Dislessia: cos'è e come si cura?

Dislessia: cos'è e come si cura?

Ultimo aggiornamento: 05 marzo, 2022

Quando un genitore si sente dire che il proprio bambino ha una malattia, un disturbo, la prima reazione è un vero shock. Molte volte l’amore per i figli, che non ha eguali, oltre alla mancanza di conoscenza della malattia di cui parla lo specialista, porta a sopravvalutare il problema. Questo è spesso il caso della dislessia.

Tuttavia, a volte gli ostacoli sono grandi opportunità per noi stessi e per i nostri figli… In questo articolo parliamo di dislessia e ricordiamo che se questo è il vostro caso o quello dei vostri figli, non ponetevi limiti perché potrete ottenere tutto quello che desiderate. Chiedetelo al fondatore di IKEA che è dislessico, ma potremmo fare molti altri esempi.

Cos’è la dislessia?

Sono trascorsi poco più di 100 anni da quando sono apparse le prime descrizioni della dislessia e da allora il dibattito sulla definizione, diagnosi e cura esatte non si è fermato.

Attualmente, la definizione più accettata è quella offerta dall’International Dyslexia Association nel 2002:

“Disabilità specifica dell’apprendimento, di origine neurobiologica, caratterizzata da difficoltà nel riconoscimento accurato e fluente delle parole e problemi di ortografia e decodifica. Tali difficoltà derivano da un deficit della componente fonologica”

Il cervello di un dislessico è diverso, alcune aree lavorano in modo diverso; in particolare l’area temporale superiore dell’emisfero sinistro, responsabile dell’elaborazione fonologica, e l’area occipitotemporale, che forma le rappresentazioni visive delle parole.

Non è una malattia e quindi non esiste una cura. Si ritiene che si tratti di una conseguenza di un’anomalia genetica durante lo sviluppo embrionale.

Luz Rello e la dislessia

Lux Rello è un bel esempio. Soffre di dislessia, ha un dottorato in informatica, una laurea in linguistica ed è stata ricercatrice presso la Carnegie Mellon University, fondatrice di Change Dyslexia (2016), autrice di “Overcoming dyslexia”.

Esperta anche di dislessia, a lei di deve un test di 15 minuti per capire se sei si è dislessici, 42.000 giochi per migliorare la dislessia, borse di studio… e molto altro.

D’altra parte abbiamo DysWebxia, applicazione per adattare testi per persone dislessiche che fa leggere i bambini più velocemente.

Il mio blog sui dislessici

María ha creato questo blog due anni fa con l’aiuto di sua figlia; Come lei stessa afferma, “Ero disperata, stressata e volevo sfogarmi, convinta che solo mia madre avrebbe letto per me e poco altro”… E il fatto è che María ha 6 figli e sono tutti dislessici.

Ma con sua sorpresa, il suo blog ha iniziato a ricevere molte visite da altre madri i cui figli soffrivano di dislessia.

Il figlio maggiore studia Ingegneria delle Telecomunicazioni: un esempio che si può essere quello che si vuole pur soffrendo di dislessia.

Labirinto cervello.

Raccomandazioni per le persone con la dislessia

Il modo migliore per aiutare un bambino dislessico è fornirgli gli strumenti per compensare le difficoltà che deve affrontare di fronte alle parole.

Strumenti capaci di offrire sicurezza e l’incoraggiamento per saltare quel piccolo ostacolo e andare avanti.

Prima rileviamo che il bambino ha questa difficoltà, meglio sarà in grado di affrontarla e automatizzare gli strumenti a cui abbiamo fatto riferimento in precedenza.

I genitori dovrebbero essere calmi e non sopravvalutare il problema, ma nemmeno ignorarlo.

Tenete presente che è necessario agire, perché se il problema esiste davvero, non scomparirà da solo.

E bisogna agire insieme agli insegnanti o altri membri della famiglia; tutti possono e dovrebbero dare il proprio contributo. In futuro, il bambino apprezzerà molto ogni passo compiuto nella giusta direzione in tenera età.

Il limite non sarà prima di dove lo fissiamo

Il cantante Pau Donés, Dempsey l’attraente attore di Grey’s Anatomy o il fondatore di IKEA sono dislessici. Il bel Dempsey afferma “È molto difficile per me leggere le sceneggiature, ma non mi sono mai arreso”… ed eccolo che spezza i cuori sullo schermo!

Concludiamo con una frase di Luz Rello che speriamo possa esservi di grande utilità: “La scuola è l’esperienza peggiore per uno studente dislessico. Ma un giorno finisce. Coraggio! Dopo la scuola puoi studiare quello che vuoi, essere quello che vuoi e usare tutti gli strumenti che vuoi”.

Potrebbe interessarti ...
Diversi tipi di dislessia: caratteristiche
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Diversi tipi di dislessia: caratteristiche

Per capire i diversi tipi di dislessia, è necessario capire che la lettura è un processo a doppio percorso. Ciò significa che il nostro cervello ha...