I legami familiari si proteggono con empatia e rispetto

6 ottobre 2017 in Emozioni 4440 Condivisi
Come rafforzare i legami familiari

Crescere e, soprattutto, educare i bambini non è un compito facile, poiché agendo in modo errato, possiamo distruggere i legami familiari. Sono necessarie tonnellate di pazienza, affetto e buona volontà per favorire una crescita sana e responsabile che permetta ai bambini di svilupparsi nel miglior modo possibile e, al tempo, stesso prendersi cura del partner.

In questo compito, risultano rilevanti alcune abilità, come saper ascoltare i nostri figli, imparare a mettersi nei loro panni, stabilire dei limiti ed essere capaci di trasmettere loro il sentimento di appartenenza ad un gruppo unico che offrirà loro sicurezza e protezione, qual è la famiglia. Tutto questo è importante anche per gli adulti. Continuate a leggere per sapere come proteggere i legami familiari per creare, così, vincoli più forti!

“Alla fine della giornata , una famiglia amorevole dovrebbe trovare tutto perdonabile”

-Mark V. Olsen-

Dire “ti voglio bene”: la base dei legami familiari sani

Ogni membro della famiglia ha le sue necessità, così come qualità ed abilità diverse. È per questo che ognuno esprime l’affetto a modo suo e ha bisogno di modi diversi per sentirsi dire che gli vogliono bene. Tuttavia, è importante comunicarlo.  

Padre che cerca di rafforzare i legami familiari

A volte ci risulta difficile fare critiche costruttive non solo con gli adulti, ma anche con i bambini e ci dedichiamo unicamente a segnalare quello che hanno fatto male. Il problema è che un atteggiamento che a noi può passare inosservato, può invece avere importanti ripercussioni sull’autostima altrui, soprattutto in quella dei bambini. In questo modo, si debilitano i legami familiari.

Per questo motivo, è importante usare parte della nostra comunicazione per dire che vogliamo bene ai nostri bambini e cosa ci piace di loro, che sono importanti per noi e per la nostra famiglia. In questo modo, li nutriremo con amore e miglioreranno la loro autostima.

I legami familiari forti si nutrono di empatia e sforzo

L’empatia è un grande alleato quando si producono conflitti in casa. Cercare di metterci nei panni dell’altro non permetterà di mettere subito fine alla discussione, ma ci aiuterà a capirlo un po’ di più. Ci aiuterà anche a spiegargli che comprendiamo la sua opinione anche se non la condividiamo, giungendo ad un accordo positivo per entrambi.

“Le case felici sono costruite con mattoni di pazienza”

Harold E. Kohn

Metterci nei panni degli altri faciliterà un altro elemento fondamentale per rafforzare i legami familiari: valorizzare lo sforzo altrui. Quando proviamo a cambiare o a fare qualcosa per migliorare la convivenza in casa, non sempre ci riusciamo subito. Tuttavia, sentirci dire che apprezzano il nostro tentativo ci motiverà a migliorare 

Questo riconoscimento fungerà da rinforzo che potenzia le condotte che ci aiutano a migliorare le relazioni familiari. Il cambiamento, però, si verificherà in modo progressivo.

Rispettare i diritti e i doveri fomenta i legami familiari

Dentro casa tutti i membri hanno i loro obblighi. È necessario che questi siano delimitati e consistenti. Tuttavia, come e quando responsabilizzare i piccoli nei confronti delle faccende di casa? In questo senso, è importante tenere in considerazione l’età dei bambini e chiedere loro di fare certe cose in base alle loro capacità.

Famiglia unita che rafforza i legami familiari

Dal primo anno d’età possiamo chiedere loro di svolgere semplici faccende domestiche che ne fomentino l’autostima. Potranno, dunque, raccogliere i loro giocattoli, aiutarci a portare un oggetto da un posto all’altro oppure pulire qualcosa che hanno macchiato. Sottolineare che ci stanno aiutando in modo impeccabile e quanto sono importanti per la famiglia li farà sentire molto meglio.

Così come i nostri doveri, in casa devono essere rispettati anche i nostri diritti. Il problema si presenta quando, sorgendo dei contrattempi, veniamo meno a questi diritti. È senz’altro importante saperlo fare ogni tanto per il bene delle convivenza, ma non dovrà essere sempre la stessa persona a cedere.  

“La famiglia è l’unica cosa che si adatta ai nostri bisogni”

-Paul McCartney-

In altre parole, non possono essere rispettati di più i diritti di alcuni membri della famiglia rispetto a quelli di altri. Trovare un equilibrio in questo aspetto eviterà l’insorgere di discussioni e malintesi inutili, così come di emozioni negative che minano i legami familiari.  

Immagini per gentile concessione di Nathaniel Tetteh, Annie Spratt e David Straight

Guarda anche