La Mente è Meravigliosa
 

Cellulare e bambini: 3 buone ragioni per non darglielo

Cellulare e bambini: 3 buone ragioni per non darglielo

Ultimo aggiornamento: 04 dicembre, 2017

Cellulare e bambini: come comportarsi? State pensando di prendere un cellulare a vostro figlio? Non sapete se è una buona idea? Comprendiamo questo dubbio perché le nuove tecnologie fanno ormai parte della nostra vita e i bambini sono sempre più abili nel loro uso. La loro enorme capacità di apprendimento, la loro curiosità e le infinite possibilità offerte dagli apparecchi elettronici li rendono irresistibili ai loro occhi.

L’infanzia è una delle fasi vitali in cui le nuove tecnologie sono sempre più presenti e i bambini non tardano a chiedere, a gran voce, un cellulare. Affinché possiate prendere una decisione corretta e ben informata, nell’articolo di oggi vi elencheremo 3 buone ragioni per tenere ben lontani cellulare e bambini, se non per un tempo limitato e con la supervisione di un adulto.

Cellulare e bambini

1.Ripercussioni sullo sviluppo  neuronale

Vivere in un ambiente che ci riempie di stimoli può sembrare positivo. Di fatto, molti esperti in sviluppo infantile sottolineano la necessità di stimolare i bambini il prima possibile affinché raggiungano il massimo sviluppo intellettivo. Il problema, in questo caso, è che la stimolazione prodotta dai cellulari non è sana.

Bambino con cellulare

Come mai? I dispositivi mobili sottopongono il cervello a una continua iper-stimolazione all’interno di un contesto mutevole e vibrante. Questa iper-stimolazione può risultare piacevole per il bambino, ma non è sana, poiché si discosta dagli stimoli che poi troverà nella vita reale.

Tale iper-stimolazione non è sana perché parte di essa è fortemente artificiale, il che può provocare un senso di frustrazione quando il bambino deve affrontare la vita reale (più noiosa e meno stimolante). Alcuni studi hanno associato l’uso del telefono da parte di bambini al di sotto dei 10 anni (momento in cui la fase di formazione della sostanza bianca cerebrale è al culmine), con la comparsa della sindrome da deficit di attenzione e iperattività

“L’iper-stimolazione non è sana perché non prepara il bambino alla vita reale, e questo provocherà importanti sentimenti di frustrazione quando il bambino dovrà affrontare la vita vera (più noiosa e meno stimolante).

2. Il pericolo di internet e dei social network

L’associazione cellulare e bambini non è mai positiva se significa consentire l’accesso a un mondo vastissimo che i genitori non possono controllare: internet. Per spiegarlo con una metafora, se non lasciate i vostri figli da soli in un centro commerciale senza controllare con chi parlano, giocano o interagiscono, perché lasciarglielo fare con il telefono?

Anche se credete che i vostri figli possano fare un uso controllato dell’apparecchio, quest’idea non è per nulla realistica. Con un po’ di impegno, potrete vigilare costantemente quello che fa con il cellulare per i primi giorni, ma dopo un po’ comincerete a fidarvi e ad abbassare la guardia. Così, con il passare del tempo potreste esporre il piccolo a una serie di stimoli e situazioni che sfuggono al vostro controllo.

D’altra parte, lasciare il cellulare a un bambino lo porterà a preferire le relazioni sociali “on-line” rispetto a quelle faccia a faccia e dal vivo. Tutto questo si tradurrà in maggiori difficoltà nell’impiego delle proprie abilità sociali nella vita reale, un futuro ostacolo per la vita sociale e lavorativa di quando sarà adulto.

3. Impedisce lo sviluppo di abitudini corrette e abilità necessarie

Utilizzare il telefono fin dalla tenera età inibisce lo sviluppo di un’abilità importante: la concentrazione. Ciò accade perché i dispositivi mobili sono pensati per passare da uno stimolo all’altro, mentre l’attenzione funziona in modo opposto (mantenere l’attenzione su uno stimolo per volta, in maniera sostenuta e per un tempo prolungato).

È vero che i bambini possono concentrarsi sugli elementi che appaiono sullo schermo, ma si tratta di una facile concentrazione, guidata dal cambiamento continuo. Per fortuna, il cervello è flessibile e può imparare a concentrarsi anche da adulto. Tuttavia, se esiste la possibilità, è sempre meglio imparare a farlo sin da bambini.

Bambino con lego attorno e smartphone

Allo stesso tempo, lasciare il cellulare a un bambino gli impedisce di cercare personali alternative per combattere la noia. Annoiarsi è molto importante, invece il cellulare intratterrà di continuo il bambino, non gli permetterà di affrontare la noia. Il bambino in questo modo sarà anche più sia più “vivace” e movimentato.

“Il telefono impedisce al bambino di imparare ad annoiarsi, e questa è un’abilità fondamentale nella vita di tutti i giorni”.

Infine, anche se in quest’articolo ci siamo focalizzati sulle ragioni per cui è meglio tenere lontani cellulare e bambini, vi sono anche aspetti positivi o neutrali che andrebbero considerati. A ogni modo, l’importante è avere sempre il controllo della situazione: se date il cellulare a vostro figlio, non lasciatelo allo sbaraglio.

Non utilizzatelo come metodo per starvene tranquilli un attimo e abbassare il vostro livello di guardia. Richiede anche corretta gestione del tempo: se i nonni o altre persone talvolta glielo fanno usare, istruiteli su come volete che lo facciano. In questo caso forse è meglio che anche voi glielo lasciate qualche volta, altrimenti vi etichetteranno come “cattivi”. In ogni caso, monitorate sempre il tempo di esposizione.

Gli smartphone ci rendono stupidi?

Gli smartphone ci rendono stupidi?

Gli smartphone riducono la nostra capacità cognitiva, o almeno questo è quanto emerso da un recente studio dell’Università del Texas, ad Austin.