La criminologia: una scienza e mille curiosità

I crimini vengono commessi da sempre in qualsiasi società. In alcune più spesso, in altre meno. La criminologia si occupa di studiare ciò che succede in questi casi, come succede e perché.
La criminologia: una scienza e mille curiosità

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 15 gennaio, 2023

La criminologia è una scienza giovane che studia quattro aspetti della realtà: il crimine, il criminale, la vittima e la risoluzione del crimine. Di questo ambito del sapere si iniziò a parlare nel 1885, quando il professore di diritto Raffaele Garofalo coniò il termine e gli diede un significato. Da quel momento in poi ha assunto un proprio corpo e ha cominciato ad evolversi.

Nel corso della storia, sono sorte diverse teorie sul crimine e sui criminali. Un tempo si credeva che i criminali potessero essere individuati dalla fronte ampia e dalle grandi orecchie. C’è stato anche un tempo in criminologia in cui è diventata popolare la “legge termica del crimine”: il caldo sembrava causare omicidi, mentre il freddo sembrava causare rapine.

La verità è che oggi la criminologia ha fatto grandi progressi, sia negli indizi e reperti, sia nella comprensione delle ragioni e delle circostanze che portano alcune persone a commettere reati. Di seguito alcune curiosità su questa interessante scienza sociale.

Chi combatte con i mostri, stia attento a non diventare lui stesso un mostro. Quando guardi a lungo in un abisso, guarda anche dentro te stesso ”.

-Friedrich Nietzsche-

La criminologia e la sua evoluzione

Nel corso della storia, i mezzi di cui disponeva la criminologia erano molto precari. Per molto tempo, l’unica cosa su cui si contava era la parola. Il punto è che se una persona era un agente di commercio o aveva più prestigio, gli veniva data più credibilità rispetto a qualcuno con uno status socioeconomico inferiore.

Infatti, prima del Settecento era comune che la giustizia fosse nelle mani della Chiesa, dei datori di lavoro, dei sindacati e di quasi tutte le istituzioni. Decidevamo se qualcuno avesse commesso un reato o no, e per questo usavano mezzi che oggi non approveremmo, come la tortura.

Pensiamo che agli albori della criminologia, intorno all’Ottocento, non c’erano molti mezzi di prova o il potere che oggi può avere una registrazione, un tabulato telefonico o un test del DNA. Tuttavia, gli investigatori, che ora facevano parte della polizia, hanno iniziato a usare la logica per stabilire la paternità e le condizioni in cui si è verificato un crimine.

Sherlock Holmes
Dall’uso della logica per risolvere i crimini nasce la leggendaria figura di astuti investigatori, come Sherlock Holmes.

Le impronte digitali e la criminologia

Uno degli strumenti chiave della criminologia è il rilevamento delle impronte digitali. Ci sono molti crimini che sono stati scoperti -e sicuramente evitati- grazie ai progressi tecnici. Per 4000 anni la firma è stata utilizzata come mezzo di identificazione e si sospettava che le impronte digitali di ogni persona fossero uniche, ma non c’era modo di verificarlo.

Solo fino al XIV secolo lo storico persiano Rashid al-Din Tabib fece notare esplicitamente che non esistono due persone con le stesse dita. Non è stato preso in considerazione. William Herschel, un magistrato britannico, impiegò fino alla metà del XIX secolo per chiedere alle persone di intingere la mano nell’inchiostro e timbrarla come firma.

Ha avuto questa idea perché stava svolgendo le sue funzioni in India e molte delle transazioni che stava monitorando hanno sollevato dubbi sull’autenticità. Nel tempo si è reso conto che non era necessario timbrare l’intero palmo, ma solo le dita. Successivamente, il metodo è stato perfezionato ed è diventato la base dei sistemi di identificazione.

impronta digitale
Le impronte digitali sono una delle prove più preziose in criminologia.

I crimini irrisolti

Per quanto astuti ed esperti siano gli investigatori, ci sono alcuni famosi crimini irrisolti. I progressi della criminologia e la dedizione degli investigatori per raggiungere questo obiettivo non sono valsi la pena: molti di questi casi sono ancora avvolti nel mistero. Forse uno dei più leggendari è Jack lo Squartatore, autore di 11 omicidi.

Un altro dei crimini più noti è stato l’omicidio di Jobenet Ramsey. La ragazza è stata trovata morta nella sua casa nel Natale del 1996. All’inizio, gli indizi puntavano ai suoi genitori. Poi si è scoperto che c’erano dei resti biologici che li scagionavano. Nel 2006, un molestatore di bambini di nome John Mark Karr si è dichiarato colpevole del crimine. Tuttavia, i test biologici non erano d’accordo con lui. Nessuno sa cosa sia successo.

Nemmeno le buone arti della criminologia sono bastate a chiarire un orrendo omicidio avvenuto a Hong Kong. Un cittadino ha chiamato la polizia, perché ha visto che il sangue colava dal tetto della sua casa. Le autorità hanno impiegato più di tre ore per aprire l’appartamento all’ultimo piano perché le finestre erano sigillate con del cemento.

Hanno trovato all’interno due corpi incatenati avvolti in lenzuola. Erano i fratelli George e Steven Chia. Apparentemente, erano stati rapiti e la loro famiglia aveva pagato quasi un milione di dollari di riscatto. Non si è mai saputo chi avesse commesso questo atroce crimine. Questa è la criminologia: un mondo di enigmi sul lato più oscuro dell’essere umano.

Potrebbe interessarti ...
La curiosità: tipi e benefici
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La curiosità: tipi e benefici

Ci sono diversi tipi di curiosità che tendono a dispiegarsi prima o poi a seconda del contesto in cui ci troviamo.



  • Alloza Aparicio, Ángel. (2001). En busca de las causas del crimen : teorías y estudios sobre delincuencia y justicia penal en la España moderna. Espacio Tiempo Y Forma. Serie IV, Historia Moderna, (14). https://doi.org/10.5944/etfiv.14.2001.3412
  • Molina, A. G. P. D., & Gomes, L. F. (2002). Criminología. Revista dos Tribunais, São Paulo.
  • Revollo Gual, C. E. (2001). Los medios probatorios.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.