istituzione avverte del fatto che autostima e depressione sono fortemente correlate negli studi trasversali e che è fondamentale sviluppare strategie adeguate di prevenzione nella popolazione adolescente. Il numero di diagnosi non smette di aumentare in questo settore. E quel che è peggio, non diminuisce nemmeno il numero di suicidi.

Dovremmo sempre tenere a mente il modello della vulnerabilità che, in qualche modo, ci ricorda il modello della triade cognitiva sulle persone più a rischio di depressione. Da notare che si tratta di profili che hanno una visione negativa del mondo, con scarsa o nulla fiducia nel futuro e che percepiscono se stesse come prive di valore alcuno.

Queste attribuzioni, questi approcci così limitati e carichi di aspetti oscuri non ci portano da nessuna parte, né tanto meno a vivere una vita ricca di significato, piena e speranzosa. Autostima e depressione sono senz’altro interconnesse.

Per concludere, è bene investire del tempo e degli sforzi nel nostro universo personale, prendendoci cura del giardino della nostra autostima, luminosa e bella in ogni suo angolo e aspetto.