Essere altamente sensibili è un dono

· 30 marzo 2016

Di sicuro sapete benissimo che essere altamente sensibili (PAS) ha dei pro e dei contro. È giunto il momento di cambiare l’eterna visione negativa della sensibilità quando si tratta di gestire e vivere le esperienze.

È anche il momento di capire che essere sensibili vuol dire semplicemente che si è connessi in modo attivo e produttivo con se stessi.

Se continuate a pensare che essere sensibili anche alle più piccole cose non sia positivo, allora vi invitiamo a riflettere sui 7 motivi per cui essere persone altamente sensibili è da considerarsi un dono.

La verità esiste per il saggio; la bellezza, per il cuore sensibile.
Friedrich Schiller

Perché ci rende più onesti

Essere altamente sensibili ci spinge ad essere coerenti con quello che sentiamo dentro, in caso contrario ci bloccheremmo emotivamente. Questo significa che condividiamo più facilmente quello che proviamo, dimostrando con ogni parte del corpo l’emozione che ci sta attraversando, per quanto possa essere positiva o meno.

Sorriso

Ci concediamo di essere autentici e di essere quello che siamo davvero, senza riserve o blocchi. Molte persone potranno pensare che questo modo di vivere la vita stride un po’, ma in realtà quello che conta è quello che sente il cuore. Ed è proprio questo che gli altri non potranno mai far tacere e che ci darà la forza per vivere come vogliamo.

L’intensità regna sulle emozioni

Quando siamo sensibili alle emozioni altrui, l’intensità diventa la migliore amica di tutte le emozioni: l’amore, il dolore, la delusione e l’allegria.

La società ritiene che l’intensità sia qualcosa di negativo, perché, se non siamo in grado di gestirla, ci porta fuori controllo e a fare tutto quello che desideriamo o abbiamo bisogno.

Perché non chiedersi: Che c’è di male nel non lasciare nulla in sospeso nella vita? Cari lettori, imparate a gestire l’intensità di ogni vostra emozione, di ogni parola, di ogni momento della vita e allora la vostra esistenza sarà incredibilmente meravigliosa.

Entriamo in connessione con la vita

Uno dei motivi per cui essere una persona altamente sensibile, o PAS, è da considerarsi un dono è che permette di entrare in connessione con la vita. Le giornate, tutte, hanno un enorme significato. Tutto ha un senso perché tutto ha un perché. L’essere sensibili ci permette di vedere la magia di ciò che ci circonda e di comprendere perché siamo chi siamo. Il perché, lo scopo della nostra persona e di quelle che amiamo.

Le azioni smettono di diventare comuni, stereotipate. Accettate il fatto che la vita è un flusso continuo, che le cose cambiano, siate grati per quello che provate e godetevi ogni momento. E, soprattutto, lasciatevi andare, siate liberi. Liberi di avere la consapevolezza che tutto, ma proprio tutto, ha uno scopo.

Il nostro cuore splende per noi e per chi amiamo

Essere sensibili ci fa percepire qualunque emozione in modo eccezionale. Per questo, l’empatia si sviluppa a livelli inattesi, rendendoci più compassionevoli, sempre se decidiamo di usare questo dono in termini positivi.

Possiamo fare nostra qualsiasi situazione altrui, perché la vita ci ha dato la missione di ascoltare e di aiutare in modo incondizionato. Dobbiamo imparare che possiamo dire di “no”, ma sarà sempre bello offrire aiuto a chi merita il nostro amore incondizionato e il nostro buon cuore.

Tutto-è-possibile

L’intuito è come una stella caduta dal cielo

Se abbiamo un alto grado di sensibilità, possiamo permetterci di provare e sentire più del normale. Quando ci lasciamo andare, l’intuito si risveglia in modo sovrannaturale e diventa una risorsa potente per sentirci soddisfatti e felici.

Riusciamo ad intuire situazioni e sentimenti, nostri, ma anche degli altri. In questo modo, impariamo a gestire il nostro Io, la nostra essenza e, cosa ancora più importante, l’amore verso noi stessi e la vita di chi amiamo. Possiamo aiutare davvero gli altri, magari inconsapevolmente, e questo non farà altro che riempirci il cuore e renderci persone migliori.

Sappiamo rapportarci con gli altri

Spesso capita tra coppie. Una persona altamente sensibile percepisce piccoli indizi nel partner, come se fosse una mappa del tesoro. Questi indizi portano al vero potenziale di questa persona, alle sue necessità, a segreti inconfessabili…

Siete molto percettivi? Questo vi consente di conoscervi meglio e di avvicinarvi a ciò che vogliono gli altri in modo molto più intenso del normale. Tutto questo vi permetterà anche di creare vincoli inconsapevoli, ma intensi, con le persone che amate e che vi stanno accanto.

Essere altamente sensibili è la nostra vera essenza

Ci sono molte persone che magari non ci capiscono, magari addirittura ci scoraggiano con l’intento di sottovalutare il fatto che essere sensibili sia una cosa positiva.

Ricordate, cari lettori, che quando qualcosa ci fa paura, tendiamo a sottovalutarlo e a rifiutarlo, senza fermarci a pensare se può o meno aiutare la persona in questione.

Donna-occhi-chiusi

Probabilmente, come persone altamente sensibili vi sarete sentiti spesso incompresi, come se qualcosa non andasse bene nella vostra vita. Ci auguriamo che questi 7 motivi vi aiutino a capire il dono vitale e l’immenso potenziale che derivano dall’essere persone altamente sensibili, condizione che avete tutto il diritto di godervi come gli essere umani che siete.

La sensibilità costituisce proprio l’egoismo dell’Io. Si tratta del senziente e non del sentito. L’uomo come misura di ogni cosa -cioè non misurato da niente- che paragona ogni cosa, ma è incomparabile, si afferma nel sentire della sensazione.
Emmanuel Lévinas