Domande filosofiche su cui riflettere

Se la filosofia è la luce prima del dogma e la serratura che risveglia il pensiero critico, perché non metterci alla prova con una serie di domande filosofiche che ci faranno riflettere?
Domande filosofiche su cui riflettere
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre, 2022

In una corrente dominata dalla scienza, dalla tecnologia e perfino dalla robotica, sembra che la filosofia non abbia più posto. Tuttavia, si potrebbe supporre che questo sia un errore e soprattutto un pericolo. Perché quest’area di conoscenza è determinante per ogni generazione, per ogni persona indipendentemente dalla sua età. Queste domande filosofiche su cui riflettere sono un esempio del motivo della sua importanza.

La filosofia sviluppa il pensiero critico e analitico. Ci permette di riflettere sulla realtà che ci circonda da una prospettiva etica, aperta e multidisciplinare. Tutti possiamo esercitare una mente filosofica per poter costruire la nostra visione del mondo, potendo dare opinioni preziose senza essere condizionati o mediati dagli altri.

Platone, Spinoza, Søren Kierkegaard, Epicuro, Hannah Arendt, Kant, Habermas, Simone Weil o Slavoj Zizek. La storia ci ha dato figure eminenti da cui imparare e da cui trarre ispirazione. Tutti sono un esempio della necessità di ragionare, di riflettere liberamente sul presente complesso che ci circonda e di comprendere ogni fenomeno del nostro tessuto sociale.

Queste domande che ora poniamo sono un esercizio per raggiungere questo scopo…

Donna che riflette sulle domande filosofiche a cui pensare

Domande filosofiche su cui riflettere

Si dice spesso che filosofare sia pensare per regnare. Tanto più che chi domina e si diletta nell’arte della filosofia può elevarsi al di sopra di quella grande massa che invece di pensare si lascia trasportare. Quindi, un aspetto che definisce anche questa antica area del sapere è la libertà, il potere di andare oltre dogmi, pregiudizi ed etichette preconcette.

La filosofia è, in fondo, un’attività che definisce l’intelligenza umana e che si ispira a due ambiti ben precisi: il libero pensiero e l’umiltà dell’intelletto. Utilizziamo queste due dimensioni in questo piccolo elenco di domande filosofiche su cui riflettere.

1. Possiamo comprendere il bene senza il male?

La vita è fatta di dualismi o questo è ciò che sembra a prima vista. Etica e morale, verità e menzogna, bellezza e bruttezza, o saggezza e ignoranza… Ora, questo è applicabile al bene e al male? È impossibile concepirne uno senza l’esistenza del secondo?

Non mancano coloro che fanno notare che, in effetti, è così, l’etico non si può capire senza il suo rovescio. Per sapere cos’è la luce, ad esempio, è necessario prima sapere cos’è l’oscurità.

2. È necessario avere sempre prove di ciò che è vero o vero?

Questa è una di quelle domande filosofiche più classiche a cui pensare. In effetti, è legato all’empirismo, quella teoria filosofica che sottolinea l’importanza dell’esperienza e dell’evidenza per dimostrare la realtà delle cose. Se non ci sono prove su qualcosa, quel qualcosa semplicemente non esiste.

Cosa ne pensi di questo?

3. Domande filosofiche su cui riflettere. La vita ha uno scopo? Se è così, che cosa è?

Perché siamo qui? Dal campo dell’antropologia non ci sono dubbi: siamo “animali” sociali in pieno viaggio evolutivo. Siamo qui perché la natura lo ha voluto così. Ora, l’area delle religioni, ad esempio, ha un’opinione diversa.

Dall’area della psicologia la risposta è forse più semplice: ogni persona deve trovare il motivo per cui è qui, trovare il proprio scopo e farlo proprio.

4. Il libero arbitrio esiste davvero?

Questa è un’altra delle domande filosofiche più ricorrenti su cui riflettere. Personaggi come lo storico israeliano Yuval Noah Harari ci avvertono che il libero arbitrio è poco più che un mito. Inoltre, se accettiamo questo aspetto invalidiamo tutti i modi in cui i poteri esistenti potrebbero manipolarci… Cosa ne pensate?

5. La democrazia funziona come dovrebbe in tutti i paesi?

Se c’è qualcosa che facilita il pensiero filosofico, è approfondire tutte le aree della nostra società, e la politica è una di queste. Funziona come dovrebbe nel nostro paese? E nel resto dei paesi democratici, come funziona?

6. Perché gli esseri umani hanno bisogno di creare “arte”?

I nostri antenati ci hanno lasciato autentiche opere d’arte sulle pareti di antiche grotte. Mani, animali in corsa, abili cacciatori, figure umanoidi e strani simboli. L’essere umano ha sempre sentito il bisogno di creare, di fare dell’arte un meccanismo di espressione e testimonianza.

7. Domande filosofiche su cui riflettere. Perché siamo quello che siamo?

Perché siamo come siamo? Cosa ci ha portato ad arrivare al punto in cui incontriamo la nostra personalità, i nostri ideali, sogni e ed esigenze? Potremmo parlare di esperienza, di geni, del contesto che ci circonda, del modo in cui interpretiamo ciò che ci accade…

Immagine che simboleggia le domande filosofiche per pensare

8. Qual è il problema più grande dell’umanità?

Questa è una delle domande filosofiche più interessanti su cui riflettere. Pensiamoci, qual è il nostro problema più grande? Male e violenza? La falsità? Trascurare il nostro pianeta e magari promuovere il cambiamento climatico?

In realtà, sono infiniti i problemi che definiscono l’essere umano: l’incapacità di cooperare e lavorare insieme, l’armonia sociale, ecc.

Qual è secondo voi il problema più grande delle persone?

9. Esistono l’oggettività o, in realtà, è tutto soggettivo?

Non mancano teorie e opinioni che ci dicono che le persone raramente riescono ad essere totalmente obiettive. Tutto ciò che facciamo, pensiamo ed esprimiamo è filtrato dalla soggettività, dalle emozioni e dalla personalità. Pertanto, è molto difficile essere sempre obiettivi. Qual è la vostra opinione a riguardo?

10. Domande filosofiche: siamo buoni o cattivi per natura?

Molti filosofi hanno posto questa domanda nel corso della storia. Quindi possiamo trovare risposte variabili. Ad esempio, per Hobbes l’essere umano è malvagio per natura, per cui per convivere è necessario il potere assoluto, una legge autoritaria che controlli l’impulso aggressivo che nasce dalla motivazione egoistica di tutti gli esseri.

Rousseau, d’altro canto, sostiene che l’essere umano è buono ed empatico, perché se uno vede soffrire un altro, sente una naturale inclinazione ad aiutare. Allora, cos’è che rende l’essere umano cattivo? Ciò che rende cattivo l’uomo, ciò che suscita la sua aggressività è il momento in cui il primo ha detto “questo è mio”, la proprietà. Perché se questo è mio, qualcun altro può dire “ma lo voglio anche io” ed è così che compaiono competizione, invidia e aggressività.

A sua volta, c’è chi sostiene che non esiste la natura umana. In questo senso, l’essere umano sarà buono o cattivo a seconda delle esperienze di vita, delle influenze sociali e culturali e dello spirito dei tempi.

E secondo te? Siamo buoni, cattivi o nessuno dei due?

Per concludere, questo elenco di domande filosofiche su cui riflettere è un esercizio divertente per ossigenare la mente, ragionare con nuove prospettive e formarsi la propria opinione sulle cose.

Potrebbe interessarti ...
Crisi esistenziale: vedere ben oltre la sofferenza
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Crisi esistenziale: vedere ben oltre la sofferenza

Una crisi esistenziale è anche opportunità per entrare in contatto con la parte più profonda di noi stessi e mettere in atto un processo di metamor...




I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.