Gli Hoyt: padre e figlio che non conoscono la parola “impossibile”

· 10 maggio 2018

Quasi nessuno parla di Dick e Rick Hoyt come se fossero due individui separati. La maggior parte delle persone semplicemente dice gli Hoyt. Dick è il padre e Rick il figlio. I due hanno formato una squadra talmente meravigliosa che è diventata un esempio per migliaia di persone in tutto il mondo.

Tutto è cominciato a Winchester, negli Stati Uniti, circa cinquant’anni fa. Gli Hoyt avrebbero avuto, di lì a poco, il loro primogenito e lo aspettavano impazienti. Tuttavia, quello che si pensava sarebbe stato il momento più felice della loro vita, divenne un incubo. Il bambino ebbe dei problemi alla nascita. Durante il parto, il cordone ombelicale gli si annodò attorno al collo, impedendo così che l’ossigeno arrivasse con normalità al cervello.

Il piccolo subì una lesione cerebrale irreversibile. Presto gli diagnosticarono una paralisi cerebrale. I medici dissero che Rick Hoyt, il bambino appena nato, non avrebbe potuto parlare né controllare i movimenti degli arti.

Tempi duri per gli Hoyt

Quando il piccolo Rick Hoyt aveva solo nove mesi, i medici si riunirono con la famiglia. Dissero loro che sarebbe stato meglio internarlo in un istituto specializzato dato che era condannato a vivere come un vegetale. Tuttavia, dopo averci pensato a lungo e dopo un’infinità di lacrime, i genitori decisero di tenerlo con loro. Decisero anche che, nel limite delle loro possibilità, l’avrebbero educato come un bambino normale.

Per 11 anni il padre e la madre di Rick Hoyt elargirono al piccolo tutto il loro amore e le loro cure. Ma, proprio come avevano detto i medici, lui sembrava non rispondere a nessuno stimolo proveniente dall’ambiente circostante. Tuttavia, un giorno notarono che il bambino seguiva i loro movimenti con lo sguardo. Sembrò loro anche che il bambino comprendesse molto bene quello che dicevano.

Questo piccolo gesto li riempì di ottimismo. Così decisero di recarsi al dipartimento di ingegneria dell’Università TuftsChiesero se esisteva un dispositivo o un mezzo per poter comunicare con il ragazzo. Gli esperti dissero di no, poiché il bambino non presentava alcuna attività cerebrale. I genitori, però, chiesero  loro di raccontare una barzelletta; quando lo fecero, Rick cominciò a ridere.

Fratelli Hoyt

Un nuovo cammino pieno di speranza

Gli ingegneri restarono impressionati da quella reazione cosicché decisero di mettersi al lavoro per creare un sistema affinché Rick potesse comunicare tramite un leggero movimento con il capo. Un anno dopo era tutto pronto. Aspettavano tutti ansiosi le prime parole di Rick. Con loro sorpresa, queste parole furono: “Forza Bruins!”, la squadra di hockey locale.

Cominciò allora una nuova fase per gli Hoyt. Tutti erano entusiasti di poter comunicare con Rick. Restarono ancora più affascinati quando videro che il ragazzo era molto attivo e sensibile. Voleva partecipare a tutto. Uno dei maestri della scuola restò paralizzato, dunque venne organizzata una gara atletica per raccogliere i fondi destinati alle sue cure. Rick disse che voleva partecipare. 

Il miracolo degli Hoyt

Il padre accettò di correre con il figlio. Il ragazzo sedeva sulla sedia a rotelle e Dick lo spingeva. La gara era molto difficile. Le pretese erano elevate e sembrava impossibile superare gli ostacoli. Tuttavia, l’unico obiettivo era non arrivare ultimi. Ce la fecero. Quando raggiunsero la meta, Rick aveva un enorme sorriso sulle labbra.

Padre e figlio Hoyt che partecipano a una gara di corsa

Più tardi, Rick disse al padre qualcosa che non scorderà mai. La frase fu: “Papà quando corriamo insieme non mi sento più disabile”. Voleva sperimentare quella sensazione di raggiungere la meta molte altre volte. Nel 1979, Rick e Dick, il team Hoyt, parteciparono alla maratona di Boston.

Un paio di anni dopo decisero di provare il triathlon. C’era un solo problema: il padre non sapeva nuotare. La soluzione? Imparare. A quasi 50 anni, Dick imparò a nuotare per poter gareggiare con il figlio. Questa volta lo avrebbe spinto su una barca per completare la parte acquatica. Niente aveva reso Rick così felice quanto prendere parte a questa nuova prova. Ogni volta che raggiungeva la meta, anche se negli ultimi posti, un enorme sorriso gli illuminava il viso.

Ad oggi, gli Hoyt hanno partecipato a 66 maratone. E hanno completato altre 975 prove.  Rick si è laureato all’Università di Boston. Adora suo padre, tanto quanto il padre adora lui. È un ragazzo allegro a cui piace scherzare. Attualmente vive da solo e si dichiara un uomo felice.