Capire quando diffidare di qualcuno

L'intuito può aiutarci a capire di chi possiamo fidarci o meno. Pur così, è possibile intuire la natura di una persona sulla base di alcuni aspetti.
Capire quando diffidare di qualcuno

Ultimo aggiornamento: 23 aprile, 2022

Gli anni potrebbero averci dato un sesto senso che funziona quasi come un metal detector. Ci avvisa immediatamente per farci capire quando diffidare di qualcuno.

È vero che l’esperienza ci rende saggi e che ci offre preziose lezioni per capire chi merita di essere nostro amico e chi, invece, conviene evitare.  

Tuttavia, a volte questo filtro viene meno e lasciamo varcare le porte del nostro cuore alla persona meno adatta, la quale lascia tutto in disordine e ci deruba della cosa più preziosa che l’essere umano può donare: la fiducia. A volte riceviamo più di una delusione, tuttavia, in un mondo già caotico è importante continuare a coltivare legami sociali significativi e appaganti.

Non arrendiamoci, perché le brave persone esistono e sono i nostri pilastri ogni giorno. Risulta estremamente utile, dunque, conoscere le dinamiche psicologiche che possono rivelarci quando una persona non è sincera.

Una serie di tratti, comportamenti e dimensioni indicano quali figure non includere nella nostra vita. Li vediamo nelle righe che seguono.

In questa vita non bisogna essere cronicamente diffidente. Costruire legami appaganti si traduce in felicità. Tuttavia, è consigliabile essere cauti nel donare il proprio affetto.

Donna che parla e si chiede come sapere quando diffidare di qualcuno.

Aspetti da considerare per capire quando diffidare di qualcuno

Nessuno porta al collo un cartello che avverte che non ci si deve fidare di loro. Oltre a ciò, la persona in questione non è consapevole che la sua amicizia, la sua relazione e il suo affetto sono condizionati.

Si tratta di uomini e donne caratterizzati dall’egoismo, i quali intendono i legami sociali come dimensioni da cui trarre un beneficio; inoltre, di solito hanno una visione di sé alquanto positiva.

Ciò li rende pienamente convincenti, motivo per cui entrano facilmente nelle nostre vite. Sono amichevoli, accattivanti, è quasi sempre facile trattare con loro e nessuno potrebbe intuire che dietro si nascondono interessi né che possono minimamente tradirci.

Per capire quando diffidare di qualcuno, è importante non dare tutto per scontato, bensì conviene tenere conto del fatto che a volte le apparenze ingannano.

È facile capire quando diffidare da qualcuno se…

Parla troppo di sé

Conosciamo tutti persone con una particolare inclinazione a parlare di un unico argomento: se stessi. Ognuno ha il diritto di condividere con gli altri aneddoti, pensieri, sogni, esperienze passate e presenti. È tuttavia impossibile costruire un legame significativo se non si lascia spazio agli altri.

Attenzione a chi non ci chiede come è andata la nostra giornata; allontaniamoci da chi non ricorda quello che diciamo loro, a chi non dà importanza alle nostre preoccupazioni, esperienze, emozioni.

Valutate di mettere fine al rapporto quando diventate visibili agli occhi dell’altra persona solo quando deve chiedervi qualcosa.

Dice l’opposto di quello che fa

Per capire quando diffidare di qualcuno, osservate cosa dice, quali valori difende quando parlate, cosa esprime e dice di sé. In questa società abbondano le personalità false, ovvero quelle che fanno il contrario di quanto affermano.

Sono individui che vendono la loro incredibile gentilezza, che si vantano di tutto quello che hanno fatto per i loro amici e la loro famiglia; eppure, quando avete bisogno di loro, non ci sono mai.

Ama, ammira… Ma sa solo chiedere

Ogni amicizia, come ogni rapporto, si costruisce anche attraverso quella reciprocità in cui si dà e si riceve in parti uguali. C’è equilibrio, non manca nulla e ogni atto è nutriente perché non c’è spazio per egoismi e ricatti.

Alcune persone sanno solo chiedere, ogni giorno e nei modi più sofisticati. Usano espressioni come “Sai quanto ti voglio bene ed è per questo che lo chiedo a te, sei la persona di cui mi fido di più”. Quando queste dinamiche di ricatto diventano una costante, è bene ripensare urgentemente al rapporto.

“Fidarsi di tutti è sciocco; ma non fidarsi di nessuno è goffaggine nevrotica.”

Critica di continuo gli altri

Per capire quando diffidare di qualcuno, tenete a mente il fattore critica. Ci sono persone che sono abili nella critica distruttiva e a renderci loro complici. Ci raccontano quello che fanno gli altri, sminuiscono i colleghi, si lamentano di amici, vicini e parenti.

Lo studio condotto presso l’Università del Michigan-Dearborn indica che le personalità che usano la critica distruttiva verso gli altri mostrano relazioni interpersonali molto deboli. Non sono affidabili e molto probabilmente criticano anche noi alle nostre spalle.

Coppia che parla.

Come capire quando diffidare di qualcuno: valutare come ci fa sentire

È sempre importante valutare come ci fa sentire la persona che abbiamo appena incontrato. C’è chi ci fa sentire a casa sin dal primo momento.

Tuttavia, ci sono altre figure con cui è un continuo alti e bassi. Oggi sembrano vicini e gentili, domani mostrano distanza. Oggi hanno bisogno di noi, domani non risponderanno nemmeno ai nostri messaggi.

La costanza nel carattere e la connessione emotiva che conferisce calma e sicurezza è un’altra variabile che dovrebbe essere presa in considerazione. Come si dice spesso, la fiducia va guadagnata e ciò richiede tempo e lavoro.

Siate prudenti, ma non perdete mai la speranza: le persone sincere esistono e rendono la vita più bella quando le troviamo.

This might interest you...
Non riuscire più a fidarsi degli altri
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Non riuscire più a fidarsi degli altri

Per alcune persone non riuscire più a fidarsi degli altri, dunque non poter iniziare nuove relazioni, è un dato di fatto.



  • Gefen, D., Fresneda, J. E., & Larsen, K. R. (2020). Trust and Distrust as Artifacts of Language: A Latent Semantic Approach to Studying Their Linguistic Correlates. Frontiers in Psychology11. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2020.00561
  • Lewicki, R., McAllister, D., & Bies, R. (1998). Trust and Distrust: New Relationships and Realities. The Academy of Management Review, 23(3), 438-458. doi:10.2307/259288
  • Raver, Jana & Jensen, Jaclyn & Lee, Junghyun & O’Reilly, Jane. (2012). Destructive Criticism Revisited: Appraisals, Task Outcomes, and the Moderating Role of Competitiveness. Applied Psychology. 61. 177-203. 10.1111/j.1464-0597.2011.00462.x.