Effetto einstellung: cos’è e quando si presenta

14 Aprile 2019
In quest'articolo vedremo in cosa consiste esattamente l'effetto einstellung e in quali ambiti precisi si manifesta.

Talvolta la nostra mente ci gioca brutti scherzi. Diventa difficile essere obiettivi e vedere la realtà semplicemente per quello che è. Al contrario, molto spesso ci lasciamo trasportare dalle nostre idee e dai nostri preconcetti. Così facendo sabotiamo noi stessi, e in questi casi è molto comune l’effetto einstellung.

Questa trappola cognitiva dal nome di origini tedesche, si traduce in italiano con “condizionamento”. Si tratta di un fenomeno secondo cui ciò che pensiamo in anticipo su un argomento influenza il modo in cui interpretiamo quello che accade. Per colpa dell’effetto einstellung il nostro cervello non ci permette di vedere le cose per come sono davvero, portandoci ad auto-ingannarci quando osserviamo la realtà. Per questo, diventiamo incapaci di trovare una soluzione adeguata a un problema.

In quest’articolo vedremo in cosa consiste esattamente l’effetto einstellung e in quali ambiti precisi si manifesta. Conoscere questo effetto vi aiuterà a evitarlo e prevenirlo.

Perché si produce l’effetto einstellung?

Una delle scoperte più sorprendenti in psicologia è che non lavoriamo con la realtà, bensì con quello che percepiamo e interpretiamo. Il nostro cervello interpreta le informazioni che riceve attraverso i sensi, fungendo da mediatore. Per questo, il modo in cui osserviamo il mondo è condizionato dalle nostre credenze ed esperienze precedenti.

Uomo con testa appoggiata alla finestra

Quando ci troviamo ad affrontare una situazione, dunque, destiniamo parte della nostra attenzione a cercare precedenti o associazioni che ci permettano di interpretarla. Queste chiavi di lettura possono provenire dalla nostra memoria, ma possono anche avere a che fare con il nostro modo di pensare.

Gli effetti di questa interpretazione sono così potenti che di fronte a un fatto preciso non troveremo mai due descrizioni esattamente uguali. Persone diverse potrebbero descrivere lo stesso avvenimento in termini completamente opposti.

Con l’effetto einstellung, questa particolarità della nostra mente ci impedisce di agire in termini efficaci di fronte a una situazione. Quando affrontiamo un problema, questa distorsione cognitiva ci porterà a rispondere nello stesso modo in cui abbiamo già fatto in circostanze simili. Il problema sta nel fatto che spesso questa nostra reazione non è utile né funzionale.

Agire per inerzia, infatti, non porta buoni risultati, anzi. Di fronte a una situazione complessa, sarebbe più utile fermarsi a pensare su quale sia il cammino migliore da seguire. Per farlo, dobbiamo essere consapevoli degli ambiti in cui si produce l’effetto einstellung. Soltanto così potremo stare attenti ed evitare che ci domini.

Situazioni in qui appare l’effetto einstellung

Qui di seguito vedremo una breve lista degli ambiti in cui l’effetto einstellung è più potente. Naturalmente può apparire in molti altri casi, ma queste sono le situazioni in cui le sue conseguenze possono diventare particolarmente disastrose.

1. Relazioni personali

Il modo in cui ci relazioniamo con gli altri viene spesso determinato dalle nostre esperienze precedenti. Secondo gli studi al riguardo, durante la nostra infanzia acquisiamo un metodo per comportarci nelle situazioni sociali che, di norma, cambia poco con il passare del tempo.

In questo ambito, l’effetto einstellung ci porta a rispondere agli altri in modi che potrebbero non essere i migliori. A prescindere dall’essere o meno esperti in abilità sociali, è molto più efficace scegliere in maniera cosciente il modo in cui vogliamo agire nei confronti di un’altra persona.

Così, per esempio, la riflessione consapevole legata alle relazioni che scambiamo può permetterci di sostituire uno stile comunicativo passivo o aggressivo con uno più assertivo. Questo migliorerà il nostro benessere e il modo in cui gli altri ci percepiscono.

2. Ambito lavorativo

In generale, quando iniziamo un lavoro nuovo dobbiamo passare per una fase di formazione. In questo periodo, non conosciamo ancora bene i nostri compiti e cerchiamo di capire qual è il modo migliore per realizzarli. Tuttavia, quando ci siamo ormai abituati e il lavoro è nostro, tendiamo a non pensare più a come possiamo migliorare.

Cosa succederebbe se esistesse un modo migliore di fare il vostro lavoro? Se poteste continuare a fare quello che fate risparmiando tempo e sforzo applicandovi un po’? L’effetto einstellung impedisce di scorgere questa realtà, di vedere che c’è sempre un margine di miglioramento, anche per i lavori meno creativi.

Ragazza che riflette

3. Tempo libero

Molte volte, quando troviamo del tempo per noi stessi, agiamo per inerzia. Anziché scegliere un’attività da fare che ci stimoli, ci lasciamo trasportare dalla stanchezza e dalla routine. Così, nonostante siano anni che vorremmo iniziare un nuovo hobby o iscriverci a un corso di nostro interesse, finiamo per sederci sul divano a guardare la televisione o il computer.

Perché ci comportiamo così? In parte, l’effetto einstellung ne è responsabile. Questa trappola cognitiva ci impedisce di vedere che esistono delle alternative migliori. Per questo, dobbiamo riflettere in modo cosciente su cosa vogliamo fare quando abbiamo del tempo a disposizione per noi.

Come avete visto, l’effetto einstellung è uno dei principali responsabili dell’abitudine a non trarre tutto il meglio dal tempo di cui disponiamo. Ostacolandoci nella ricerca di un’alternativa, ci condanna a commettere gli stessi errori ancora e ancora. Tuttavia, combatterlo è relativamente facile: basterà imporci di essere più consapevoli di quello che vogliamo fare in ogni momento.

Naturalmente, è più facile a dirsi che a farsi, ma con un po’ di pratica tutto è possibile. Se credete che prestare più attenzione alle vostre scelte può aiutarvi, provate a farlo per qualche settimana. Rimarrete sorpresi dall’enorme giovamento che ne trarrete in breve tempo.