Effetto Romeo e Giulietta: esiste davvero?

Molte coppie vivono sotto l'effetto Romeo e Giulietta. Ma cos'è esattamente e come possiamo riconoscerlo?
Effetto Romeo e Giulietta: esiste davvero?

Ultimo aggiornamento: 19 aprile, 2021

Romeo e Giulietta è un"opera del noto drammaturgo Shakespeare che parla di una coppia innamorata che lotta per stare insieme. Nonostante i loro sforzi, finiscono per suicidarsi. Questo impulso a rimanere insieme nonostante tutto e a scegliere addirittura la morte piuttosto che stare lontani è presente in molte coppie. Tale fenomeno è chiamato “Effetto Romeo e Giulietta".

Lo sforzo, le difficoltà e la lotta sono ingredienti che, invece di far decidere ai partner di una relazione di separarsi e vivere in pace, diventano legna da ardere per alimentare il fuoco della passione.

C"è chi necessita di questi ingredienti per provare interesse per un"altra persona. Se mancano, può credere di non essere più innamorato. Sebbene possa sembrare assurdo, esiste una valida spiegazione.

La dopamina presente nell"effetto Romeo e Giulietta

La relazione caratterizzata dall"effetto Romeo e Giulietta in realtà è governata dalla dopamina. Come indicato nell"articolo pubblicato su Revista Médica, questo neurotrasmettitore è coinvolto nella regolazione di alcune funzioni come l"emotività e l"affettività.

Quando si verifica una situazione avversa, come quelle vissute da Romeo e Giulietta, la dopamina aumenta.

Formula chimica della dopamina.

Quando la famiglia si oppone alla relazione, i due amanti devono stare insieme in segreto o vengono separati forzatamente. Ciò determina una tensione biochimica che, in un certo senso, crea dipendenza.

Questi eventi aumentano la produzione di dopamina con una serie di conseguenze che alimentano la passione:

  • Maggiore opposizione alle avversità: i problemi che sorgono e che cercano di separare la coppia permettono solo di far emergere nuove strategie per affrontarli.
  • Forte attaccamento: l"attaccamento e la sensazione esagerata di voler stare insieme aumenta ad ogni problema che si presenta e cerca di separare la coppia.

“Preferisco morire per il loro odio, che vivere senza il tuo amore"

Romeo e Giulietta

Il disincanto nell"effetto Romeo e Giulietta

È chiaro che nel caso di Romeo e Giulietta l"epilogo è terribile. Ma abbiamo tutti un dubbio: cosa sarebbe successo se la loro storia fosse continuata?

Probabilmente, avrebbero continuato a lottare contro i continui tentativi della loro famiglia di separarli. Tuttavia, se non ci fossero più stati, il risultato più probabile sarebbe stato un triste disincanto.

Questo succede a molte coppie che soffrono dell"effetto Romeo e Giulietta. Nel momento in cui i problemi non segnano più la relazione, possono succedere due cose: li inventano, generando argomenti assurdi, o si lasciano perché cominciano ad annoiarsi.

Prima il partner rappresentava il proprio mondo e catturava tutta l"attenzione. Come indicato nell"articolo The Neurobiology of Love, quando la dopamina non è più presente la situazione cambia. Si nutre interesse per situazioni che possono rappresentare nuove scariche di dopamina.

Coppia che litiga.

Dipendenza da dopamina

Molte persone sono dipendenti dalla dopamina. Sono incapaci di stare in una relazione se non ci sono problemi, difficoltà e situazioni estreme che fanno sentire loro quell"impeto e quell"eccitazione di cui si cibano.

Si tratta di un grosso problema, perché tendono a credere che l"amore sia solamente questo: lotta e sforzo costante.

Se a ciò si aggiunge che terzi cercano di separarli dal partner, tanto meglio. Sebbene ciò inizialmente ravvivi la relazione, può decisamente finire per logorarla.

“Allora l"amore divenne dubbio: non rimase che un saluto, un addio, un arrivederci indimenticabile".

-Anna Bahena-

Probabilmente abbiamo sperimentato noi stessi l"effetto Romeo e Giulietta o l"abbiamo visto in altre persone. Non è salutare, in ogni caso, essere in una relazione del genere.

Ciò che dovrebbe spingere due persone a stare insieme non sono i problemi, ma la pace mentale e il benessere dati da una vita equilibrata insieme. E voi, avete avuto relazioni in cui avete subito l"effetto Romeo e Giulietta?

 



  • Mansilla Izquierdo, F. (2002). Codependencia y psicoterapia interpersonal. Revista de la Asociación Española de Neuropsiquiatría, (81), 9-19.
  • Molero Chamizo, A., Urbina, R., & Nathzidy, G. (2012). Cerebro y comportamiento: una revisión.
  • Pérez F, Juan Manuel, & Orellana V, Gricel. (2007). Avances en la clínica de las adicciones: el rol del aprendizaje y la dopamina. Revista médica de Chile135(3), 384-391. https://dx.doi.org/10.4067/S0034-98872007000300015