Dall'amore all'odio: cosa succede nel nostro cervello?

Vi è mai capitato di provare una punta di odio nei confronti di una persona che amavate? Questa esperienza contraddittoria è più comune di quanto pensiamo e ha una spiegazione neurologica. In questo articolo ve lo raccontiamo!
Dall'amore all'odio: cosa succede nel nostro cervello?

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 24 ottobre, 2022

Avete mai avuto “relazioni tempestose”? Chi più e chi meno, a tutti è capitat di confrorsi con un rapporto affettivo passionale che ha portato, quasi senza sapere come, sul precipizio dell’odio. Ci sono anche fratelli il cui legame oscilla tra complicità e forti disaccordi. E cosa possiamo dire di alcune amicizie? Come si passa dall’amore all’odio?

Ci sono momenti in cui odiamo indicibilmente quei migliori amici dell’anima per, poco dopo, sentiamo che sono gli esseri più speciali che abitano il pianeta. Le persone sono capaci di vivere stati emotivi davvero complessi, in cui sono presenti emozioni che potremmo dire apparentemente contrarie o incompatibili.

È una cosa nostra o c’è qualcosa che non va nel nostro cervello? In realtà, dall’amore all’odio c’è più di un passo. Quello che esiste è una doppia carreggiata con due corsie. Le emozioni più potenti e determinanti dell’essere umano sono anche le più conosciute dalle neuroscienze. Pertanto, possiamo fornire spiegazioni interessanti sul perché sperimentiamo quella sensazione sconcertante, quella di amare e odiare qualcuno allo stesso tempo.

La letteratura e il cinema ci hanno fatto vedere che più intenso è l’amore, più intenso può essere l’odio. Ora la scienza dimostra che questa premessa è corretta.

immagine che rappresenta l'amore e l'odio nel cervello
L’insula è la regione del cervello che orchestra le emozioni ambivalenti.

Dall’amore all’odio nel cervello: un fenomeno emotivo più tempestoso

L’amore può trasformarsi in odio in pochi secondi. In quasi meno tempo di quello necessario per schioccare le dita; Un evento in un determinato momento può cambiare tutto a livello emotivo. Questa strana alchimia ha sempre attirato l’attenzione del cinema, della televisione e della letteratura. E, naturalmente, la scienza. Basta avere un disaccordo perché, all’istante, appaia quell’emozione inquietante e vulcanica che trascina e appanna tutto: l’odio.

Si dice spesso che possiamo odiare chi amiamo solo occasionalmente. La frase suona molto poetica, tuttavia, possono nascere odio e disprezzo anche nei confronti di persone con cui non abbiamo un legame relazionale. Tuttavia, il risentimento che emerge davanti a una figura vicina e che fa parte della nostra vita configura un’esperienza unica e, a volte, anche pericolosa.

A volte l’odio può portare anche all’aggressività e questo è un evento frequente nei contesti affettivi e familiari. Un esempio di ciò è la violenza che nasce nei rapporti di coppia o nei legami genitore-figlio. Ci sono momenti in cui chi ci ama di più, può essere quello che ci ferisce di più.

“Sai che quando ti odio è perché ti amo al punto di passione che fa impazzire la mia anima.”

-Julie de Lespinasse-

La regione insulare, territorio di tormento emotivo

I progressi nelle tecniche di neuroimaging ci hanno permesso di comprendere molti dei misteri nel mondo delle neuroscienze. L’amore e l’odio nel cervello sono stati studiati per un po’ di tempo attraverso la risonanza magnetica. Pertanto, uno dei lavori più notevoli è quello realizzato dall’University College di Londra nel 2008.

Qualcosa che si potrebbe scoprire è che l’insula è quella regione del cervello che modula l’intensità e la valenza emotiva, cioè se quell’emozione vissuta è positiva o negativa. Un fatto rivelatore che è stato scoperto è come in quest’area si produce quello che già conosciamo come “effetto di eccitazione dell’emozione”.

È un fenomeno in cui uno stato emotivo cambia da positività (amore) a negatività (odio) in pochi secondi. L’insula è ciò che ci sottopone a quegli stati di assoluta ambivalenza in cui si alternano dall’affetto più intenso al disprezzo più devastante…

Quando amore e aggressività condividono le stesse regioni del cervello

L’amore e l’odio nel cervello condividono gli stessi percorsi e le stesse strutture cerebrali. Il neurologo Semir Zeki, autore dell’opera sopra citata, fa notare che sia l’insula stessa che il putamen si attivano durante queste due emozioni. Non c’è distinzione. Sperimentiamo l’innamoramento nelle stesse regioni neurali in cui proviamo odio, disprezzo e disaffezione per qualcuno in particolare.

Allo stesso modo, è importante notare che l’aggressività e il comportamento violento possono essere attivati in quelle stesse aree del putamen e dell’insula. È sorprendente che eventi come il desiderio di vendetta e di fare del male siano elaborati nelle stesse strutture che mediano l’amore romantico.

Questo spiega molti comportamenti violenti all’interno delle relazioni. C’è chi, spinto dalla gelosia, dall’odio momentaneo o dalla disaffezione, traduce quell’emozione inquietante in aggressività. E lo fa nonostante ami la persona che ferisce. Ovviamente in questo tipo di reazione mediano molte più variabili, come il controllo degli impulsi oi modelli educativi con cui si è cresciuti.

Vivere amore e odio allo stesso tempo genera una grande contraddizione e anche esaurimento. Tuttavia, quell’ambivalenza emotiva ha uno scopo ed è quello di aumentare la consapevolezza di sé.

Uomo che sostiene il suo partner.
In situazioni di ambivalenza emotiva, combattiamo affinché l’amore abbia sempre la meglio.

L’ambivalenza emotiva ha uno scopo: perché si passa dall’amore all’odio?

Può essere inquietante che l’amore e l’odio nel cervello siano come un’autostrada a doppio senso. Anche che, in certe persone, può essere il meccanismo che scatena la violenza. Tuttavia, c’è un altro fatto che dovrebbe farci riflettere.

L’ambivalenza emotiva, intesa come vivere contemporaneamente due sentimenti contraddittori, ha una fine e un significato. La dott.ssa Laura Ress, dell’Università del Michigan, indica in uno studio che questa sensazione di disagio ci spinge verso la consapevolezza di sé. Anche all’obbligo di giudicare, di prendere una decisione.

Quel disagio psicologico che deriva dalla contraddizione delle nostre emozioni mostra un disagio. C’è qualcosa che non va bene in quel rapporto e, quindi, dobbiamo risolverlo. È qui che entrano in gioco processi come la riflessione e l’intelligenza emotiva.

In questo modo, prima di lasciarci trasportare dalle grida e dai disaccordi, promuoviamo il dialogo, risolviamo le nostre divergenze. Lasciate che l’amore superi sempre l’odio.

Potrebbe interessarti ...
Provare amore e odio al tempo stesso
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Provare amore e odio al tempo stesso

Vi è mai capitato di provare amore e odio allo stesso tempo? Probabilmente vi sarete sentiti confusi, ma è più normale di quanto sembri!



    • Brogaard, B. (2017). “The Rise and Fall of the Romantic Ideal,” In R. Grossi & D. West (eds.), The Radicalism of Romantic Love: Critical Perspectives (pp. 47-63). Taylor and Francis.
    • Sincoff, J. B. (1990). The psychological characteristics of ambivalent people. Clinical Psychology Review10(1), 43–68. https://doi.org/10.1016/0272-7358(90)90106-K
    • Van Harreveld, F., Nohlen, H. U., & Schneider, I. K. (2015). The ABC of Ambivalence: Affective, Behavioral, and Cognitive Consequences of Attitudinal Conflict. In Advances in Experimental Social Psychology (Vol. 52, pp. 285–324). Academic Press Inc. https://doi.org/10.1016/bs.aesp.2015.01.002
    • Zeki S, Romaya JP (2008). “Neural Correlates of Hate”, PLoS ONE 3: e3556