L’autostima non è egocentrismo né arroganza né superiorità

· 7 aprile 2016

L’autostima non è egocentrismo né arroganza né superiorità né orgoglio. L’autostima è amarsi, è vedere nel nostro specchio fisico e psicologico un’immagine sana e bella, protetta e consapevole.

Ci sono persone che mostrano la propria immagine con prepotenza, che mettono in risalto i propri punti di forza e lottano per nascondere tutte le proprie debolezze; persone che si mostrano perfette e che sostengono di non sbagliare mai.

Queste persone hanno una carenza di pensiero autocritico e non si amano completamente, dato che nascondono la loro vera immagine dietro ad una maschera che prova ad essere perfetta, cosa impossibile.

autostima 2

La differenza tra egocentrismo ed autostima

L’ego è la base della nostra identità e, di conseguenza, è anche la base dell’autostima e dell’egocentrismo. Questi due concetti possono essere diversificati in modo molto semplice: l’autostima è un essere sano e tollerante; l’egocentrismo è un essere vuoto, irragionevole, eccessivo e intollerante.

C’è una storia che chiarisce bene il modo in cui viene espressa l’autostima e il modo in cui, invece, non si manifesta:

Stavo camminando con mio padre, quando lui si fermò ad una curva e, dopo un attimo di silenzio, mi disse:

– “Puoi udire qualcos’altro oltre al canto degli uccelli?”

Aprii bene le orecchie e, dopo qualche secondo, gli risposi:

– “Odo il rumore di un carro”.

– “Esatto” – disse mio padre – “È un carro vuoto”.

– “Come fai a sapere che è un carro vuoto, se non lo vedi?” – chiesi a mio padre.

– “È molto semplice sapere quando un carro è vuoto, grazie al suo rumore. Quanto più vuoto è, più rumore fa” – rispose.

autostima 3

Divenni adulto e ancor’oggi, quando vedo una persona che parla troppo, che interrompe le conversazioni altrui, che si rende inopportuna, aggressiva, presuntuosa, prepotente e che sminuisce gli altri, ho l’impressione di udire la voce di mio padre che dice:

Quanto più vuoto è il carro, più rumore fa.

L’umiltà sta nel mettere a tacere le nostre virtù e nel permettere agli altri di scoprirle. Ci sono persone così povere che non hanno altro che soldi. E nessuno è più vuoto di colui che è pieno di sé.

Come potete capire da questo testo, in generale, l’arroganza, la prepotenza e l’egocentrismo fanno tanto rumore. Sono molto diversi dalla percezione sana di se stessi, ovvero l’autostima.

Non siete meglio di nessuno, ma non siete neanche da meno

Il confine tra l’ego e l’autostima è molto sottile. Non siamo meglio o peggio degli altri, siamo semplicemente diversi. Comprendere la diversità è, senza dubbio, la base dell’autostima sana, che facilita un atteggiamento positivo verso se stessi e verso gli altri.

Una sana immagine di se stessi ha il vantaggio di non farci inorgoglire al punto tale da crederci onnipotenti quando otteniamo qualcosa; dunque, non cadiamo nelle grinfie dell’egocentrismo o dell’amore eccessivo e negativo verso il nostro ego.

autostima 4

Una persona che ama se stessa in modo sano non esalta all’estremo la sua personalità, non vuole che i suoi sentimenti, pensieri ed opinioni siano al centro dell’attenzione, né della propria né di quella degli altri. Mentre una persona che si stima spinge verso l’uguaglianza di pensieri, sentimenti e comportamenti, l’egocentrico si crede superiore e più importante senza motivo.

In qualche modo, quando ci comportiamo in modo arrogante o egocentrico, vogliamo attribuire più valore ai nostri pensieri e convincimenti, sminuendo quello che pensano e sentono gli altri.

Per concludere, non bisogna confondere l’egocentrismo con la sicurezza in se stessi: con il primo, una persona tende a credersi migliore in tutto e a peccare di superbia; la seconda ci aiuta ad agire con consapevolezza delle nostre capacità e dei nostri limiti.

autostima 5

Se amiamo noi stessi, inoltre, ci risulterà molto più facile amare gli altri. Tuttavia, può capitare di lasciarsi trasportare dall’eccesso di ego e di commettere l’errore di essere arroganti quando vogliamo far valere le nostre opinioni o i nostri sentimenti.

L’ideale è analizzarci e prevenire, dato che il confine che separa i due terreni è molto sottile è commettere l’errore di voler anteporre i nostri desideri a quelli degli altri è molto facile.