Essere più produttivi con la meditazione

28 Marzo 2019
La meditazione ha un grande impatto sul nostro cervello e, quindi, sulla qualità della vita e il rendimento fisico-emotivo.

Sicuramente avrete già sentito parlare dei numerosi benefici della meditazione sulla salute, sia fisica che emotiva. Non tutti sanno, però, che meditare aiuta a essere più produttivi, a rendere meglio e a raggiungere gli obiettivi.

Il ritmo di vita attuale è alterato dalla fretta, dallo stress, dal rumore – molto rumore. E in mezzo a questo caos si pretendono da noi buoni risultati e grande resa. Il problema è che la nostra mente si satura facilmente con i mille e uno impegni di lavoro e familiari. Dove trovare il tanto necessario punto di equilibrio ed essere più produttivi? Nella meditazione!

Meditare per calmare la mente

La meditazione, in modo particolare la piena attenzione o mindfulness, è una pratica ispirata al buddismo che ha lo scopo di fissare la mente sul presente, sul qui e ora, su quello che stiamo facendo. L’obiettivo è evitare di restare incatenati alle aspettative, alle preoccupazioni o ai sensi di colpa, assaporare ogni istante e, quindi, non perdere il nostro tempo tra passato e futuro.

Meditare aiuta a essere produttivi in ufficio

Attualmente è una pratica ampiamente accettata per i suoi benefici pratici, soprattutto nel mondo del lavoro. Ad esempio, grandi aziende come Apple, Google e Nike mettono a disposizione dei loro dipendenti sale dedicate a brevi sessioni di meditazione durante la giornata lavorativa. Secondo le loro statistiche, i permessi per malattia si sono ridotti del 78%.

I migliori dirigenti di tutto il mondo ne esaltano pubblicamente i vantaggi. Non c’è da meravigliarsi: gli effetti forniti dalla piena attenzione sono supportati da diversi studi che la collegano alla soddisfazione lavorativa, al pensiero razionale e alla capacità di recupero emotivo. Inoltre, favorisce uno stato di calma che ci consente di osservare ciò che accade da un’altra prospettiva, sia a livello lavorativo che personale.

“Praticate la meditazione. È fondamentale. Una volta che avrete goduto dei suoi benefici, non potrete più abbandonarla e i suoi vantaggi sono immediati”.

-Dalai Lama-

Meditare aiuta a essere più produttivi

Meditare favorisce la nostra resa perché ci libera dallo stress e dai pensieri negativi che la riducono. In questo modo, la nostra mente funziona senza preoccupazioni, pressioni o impacci, lavorando in modo più efficace, concentrato e calmo.

D’altra parte, l’emisfero destro del cervello, responsabile della creazione di nuove idee, lavora in modo più attivo se aiutato da una meditazione regolare. Questo significa che le prestazioni lavorative migliorano. In altre parole, resteremo più concentrati sul lavoro perché la mente non vaga, non si perde in altri pensieri. Meditare aiuta a sentirsi più “freschi”, meno pesanti, il che permette di lavorare con più agilità.

Meditare aiuta a essere più creativi nella risoluzione dei problemi e avere nuove idee per migliorare.

Vi potrà sembrare strano che il solo fatto di chiudere gli occhi, restare in silenzio, concentrare l’attenzione sulla respirazione possa migliorare la produttività, ma è tutto vero. Basta solo provare. La cosa più sorprendente è che agisce in modo positivo sullo stato d’animo per tutta la giornata. 

“Impara a controllare il tuo stato d’animo. Potresti avere più talento di tutti, ma se ti lasci vincere dalle emozioni, non otterrai niente”.

-Jordan Belfort-

Benefici della meditazione

Praticare la meditazione ha un effetto calmante, rilassante e anti stress. Naturale che permetta di essere più produttivi. Alcuni dei suoi benefici più interessanti sono:

  • Fornisce una grande capacità di ricarica.
  • Aiuta ad avere più energia tutto il giorno.
  • Aumenta l’afflusso di sangue al cervello.
  • Rallenta l’invecchiamento,
  • Migliora la capacità di pianificazione.
  • Migliora l’attenzione e la memoria.
  • Stimola la creatività.

Uno studio spagnolo, condotto da Gonzalo Hervás, Ausiàs Cebolla e Joaquim Soler, conferma che la mindfulness offre numerosi benefici tra cui migliore controllo dell’attenzione, una maggiore gestione emotiva e consapevolezza di sé.

Donna seduta in meditazione davanti a un lago

Nonostante le evidenze positive, molte persone rifiutano questa pratica o mostrano incredulità quando vengono menzionati i suoi benefici. Il problema principale è che si tende ad abbandonarla quasi subito, perché considerata difficile da realizzare. Bisogna ammettere che facile non è. Shakti Gawain dice, a ragione, che chiunque abbia praticato la meditazione sa quanto sia difficile silenziare il dialogo interiore e connettersi con la parte più profonda di noi, più saggia e intuitiva.

Ma in questo caso, fallire non ha nessuna conseguenza. A poco a poco tutto diventa più semplice. E, mentre aumenta la forza di volontà nello sforzo di meditare, aumentano i benefici su tutti gli aspetti della nostra vita.

  • Capdet, P. P. A. (1998). La utilidad de la meditación como modalidad terapéutica. Rev Cubana Med Gen Integr14(3), 250-255.
  • Gutiérrez, G. S. (2011). Meditación, mindfulness y sus efectos biopsicosociales. Revisión de literatura. Revista electrónica de psicología Iztacala14(2), 26-32.
  • Harrison, E. (2008). Aprenda a meditar: más de 20 ejercicios sencillos para tener paz, salud y claridad mental. Editorial AMAT.