Dare il buon esempio ai figli: il miglior regalo che possiamo far loro

15, aprile 2017 in Psicologia 5632 Condivisi

I figli, quando sono piccoli, sono esseri innocenti che rare volte mettono in discussione quello che i loro genitori dicono o fanno. Per loro, quello che viene portato a termine dalla loro figura di riferimento è l’esempio da seguire, pertanto è ovvio che tenderanno ad imitarlo.

Molte volte i genitori recriminano la condotta dei più piccoli in modo molto negativo, non permettono loro di sbagliare e i loro giudizi finiscono per essere un duro colpo per l’autostima dei bambini.
Condividere

Il fatto è che non siamo sempre coerenti con quello che predichiamo ed i figli non tardano a notarlo. Non ha senso dire loro di essere ordinati, di non mentire e di non alzare la voce se noi siamo i primi a non farlo. Non servono a nulla mille parole ed insegnamenti verbali, se il nostro esempio non va di pari passo con essi.

I genitori devono capire che sono lo specchio nel quale si riflettono i figli, la loro guida, il loro punto di riferimento. Se non stiamo bene emotivamente, le nostre emozioni saranno anche le loro ed il nostro comportamento si proietterà in loro. In quanto adulti, quindi, anche se è evidente che abbiamo il diritto di sbagliare, è consigliabile fare uno sforzo per accrescere l’autocontrollo e la disciplina con noi stessi, soprattutto in presenza dei nostri piccoli.

Tramite azioni esemplificative, impareranno ed apprenderanno in modo corretto tutto quello che vogliamo trasmettere loro.
Condividere

Qualche buon esempio per i nostri figli

Insegnate loro a dire la verità

Crediamo che rimproverando i nostri figli quando mentono sia sufficiente, ma non è così. I bambini imitano i loro genitori e, siamo onesti, quante volte ci avranno beccati a dire qualche bugia, anche se a fin di bene? Di certo in molte occasioni mentiamo persino a loro e se ne accorgono, pertanto il messaggio trasmesso è che mentire è normale e da brave persone, poiché lo fanno addirittura i genitori 

Non ha senso pretendere che nostro figlio non menta se noi siamo i primi a non esercitare la sincerità.
Condividere

Insegnate loro ad ascoltare

Un’infinità di volte avete fatto l’impossibile affinché vostro figlio si calmi e vi ascolti, ma quante volte l’avete ascoltato voi? Quante volte ha provato a parlarvi di una cosa che gli è successa a scuola oppure a cantarvi la sua canzone preferita e l’avete ignorato?

È impossibile volere che i nostri figli ci ascoltano se a volte, quando siamo occupati, non li ascoltiamo. Se non potete fermarvi, l’ideale è dire loro -in modo sincero- che in quel momento non vi è possibile, ma che di lì poco sarete felicissimi di ascoltarli.

Insegnate loro a parlare a bassa voce

Quante volte avremo detto a nostro figlio di non gridare urlandogli contro! Se vogliamo che parli a bassa voce e in modo gentile, dobbiamo insegnargli come si fa dandogli l’esempio. È vero che a volte la pazienza raggiunge il limite, ma come adulti e genitori, dobbiamo fare uno sforzo per essere razionali e non lasciarci dominare dalle emozioni.

Se lo facciamo con frequenza, i nostri figli impareranno a comportarsi allo stesso modo.

Insegnate loro a rispettare le regole

Andate a più di 120 km/h in autostrada? Ogni tanto posteggiate in doppia fila? Rubate le penne dal vostro ufficio? Se è così, non state insegnando ai vostri figli a rispettare le regole, poiché siete i primi ad infrangerle. In questo modo, sarà molto più difficile che i piccoli seguano le regole di casa, dato che non capiranno perché voi potete trasgredire e loro no.

Trasmettete loro hobby produttivi

Se volete che i vostri figli leggano, dovete leggere anche voi. Se non volete che passino tutto il loro tempo libero davanti alla televisione o con lo smartphone, dovreste allontanare questi dispositivi per qualche ora ogni giorno.

I vostri hobby saranno (molto probabilmente) i loro hobby. Se quelli che avete al momento attuale non sono proprio positivi, quindi, forse è giunto il momento di cambiarli e che vostro figlio vi osservi svolgere altre attività. Sarà utile per entrambi.

Insegnate loro la tolleranza alla frustrazione

Questo punto è molto importante. Se siete genitori che affogano in un bicchier d’acqua, i vostri figli faranno inevitabilmente lo stesso.

È di vitale importanza aiutarli a tollerare i via vai della vita, l’errore proprio ed altrui e, in definitiva, le avversità e i dissapori. Non bisogna ripeterglielo né essere rigidi, bensì osservare la vostra integrità e la vostra capacità di trovare soluzioni, vedervi accettare quello che non potete cambiare e mantenervi emotivamente stabili.

Sono solo alcuni esempi che potete insegnare ai vostri figli, ma ce n’è un’infinità. Il segreto è non dimenticare mai che siamo il loro modello principale, almeno fino all’adolescenza. Quasi tutto quello che facciamo, dunque, verrà ripetuto da loro.

Pensate a quello che non amate di voi ed iniziate a cambiarlo, tanto per il vostro benessere quanto per quello dei vostri figli.

Guarda anche