Apofenia: correlazioni che non esistono

Il cervello umano è pensato per lavorare secondo schemi, anche se a volte pensa di averne individuato alcuni che nella realtà non esistono. Questo fenomeno si chiama apofenia e ne parliamo nel seguente articolo.
Apofenia: correlazioni che non esistono
Elena Sanz

Scritto e verificato la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 07 giugno, 2023

Conoscete qualcuno che usa sempre la stessa penna durante gli esami perché pensa che gli porti fortuna? Pensate che uscire senza ombrello farà piovere quel giorno? Avete mai sentito di attirare una telefonata con il solo pensiero? Tutti questi sono esempi di apofenia, un fenomeno che chiunque ha sperimentato ad un certo punto della propria vita e che potrebbe sfociare nella patologia.

Rileggendo si esempi appena fatti, vedrete che hanno tutti una cosa in comune: viene creata una connessione tra due eventi che non sono realmente correlati. In altre parole, e prendendo uno dei casi, la penna utilizzata e il voto ottenuto nell’esame non sono in alcun modo associati; ma quel qualcuno la pensa così.

Questa è la base dell’apofenia, che è molto simile al pensiero magico ed è promossa da certe correnti religiose o movimenti spirituali. Se volete saperne di più, vi invitiamo a continuare la lettura.

Cos’è l’apofenia?

L’apofenia è un pregiudizio cognitivo che porta una persona a vedere uno schema o una connessione tra vari oggetti o eventi che non sono correlati. Fu il neurologo e psichiatra tedesco Klaus Conrad a coniare il termine nel 1958; da allora sono state condotte diverse indagini in merito.

Per capire meglio in cosa consiste questa esperienza, è opportuno far notare che si compone di due elementi:

  • La persona rileva connessioni in modo immotivato, cioè senza motivo. Non si tratta di vedere schemi che ci sono già, ma piuttosto di immaginarli, accettarli e prenderli per veri senza che ci siano prove a sostegno.
  • Si vive l’esperienza di dare un significato soggettivo ai fatti. Questi sono considerati più importanti di quanto non siano e si presume un significato nascosto dietro il loro verificarsi. Non si presume che si tratti solo di eventi aneddotici o casuali senza alcuna relazione tra loro.

Alcuni esempi quotidiani

Anche se non avete mai sentito questo termine, è probabile che abbiate vissuto il fenomeno in più di un’occasione. Per capirlo meglio, esaminate i seguenti esempi nei quali potreste identificarvi:

  • Qualcuno sta andando a un colloquio di lavoro e vedendo diverse persone sorridere lungo la strada capisce che è un segno che andrà tutto bene.
  • Vi capita di vedere spesso la stessa ora sull’orologio (ad esempio, 11:11) e che questo è motivo di preoccupazione.
  • Un uomo indossa sempre la stessa sciarpa quando gioca la sua squadra di calcio preferita, perché presume che gli porterà fortuna e lo aiuterà a vincere la partita.
  • Pensate a un amico che non vedete da tanto tempo e in quel momento vi chiama. Pensate, in qualche modo, di aver attratto la comunicazione con i vostri pensieri.
  • Avete rotto con il vostro partner e continuate a sentire il suo nome e la sua canzone preferita ovunque. Lo prendete come un segno che mancate all’altra persona o che dovreste tornare insieme.
  • Una donna è incinta e, all’improvviso, non riesce a smettere di vedere altre donne incinte per strada. Presume che ciò sia dovuto al fatto che c’è stato un recente boom di gravidanze; ma, in realtà, l’unica cosa che succede è che ora presta più attenzione alla cosa.

Perché si verifica l’apofenia?

Capite bene che a tutti è capitato, almeno una volta, di vivere questa esperienza. Non è un disturbo mentale, né deve costituire strettamente un sintomo di cattiva salute psicologica. La verità è che risponde al bisogno umano di sicurezza.

Alla mente piace la prevedibilità, abbiamo bisogno di sentire di avere un certo controllo sul nostro ambiente. Per questo motivo è possibile cadere in apofenia. Per evitare quella sensazione di incertezza, si dà un significato a ciò che non ce l’ha e si creano relazioni tra eventi casuali.

Anche se è più probabile che venga utilizzato da persone insicure e che percepiscono il loro ambiente come minaccioso o preoccupante, tutti possiamo innamorarci. Infatti, secondo Michael Shermer nel suo articolo pubblicato su Scientific American, il cervello è programmato per riconoscere schemi e trovare un significato, poiché questa è un’abilità evolutiva che contribuisce alla sopravvivenza come specie.

Inoltre, come sottolinea Brugger (2001), l’apofenia è legata alla creatività e molte creazioni artistiche ne fanno uso.

Tuttavia, quando questo fenomeno si verifica troppo frequentemente o diventa il modo abituale di interpretare il mondo, potrebbe esserci una psicosi sottostante. Secondo un articolo su Psychiatry Research, questa tendenza a percepire eventi indipendenti come significativamente connessi fa parte dei sintomi positivi della schizofrenia.

Allo stesso modo, sembra esserci una correlazione biologica per l’apofenia. Ed è che secondo alcune indagini, come quella pubblicata sul Journal of Cognitive Neuroscience, alti livelli di dopamina sarebbero legati a una maggiore comparsa del fenomeno.

Come affrontare questo pregiudizio cognitivo?

Come abbiamo detto, sebbene l’apofenia sia in linea di principio innocua e possa capitare a chiunque, è possibile che porti a prendere decisioni sbagliate e, se accade in modo eccessivo, disconnette dalla realtà. Pertanto è importante prevenire e adottare alcune misure.

Prima di tutto, attiva il pensiero critico. Sebbene ciò richieda uno sforzo maggiore rispetto alla scorciatoia mentale dell’identificazione di schemi, può salvarti dal cadere in superstizioni e errori. D’altra parte, è anche importante evitare il consumo di determinate droghe o sostanze che predispongono all’apofenia e alle esperienze paranormali.

Se questo deriva come sintomo di psicosi, alcuni farmaci che regolano i livelli dopaminergici aiutano a ridurre la tendenza a trovare connessioni e significati soggettivi inesistenti.

Apofenia e pareidolia: sono la stessa cosa?

È fondamentale non confondere l’apofenia con la pareidolia, un altro fenomeno correlato ma diverso. Quest’ultima è un’alterazione percettiva che porta a individuare forme riconoscibili in uno stimolo visivo vago o casuale. Ad esempio, trovando figure di animali tra le nuvole o credendo di identificare il volto di una vergine o di un demone in una macchia sul muro.

Entrambe le esperienze hanno in comune la caratteristica di dare significati a oggetti o eventi che ne sono privi; è importante prendersi cura di loro. Altrimenti, potreste pensare di trovare un ordine, una causalità o un simbolismo in eventi totalmente casuali.

Potrebbe interessarti ...
La fallacia del cecchino texano
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La fallacia del cecchino texano

Le fallacie vengono usate soprattutto nei dibattiti e nelle discussioni. Tra queste vi è la fallacia del cecchino texano. Scopritela qui.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.