Le 10 caratteristiche di una persona immatura

· 28 ottobre 2016

Una persona immatura è una persona a metà. Una persona che, essendo costituita dalla somma totale dei comportamenti che adotta, appare poco definita ed assume una connotazione negativa.

Con queste premesse, appare logico che da una persona immatura deriva una psicologia incipiente ed incompleta che può (e deve, per il suo bene) cambiare e migliorare, facendosi più solida.

Sebbene con il termine “persona immatura” si faccia riferimento ad una realtà ampia e che rischia di entrare in conflitto con la libertà degli altri, grazie alla psicoterapia, è possibile determinare i punti chiave per arrivare alla destrutturazione e al miglioramento dell’essenza di una persona.

Enrique Rojas, professore di psichiatria dell’Università di Extremadura (Spagna), ha riassunto in 10 punti gli ingredienti principali tipici delle persone immature, una realtà che i professionisti nell’ambito della salute mentale spesso si trovano ad affrontare.

Analizzare brevemente ognuna delle 10 caratteristiche, facendo riferimento a come si ripercuotono sulla vita delle persone, sia sui “portatori” di questa iconica realtà sia sulle “vittime” costrette a convivere con essi.

gif-donna

1.Disparità tra l’età cronologica e l’età mentale

Nelle prime fasi di contatto si tratta di uno degli aspetti che più attirano l’attenzione. Stiamo parlando di persone che hanno paura di “crescere”, persone inconsapevoli delle loro responsabilità e della realtà in cui vivono. Chi sta intorno a queste persone è costretto a subire questa caratteristica, nel tentativo di far assumere ad ognuno il proprio ruolo a seconda della fase evolutiva in cui si trova.  

2.Poca conoscenza di se stessi

Arrivare alla conoscenza di se stessi è il compito più difficile per ognuno di noi. Conoscere le proprie attitudini, i propri atteggiamenti e limiti è fondamentale per non andare alla deriva. Questo è un altro dei sintomi che può presentarsi in una persona immatura; una simile mancanza porta, di conseguenza, ad offuscare altri traguardi della vita, fondamentali per essere forti e psicologicamente formati.

3.Instabilità emotiva

Gli sbalzi d’umore costanti possono essere indicativi di una persona a metà. Passare dall’euforia alla malinconia, dalla felicità al cattivo umore in pochi attimi oppure essere incostanti, variabili ed irregolari è sintomo che qualcosa non va bene a livello di essenza.

La fragilità mutabile e i sentimenti traballanti ci impediscono di sapere cosa aspettarci dall’altro. E come su una montagna russa, le oscillazioni sono così frequenti che possono risultare dannose per chi è al fianco di una persona immatura. Anche se le loro intenzioni non sono quelle di ferire, è inevitabile restare vittima di un simile sballottamento.

barchetta-di-carta

4.Responsabilità poca o nulla

Come per qualsiasi altro aspetto psicologico, l’immaturità si presenta per gradi. Essere consapevoli della propria realtà implica riconoscere il proprio presente e farsi responsabili delle proprie qualità, possibilità ed esigenze senza disdegnarsi né credersi migliori di altri.

5.Percezione della realtà scarsa o assente

L’incapacità di essere consapevoli della realtà e dell’ambiente in cui si vive, porta facilmente alla perdita dell’armonia con se stessi e con chi ci circonda. Bisogna imparare a misurare bene le distanze e le vicinanze, individuando in ogni situazione quello che si deve e quello che si vuole fare.

6.Mancanza di un progetto vitale: la vita non si improvvisa

La vita non si improvvisa. Per questo motivo, è necessario avere in testa uno schema che aiuti a definire il nostro futuro. Raggiungere un equilibrio tra amore, lavoro e cultura è l’unica garanzia per vivere nel benessere. Secondo quanto enfatizzato da Rojas, l’amore deve occupare il primo posto nella vita di un uomo, essendo l’elemento che dà vita e forza agli altri. Con questa premessa, l’insieme di quei valori deve donarci una coerenza interna che possa determinare il nostro sviluppo vitale.

gir-amore

7.Mancata maturità affettiva

Il segreto per costruire una personalità matura consiste nel comprendere cos’è e come si struttura la propria vita sentimentale. L’amore dà senso alla vita, ma non c’è amore senza sacrifici. Al tempo stesso, nessuno può essere assoluto per l’altro: la dipendenza emotiva non ha nulla a che vedere con il più puro sentimento di amore .

È dunque opportuno sottolineare che l’amore non può esistere senza uno sforzo ed un impegno continui. Non si tratta soltanto di dolci sentimenti, bensì dei piccoli dettagli che fanno la differenza e danno senso all’esistenza dell’uomo nel mondo.

8.Mancata maturità intellettuale

L’intelligenza, insieme all’affettività, è un altro dei punti di forza della psicologia. Sebbene esistano molti tipi di intelligenza, la mancanza di una visione e pianificazione relativa al presente, l’ipertrofia del momento attuale e l’impulsività distante creano un gioco destinato a portare al rallentamento della nostra capacità di crescita. Se non analizziamo bene i fatti, è difficile arrivare a capire fin dove vogliamo arrivare con la nostra vita.

9.Scarsa educazione alla volontà

La forza di volontà è la ciliegina sulla torta nelle persone mature. La fragilità e la mancanza di temperanza ci impediscono di porci obiettivi concreti, portando ad una drastica riduzione dei nostri margini di miglioramento. Chi non è capace di dire di “no”, mandando all’aria la propria esistenza. È bene imparare a non farsi sopraffare e a non abbandonarsi agli impulsi immediati.

La leggerezza, l’incostanza e la frivolezza rischiano di portarci ad una frustrazione che potrebbe sminuire la nostra capacità di farci valere e combattere contro le difficoltà della vita. Rifugiarsi in un mondo fantastico significa allontanarsi dalla realtà e dalla maturità necessarie per il proprio benessere.

ragazza-campo-fiorito

10.Criteri morali ed etici instabili

La morale è l’arte di vivere con dignità. Abusare della libertà può essere negativo per tutti. La struttura delle persone immature si regge su pilastri sottilissimi, ed è per questo facile che il modello su cui la loro vita si basa venga meno. È dunque opportuno prendere le distanze dalla permissività, da ciò che è relativo e superfluo, concentrandosi sul pensiero critico e sulla pienezza della propria coscienza.

Come direbbe Enrique Rojas, la maturità è uno dei ponti levatoi che portano alla fortezza della felicità, essendo questa il frutto di un impegno serio, duro e paziente. Per questo motivo, non si può raggiungere la maturità senza consapevolezza e senza un impegno totale con se stessi. Un’incognita, questa, che vale la pena trovare in ognuno di noi.