Film di Orson Welles

Intrighi, suspense e moralità sono protagonisti nei film di questo grande regista. La sua produzione sul grande schermo è stata accolta molto bene dal pubblico e dalla critica.
Film di Orson Welles

Ultimo aggiornamento: 04 novembre, 2022

Quando si parla di registi storici, bisogna citare anche chi si è distinto come attore, sceneggiatore e produttore. Non posso mancare, dunque, i migliori f ilm di Orson Welles.

Welles nacque negli Stati Uniti e passò alla storia per aver girato film in cui predominano l’azione, la riflessione e la moralità. È noto per aver rivitalizzato il teatro, aggiornato il modo di fare radio e aver mostrato sul grande schermo luoghi da tutto il mondo.

I migliori film di Orson Welles

1. Quarto potere

Nel 1941 Orson Welles realizzò uno dei grandi capolavori del cinema: Quarto potere. Regista, scrittore, produttore e attore di questo film di genere drammatico.

Ha vinto un Oscar per la migliore sceneggiatura, scritta con Herman Jacob Mankiewicz. Ricordiamo che è stato nominato anche in altre categorie. Ma cosa rende questo film così iconico?

L’argomento verte sulla figura di Charles Foster Kane, che si mostra impassibile pur raggiungere il potere. Quando muore, le sue ultime parole sono “Rosebud” (bocciolo di rosa), concetto che diventa un vero e proprio enigma, nonché l’inizio di un’indagine attraverso i giornalisti.

Orson Welles utilizza la tecnica dei flashback , applicata in modo audace e coerente. In questo modo, la storia cattura l’attenzione dello spettatore dall’inizio alla fine.

“Un poeta ha bisogno di una matita; un pittore, un pennello; e un regista, un esercito.”

-Orson Welles-

https://www.youtube.com/watch?v=PuAhzB3BF-c

2. La signora di Shanghai

Nel 1947 Orson Welles realizzò questa produzione di film noir. Lui stesso partecipa come attore con la moglie Rita Hayworth. L’intrigo, l’emozione e la suspense sono presenti fin dall’inizio, così come vengono mostrati temi legati all’inganno e alle brutte apparenze.

La trama è incentrata sulla figura di Michael O’Hara, giovane marinaio che si innamora profondamente di Elsa Bannister. Si imbarca in un viaggio con il marito della donna, Arthur Bannister.

A partire da ciò, la maggior parte della trama si svolge, proprio mentre Michael finge la sua morte per ottenere i soldi e scappare con Elsa.

3. Il terzo uomo

Due anni dopo, precisamente nel 1949, Carol Reed realizzò questo film ricevendo grande accettazione dall’Academy. Può essere classificato nel genere dei film noir.

In esso Orson Welles appare come uno dei protagonisti, insieme a Joseph Cotten e Alida Valli. Alcuni aspetti importanti di questa pellicola sono:

  • La storia è ambientata a Vienna dopo la fine della seconda guerra mondiale e il controllo dei diversi territori da parte di potenze come Francia, Gran Bretagna, USA e URSS.
  • Tutto si svolge attraverso le indagini su un possibile omicidio. Questo tema si mescola con quello del mercato nero e il contrabbando.
  • Ogni personaggio è rappresentato in un modo unico. Nonostante il un budget limitato, il regista ha saputo sfruttare appieno le virtù di una storia tanto inquietante quanto attraente.

4. Lo sconosciuto

Questo titolo rientra nel genere dei film noir tra i thriller psicologici, tratta il tema del nazismo. Va tenuto presente che è stato girato nel 1946, poco dopo la fine della seconda guerra mondiale.

Nella trama si può scoprire la figura di Wilson, un agente della commissione di crimini di guerra. Lo scopo è trovare Franz Kindler, uno dei principali cervelli dei campi di sterminio nazisti.

Questo film potrebbe essere considerato uno dei capolavori di Orson Welles, ma è relegato in secondo piano rispetto ad altri film più conosciuti.

“Non credo che la mia carriera artistica sia qualcosa di così prezioso da dover venire prima delle mie convinzioni”.

-Orson Welles-

5. Film di Orson Welles: L’infernale Quinlan

Girato nel 1958 e, come i precedenti, appartiene al genere noir. È incentrato sulla risoluzione di un omicidio. Compaiono sulla scena attori come Charlton Heston e Janet Leigh, senza dimenticare che partecipa anche Orson Welles, che rappresenta un poliziotto corrotto di nome Hank Quinlan.

Un elemento chiave sono le false prove prodotte dalla polizia. Sarà lo stesso Mike Vargas, il protagonista, a scoprire queste prove, legando Quinlan e altri mafiosi all’omicidio.

In breve, uno dei lavori più eccezionali di questo regista che pone un argomento simile ad altre produzioni precedenti e sulla stessa lunghezza d’onda di Alfred Hitchcock.



  • Bartolomé, J. P. y Thomas, F. (2007). Orson Welles en acción. Akal. Madrid.
  • Chion, M. (1992). El cine y sus oficios. Madrid. Cátedra.
  • García García, A. (2011). Psicología y cine: vidas cruzadas. UNED. Madrid.
  • Sullà, E. (2014). SOBRE LA FORMACIÓN DEL CANON DEL CINE NEGRO. 452ºF. Revista De Teoría De La Literatura Y Literatura Comparada, (3), 13–28. Recuperado a partir de https://revistes.ub.edu/index.php/452f/article/view/10782.