Carpe diem: l’attimo fuggente

· 14 marzo 2016

Chi vi assicura che il domani arriverà? Dato che viviamo immersi in un universo di enormi proporzioni, pieno di caos ed entropia, dare per scontato che il domani sia assoluto è un errore enorme.

Questa situazione dà ancora più importanza all’espressione che dà il titolo a questo articolo, “carpe diem”, una lezione molto importante che ci viene presentata nel film L’attimo fuggente.

Cosa significa “carpe diem”?

Vediamo innanzitutto che cosa significa l’espressione “carpe diem”. Viene dal latino e vuol dire “cogli l’attimo”, vale a dire vivi ogni istante come se fosse l’ultimo, perché potrebbe essere così.

Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire in punto di morte che non ero vissuto.

Henry David Thoreau
Tramonto

Lo stesso Thoreau, quando viene citato nel film, dà una visione importante riguardo a ciò che dovrebbe essere la vita. Tira fuori tutto il succo, il midollo. Non risparmiare nulla perché un giorno potrebbe arrivare l’ultimo momento e, guardandoti indietro, non vorrai vedere cosa avresti potuto fare e che invece ti sei lasciato scappare.

L’attimo fuggente

L’attimo fuggente è un film diretto da Peter Weir che mostra il meraviglioso affetto nei confronti della felicità e della vita. Il leitmotiv è proprio “carpe diem”.

Nel film, Robin Williams interpreta un attento professore innamorato dell’insegnamento che aiuta un gruppo di giovani a trovare un senso alle loro vite e a non essere come tutti gli altri. Il professore incoraggia i suoi allievi a fare in modo che la loro esistenza sia speciale.

Tuttavia, nel corso del film si capisce che non è felice chi è famoso, chi è ricco o ha un alto potere politico. Bisogna semplicemente godersi il momento, essere felici e fedeli a se stessi e vivere ogni secondo della vita come se fosse l’ultimo.

Alunni-professore

Carpe diem: non lasciarsi scappare nulla

Curiosamente, arrivati a questo punto, potremmo citare anche un altro film che ha per protagonista uno degli attori de L’attimo fuggente, Ethan Hawke. Si tratta dell’eccezionale opera di Andrew Niccol Gattaca – La porta dell’universo.

In questo film il protagonista è un giovane che sogna di andare nello spazio, ma sa che non potrà mai farlo perché il suo corpo è nato dall’amore, quindi è geneticamente imperfetto. Questa è una tara significativa nel futuro prossimo a cui sembriamo avvicinarci, in cui la sopravvivenza del più valido si sta imponendo attraverso la scienza e non attraverso la natura.

Il giovane protagonista di Gattaca ha un fratello geneticamente perfetto. La sua forza e la sua salute sono superiori. Tuttavia, non riesce a batterlo in una gara di nuoto, anche se è il più adatto.

Come riesce l’individuo inferiore a vincere quello a lui superiore? Con tenacia, forza, volontà… In definitiva perché non si lascia scappare nulla e mette tutto il suo impegno e la sua passione in ogni cosa che fa. In altre parole, vive ogni momento come se fosse l’ultimo.

Il succo della vita

L’espressione latina “carpe diem” dovrebbe essere sempre insegnata nelle scuole. Insegnare ed educare i bambini non significa semplicemente trasmettere conoscenze di matematica, di lingue o di scienza. Bisogna andare oltre. Sarebbe meraviglioso mostrare ai nostri piccoli come tirar fuori il succo della vita.

Se solo riuscissimo a creare tutta una rete di liberi pensatori, persone che cercano qualcosa di più dalla vita che un semplice lavoro, una casa e una macchina, forse le famiglie educherebbero i loro figli a portare un enorme rispetto verso il prossimo, verso l’ambiente naturale che li circonda, verso l’amore per tutto quello che faranno, verso la solidarietà, l’amicizia e l’uguaglianza.

Donna-fiore

Una società che mette in pratica il “carpe diem” è una società sana e bella. Godetevi ogni momento, cari lettori, tirate fuori il succo della vita, di tutto quello che è bello, esprimete i vostri sentimenti senza paura di quello che vi diranno, siate sempre voi stessi, chiedete aiuto a chi amate.

Il passare del tempo

Il tempo passa velocemente, è perseverante e tenace. Non possiamo lottare contro il tempo. Se ne va per non tornare mai. Tuttavia, possiamo trasformarlo in un nostro alleato. In questo senso la frase “carpe diem” è perfetta per trovare nel tempo un vero amico.

Non lasciate che arrivi il vostro momento senza aver fatto qualcosa di bello e soddisfacente della vostra vita. Godetevi ogni momento, ogni istante con grande passione ed energia. Fate vostra la meravigliosa espressione “carpe diem”. Tutto è nelle vostre mani e voi, voi soltanto potete trasformare la vostra vita in un fantastico mondo di felicità.

Cogliete le rose finché potete, 
Il vecchio tempo ancora vola.
E lo stesso fiore che oggi sorride,
domani sarà morto.

Robert Herrick