Depressione perinatale nel padre: sintomi e prevenzione

Visto l'aumento dei casi di depressione perinatale nei padri, sono stati proposti validi aiuti terapeutici per intervenire e per prevenire. In cosa consistono questi trattamenti? Venite a scoprirlo con noi!
Depressione perinatale nel padre: sintomi e prevenzione
Gorka Jiménez Pajares

Scritto e verificato lo psicologo Gorka Jiménez Pajares.

Ultimo aggiornamento: 13 maggio, 2023

La depressione in generale è una condizione clinica che può insorgere in momenti come la gravidanza e il parto. Da qui ha origine quella che conosciamo come depressione perinatale e colpisce sia la madre che il padre. Sebbene questo processo sia spesso associato alle donne, vengono segnalati sempre più casi di padri sottoposti all’impatto dei loro sintomi.

I motivi per cui il numero di casi diagnosticati è in aumento, sono i più svariati. Tra questi, troviamo una maggiore consapevolezza e, quindi, una migliore identificazione della depressione perinatale da parte dei professionisti. Inoltre, i cambiamenti nei ruoli di genere, con un aumento del coinvolgimento paterno, contribuiscono a coinvolgere maggiormente i padri e a far sì che subiscano anche loro un’elevata pressione per la cura dei propri figli.

È essenziale comprendere l’importanza di prevenire la depressione perinatale, poiché la sua conseguenza più grave è il suicidio. Allo stesso modo, c’è anche la tendenza a causare un significativo deterioramento del rapporto tra padre e figlio. Successivamente, verranno offerte alcune chiavi per affrontare questo problema con consapevolezza e responsabilità.

“La depressione è l’incapacità di costruire un futuro”.

-Rollo May-

Prevenzione della depressione perinatale nel padre

La parola “parto” genera molte vertigini sia nelle madri che nei padri. Non solo per la delicatezza dell’evento in sé, ma perché avere un figlio richiede importanti cambiamenti psicosociali, poiché ha un impatto su ambiti diversi come il lavoro, la famiglia o le relazioni interpersonali.

Grazie alla maggiore consapevolezza a cui abbiamo accennato prima, sono sempre di più gli studi come quello pubblicato su The Lancet Global Health, che fanno luce sui fattori legati a questa patologia. Pertanto, si osserva un’associazione tra depressione perinatale paterna e depressione perinatale materna (Chmielewska et al., 2021).

Pertanto, è comune osservare che entrambi i membri della relazione hanno sintomi di depressione o entità clinica completamente sviluppata.

Le sue conseguenze sul sistema familiare papà-mamma-bambino sono piuttosto negative. Tanto che, nella diversità degli effetti descritti, uno dei dati più eclatanti è che la depressione dei genitori inibisce il normale sviluppo delle abilità sociali dei neonati (Sweneey et al., 2016) e costituisce un trampolino di lancio verso varie forme di abuso e abbandono (Takehara et al., 2017).

“La depressione è la chiusura del cuore al mondo.”

-Andrew Solomon-

Come si può prevenire la depressione perinatale?

Essere in grado di identificare i padri che presentano un rischio elevato di sviluppare questa entità clinica è l’obiettivo di molteplici indagini sulla prevenzione della depressione perinatale (Iwata et al., 2023). In tal senso vengono riportati fattori di rischio come i seguenti (Ansari et al., 2021):

  • Stress.
  • Va a braccetto con la depressione.
  • Poca soddisfazione per la vita di coppia.
  • Percezione di scarso sostegno sociale.
  • Sottoponiti a un trattamento per l’infertilità.
  • Storia di problemi di salute mentale.
  • Mancanza di stabilità economica.

Per ridurre al minimo il pericolo, vengono sviluppati diversi interventi. I protocolli si concentrano, nello specifico, su tre aree: sul padre e sulla madre individualmente, sulla coppia e sulla famiglia (Birken et al., 2023). Scopriamoli.

“Essere depressi significa avere la sensazione di essere sprofondati in un buco nero senza via d’uscita.”

-Aaron T. Beck-

Papà mette suo figlio a dormire sul suo petto
Il contatto pelle a pelle è una terapia suggerita per proteggere dalla depressione perinatale dei genitori.

1. Interventi incentrati sul padre per prevenire la depressione perinatale

La terapia si concentra esclusivamente sul padre. Tra gli elementi affrontati durante le sessioni, troviamo quelli che ora vedremo (Birken et al., 2023):

  • Linee guida sullo stile o sulla routine quotidiana. Sono possibili attraverso l’insegnamento di abitudini legate all’igiene del sonno o al trattamento di eventuali disfunzioni sessuali.
  • “Pelle a pelle”, un tocco dalla potenza straordinaria. Per un padre tenere il bambino per almeno mezz’ora, a contatto con il suo petto, privo di qualsiasi indumento, è una tecnica che potrebbe proteggere dalla depressione perinatale paterna.
  • Insegnare abilità pratiche. Ad esempio, fare un massaggio al proprio partner per alleviare il dolore che prova a causa dei cambiamenti fisiologici avvenuti durante il parto rafforza la relazione e la connessione biologica con il processo che si sta vivendo.

Come si vede, il nucleo dell’intervento è principalmente educativo. In questo modo cerca di fornire al padre strategie per rafforzare il legame affettivo, sia con la madre che con il neonato.

“La genitorialità non consiste nell’avere tutte le risposte, ma nell’essere presenti e desiderosi di imparare con i propri figli”.

-Shefali Tsabary-

2. Interventi focalizzati sulla coppia

La sua base è la “diade marito-moglie”, con lo scopo di prevenire la depressione e promuovere la qualità del legame che li unisce. Tra i contenuti trattati dalle sessioni troviamo il dialogo sul fatto di essere genitori “insieme” e la necessità di chiedere aiuto se sono in difficoltà.

Vengono affrontate anche le sfide della genitorialità, perché il rapporto “marito-moglie” ha il potenziale per subire un cambiamento. Ad esempio, hanno meno tempo da trascorrere insieme. In questo senso si discutono le implicazioni del passaggio dalla “diade marito-moglie” alla triade “papà-mamma-bambino”.

“Essere un genitore è il più grande atto di leadership che chiunque possa esercitare”.

-John C. Maxwell-

3. Interventi incentrati sulla famiglia

Questi interventi spesso includono sessioni con più padri e madri in situazioni simili. Secondo Birken et al., 2023, alcuni dei suoi componenti sono i seguenti:

  • Istruzione per i genitori i cui figli sono nati prematuri.
  • App mobili psicoeducative incentrate sui nuovi genitori.
  • Formazione comportamentale per genitori di neonati in terapia intensiva neonatale.

Nel caso delle madri, un esempio di intervento online potrebbe essere trovato nel programma “Mommoodbooster” (Fonseca-Pedrero et al., 2021). Questo schema, basato sulla terapia cognitivo -comportamentale, cerca di risolvere vari sintomi, come il pessimismo, l’autostima insufficiente o l’isolamento sociale.

I genitori abbracciano e baciano il figlio come parte della terapia contro la depressione perinatale
La terapia focalizzata sulla famiglia è essenziale per lavorare sui sintomi della depressione dopo il parto.

Le strategie di approccio per la depressione perinatale nel padre sono promettenti

Come abbiamo visto, vengono diagnosticati sempre più casi di depressione perinatale paterna. Inoltre, queste immagini sono associate alla depressione perinatale che la madre viene a soffrire.

Per questo si realizza la creazione di interventi mirati ai tre focolai rilevati: il padre, il rapporto marito-moglie e la triade madre-papà-bambino. I loro risultati sono promettenti, anche se sono ancora necessarie ulteriori ricerche al riguardo.

“La depressione è come un circolo vizioso che si autoalimenta”.

-Martin Seligman-


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.