Goblin mode, la parola dell'anno secondo Oxford

Stanchi di provare ad adattarvi agli standard sociali? Stanchi di lavorare a obiettivi che non vi portano da nessuna parte? State vivendo un nuovo fenomeno, che ha già un nome e che vi stupirà!
Goblin mode, la parola dell'anno secondo Oxford
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 09 gennaio, 2023

Come vi siete sentiti in questi ultimi mesi? Avete avuto uno stato d’animo che andava dalla frustrazione allo sfinimento? A volte avete avuto una voglia quasi irrefrenabile di urlare, scappare da tutto o di fare qualche marachella? Se queste idee sembrano descrivere perfettamente la vostra realtà attuale, dovreste sapere che non siete gli unici e dovreste conoscere l’espressione “modalità Goblin”.

Ogni anno l’Oxford English Dictionary sceglie la parola più popolare. Quella che, in qualche modo, descrive le nuove tendenze della società odierna. Ora, in questo 2022 quello che ha fatto tale istituzione è stato aprire il voto popolare e permettere alla popolazione di scegliere quel termine, quella parola o quella idea, con cui era più in sintonia.

Il 93% di coloro che hanno espresso il proprio voto ha scelto il concetto di modalità goblin. È possibile che più di uno provi una certa sorpresa e persino smarrimento. Perché questa parola? Cosa c’è di così speciale? La verità è che non c’è nulla di nuovo. Il termine è apparso per la prima volta su Twitter nel 2009, ma è stato quest’anno, quando siamo usciti dalla pandemia, che si è installato, a poco a poco, nell’inconscio collettivo.

Spieghiamo in cosa consiste, perché è molto probabile che vi rappresenti.

La modalità Goblin descrive la nostra attuale salute mentale. Molti di noi provano una certa sensazione di angoscia, sovraccarico, apatia e stress.

uomo in modalità goblin
Negli ultimi mesi ci siamo trascinati dietro una sensazione di sopraffazione legata alle nostre aspettative sociali.

Modalità goblin, la parola che descrive come ci sentiamo

C’è un dato evidente ed è quello che ci mostra come la pandemia ha cambiato le nostre vite. Può darsi che quando ci guardiamo allo specchio quasi non notiamo nella nostra pelle e nella nostra espressione questi pochi anni che sono passati da quando ci siamo dovuti rinchiudere. Tuttavia, le variazioni, le rientranze e le riformulazioni sono dentro di noi, nella nostra psiche e persino nella nostra salute mentale.

La modalità Goblin descrive uno stato d’animo complesso che combina la stanchezza con un sentimento di angoscia, l’autoindulgenza con il desiderio di fuggire da tutto. È come se un elfo schizzinoso si svegliasse in una parte di noi stessi che vorrebbe mandare tutto a puttane, ma allo stesso tempo non riesce a sfuggire alla nebbia dello stress, del sovraccarico e dello sconforto.

Se diamo un’occhiata ai video TikTok contrassegnati con questo termine, scopriremo una descrizione molto grafica di questa idea. Vedremo molti giovani ballare come se nessuno stesse guardando. Ci sono molte persone che vogliono a malapena alzarsi dal letto, quelle che sono sedute in strane posture e quelle che mangiano cibo spazzatura come se non ci fosse un domani.

Questa parola nasconde una sfaccettatura tanto oscura quanto pericolosa nell’aspetto della salute mentale. Quel goblin non è sempre gentile o divertente, e se ci lasciamo trasportare da esso, può trasformarsi in un’entità malvagia.

Cos’è un folletto? Un folletto è un’entità che tradizionalmente può portarci magia, buoni presagi e gioia. Tuttavia, in molte culture, i goblin possono anche essere pericolosi.

Il “goblin” che vuole svincolarsi dalle norme sociali

L’Oxford English Dictionary ha definito il termine goblin mode come media o un tipo di comportamento autoindulgente, pigro e negligente tipico di qualcuno che rifiuta le norme o le aspettative sociali. Questa definizione descrive una realtà che molte persone attualmente vivono a causa di tutto ciò che è accaduto negli ultimi anni.

Pandemia, incertezza, crisi economiche e di valore… C’è una stanchezza intrinseca in una parte della popolazione. È ciò che emerge dalla frustrazione di non poter raggiungere i propri obiettivi vitali. Inoltre, di un tipo di percezione associata all’artificialità che ci arriva dai social network.

Siamo stati a lungo ancorati a quei canoni di bellezza impossibili, a idee di successo che rasentano l’ingannevole. Questi anni di pandemia ci hanno fatto riformulare la nostra percezione di quelle condizioni che, fino a non molto tempo fa, ci rendevano schiavi. La modalità globin ci invita a svelarci a stili di vita falsi e insostenibili, optando per quelli più sani.

Questo, senza dubbio, è tanto positivo quanto necessario.

Il lato meno amichevole di questo termine scelto come parola dell’anno

Gli esperti avvertono che il termine modalità globina riflette il riflesso stesso dello stato mentale di una parte della popolazione. C’è chi mostra una forma di abbandono che ha come sfondo l’apatia e la poca energia per farsi carico della propria vita. È quello stato in cui tutto non ha importanza per noi e, a poco a poco, ci avviciniamo maggiormente a qualche disturbo d’ansia o depressione.

Non possiamo ignorare il fatto che, come descritto in uno studio in collaborazione con l’Università di Saragozza e l’Università del New South Wales, i problemi psicologici a seguito della pandemia sono solo peggiorati. Questo può far sì che il nostro goblin interiore diventi, senza che ce ne accorgiamo, un goblin un po’ malevolo.

Queste sono di solito le sue manifestazioni:

  • La modalità Goblin ci convince che è meglio restare a letto, evitando la connessione sociale.
  • Andate a letto e vi alzate con gli stessi vestiti. A poco a poco perdete la voglia di rendervi presentabili.
  • Smettete di prendervi cura della dieta e mangiate la prima cosa che trovate in casa. E se è cibo spazzatura, ancora meglio.
  • Molti degli obiettivi che vi eravate prefissati in precedenza non sono più importanti. Ora vi limitate solo a lasciarvi trasportare dall’apatia, da quell’umore irritabile, da quel folletto dispettoso che se ne frega.

“Oggi ho imparato un nuovo termine: folletto. Ho intenzione di provarlo ogni volta che posso.”

-Tweet di Stephen King del 6 dicembre 2022-

Donna soddisfatta in modalità Goblin
A volte le persone sono costrette a trasformarsi e acquisire nuove abitudini in situazioni stressanti. La modalità elfo ci propone di ridurre le aspettative e il sé idealizzato.

Abbracciate il vostro “goblin” in modo sano e avraete un alleato

Viviamo in quella che molti già definiscono una permacrisi. Vale a dire, siamo intrappolati in uno strato in cui una crisi aderisce a un’altra e poi a un’altra ancora. Molti di noi hanno attivato la modalità goblin quasi come meccanismo di coping in un contesto così complesso. Tuttavia, quando si tratta di abbracciare quell’elfo interiore, proviamo a farlo nel miglior modo possibile.

Non diventiamo prigionieri dell’incuria, della procrastinazione e dell’apatia che arrugginisce tutto e chiude le finestre al mondo. Acquisiamo meglio quel carattere malizioso del folletto che non vuole più seguire le aspettative degli altri per assumere le proprie. Facciamo i birichini e diciamo no all’idealizzazione, alla necessità di mostrare sempre la nostra versione migliore attraverso i filtri più sofisticati.

Optiamo per l’autenticità di chi si mostra per quello che è, per chi accetta la realtà senza bisogno di edulcoranti. Abbiamo già affrontato abbastanza eventi per continuare in modalità Disney. La modalità Goblin potrebbe essere più adattiva, se la sfruttiamo bene.

Potrebbe interessarti ...
La pigrizia è una delle maschere preferite della paura
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La pigrizia è una delle maschere preferite della paura

Tutti noi attraversiamo ogni tanto momenti di pigrizia, di maggiore o minore intensità, ed il motivo è di origine evolutiva.



  • Santabárbara J, Lasheras I, Lipnicki DM, Bueno-Notivol J, Pérez-Moreno M, López-Antón R, De la Cámara C, Lobo A, Gracia-García P. Prevalence of anxiety in the COVID-19 pandemic: An updated meta-analysis of community-based studies. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2021 Jul 13;109:110207. doi: 10.1016/j.pnpbp.2020.110207. Epub 2020 Dec 15. PMID: 33338558; PMCID: PMC7834650.
  • Zhang Y, Janda KM, Ranjit N, Salvo D, Nielsen A, van den Berg A. Change in Depression and Its Determinants during the COVID-19 Pandemic: A Longitudinal Examination among Racially/Ethnically Diverse US Adults. Int J Environ Res Public Health. 2022 Jan 21;19(3):1194. doi: 10.3390/ijerph19031194. PMID: 35162214; PMCID: PMC8835174.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.